Chi è

Paolo Becchi è docente di Filosofia del diritto all’università di Genova. Il suo nome è finito alla ribalta dopo un articolo di Lucetta Scaraffia del settembre scorso. Nell’articolo, pubblicato sulla prima pagina dell’Osservatore romano, si trattava della questione dei trapianti e dei criteri di definizione della morte cerebrale. Lo spunto era proprio la tesi di Becchi, sostenuta nel suo libro Morte cerebrale e trapianto di organi. Nel volume avanza l’ipotesi che i criteri per stabilire la morte cerebrale di un paziente, stabiliti dalla dichiarazione di Harvard, «favoriscano» i trapianti di organi. Una posizione che ha suscitato molte polemiche, anche se Becchi sostiene di non essere «affatto contrario» ai trapianti.