A CIVITAVECCHIAServiva carne di cetaceo Sequestro nel ristorante

Era pronta per finire sui tavoli di un noto ristorante del litorale laziale, la carne di delfino sequestrata dalla Capitaneria di Porto a Civitavecchia. Chiamato in causa da un appello di Lav e Marevivo anche il ministro dell'Ambiente Andrea Orlando: «Avvii un urgente piano di controlli». La denuncia e il blitz nel ristorante, che serviva il piatto fuorilegge a selezionati clienti «vip», seguono le polemiche per la mattanza di delfini in Giappone. Proteste pure dall'ambasciatore italiano.