Chi è

Da ventuno anni in politica, Anna Finocchiaro, 54 primavere il 31 marzo, ha cominciato la sua carriera alla Banca d’Italia dove nell’81 diventa funzionario. Laureata in giurisprudenza, per un triennio, a partire dall’82, è pretore a Leonforte e successivamente, nel 1985, per due anni ricopre la carica di sostituto procuratore a Catania dove rimane fino all’87, anno in cui fa il suo ingresso sulla scena politica.
Viene infatti eletta deputata del Partito comunista italiano e nella sinistra è rimasta fino a oggi. Parallelamente alla sua prima legislatura da onorevole, la Finocchiaro è stata anche consigliere comunale a Catania fino al 1995, dapprima nelle liste del Pci e poi con quelle del Pds.
Nel primo governo Prodi (in carica dal 1996 al 1998) la Finocchiaro arriva a un ministero e guida le Pari opportunità e nelle elezioni del 2001 in cui il centrosinistra viene duramente battuto dal Polo, si conferma eletta nelle liste dei Democratici di sinistra e conquista il suo seggio a Montecitorio. Alle Politiche del 2006 passa al Senato nelle liste dell’Ulivo e viene nominata capogruppo a Palazzo Madama.
L’anno scorso ha fatto parte del comitato nazionale per la nascita del Partito democratico essendo uno dei 45 componenti di quell’assise e nel 2008 è stata candidata alla presidenza della Regione Sicilia contro Raffaele Lombardo, uscendone duramente sconfitta. Il 29 aprile è stata riconfermata capogruppo dei senatori del Pd ed è giunta alla sua quinta legislatura consecutiva.