Chi è

Emanuele Lattanzi, 32 anni, è nato in Abruzzo e cresciuto a Roma, dove nasce la sua passione per la cucina. A sette anni prepara la prima frittata, con l’aiuto della nonna. Frequenta la scuola alberghiera, comincia a lavorare nella capitale, sbucciando patate. Poi si trasferisce a Londra, dove conosce la futura moglie Lea, manager alberghiero. Nel 2005 comincia l’avventura in India: Emanuele accetta la proposta di avviare un ristorante italiano a Mumbai e parte per la megalopoli. È un successo: tanto che a metà gennaio gli sarà conferito il premio di miglior cuoco italiano all’estero. Lea nel frattempo si trasferisce a Roma per lavoro e lo raggiunge a periodi. Intanto nasce la piccola Clarice, che oggi ha 7 mesi. Nell’agosto scorso mamma e figlia raggiungono Emanuele a Mumbai per trascorrere qualche mese insieme. A fine novembre vivono la tragedia degli attentati terroristici: Lea e Clarice sono prigioniere all’Oberoi-Trident da tre giorni quando il papà decide di entrare nell’hotel, sfidando i divieti e la paura, pur di portare alla sua bimba biberon e pannolini.