Clandestino nel carrello precipita dall'aereoOriginario del Burkina Faso è caduto da un volo dell'Air France

Si era imbarcato clandestinamente su un volo diretto a Parigi, nascosto nel carrello di un aereo dell'Air France. L'uomo, presumibilmente del Burkina Faso, sarebbe caduto dai cieli africani dal mezzo in quota, in sorvolo sul Niger. A far scattare l'allarme una pozza di sangue trovata a terra a una decina di chilometri dall'aeroporto di Niamey. L'aereo è stato subito fatto atterrare nella capitale del Niger e attorno al volo AF547 si sono aperte le prime indagini. L'uomo sarebbe caduto attorno alle 5 del mattino a pochi metri dalla casa di un residente che l'aveva scoperto, ha spiegato il ministro degli Interni del Niger, Abdou Labo: «Quando la polizia è arrivata ha trovato il corpo senza vita di un uomo di colore, riverso in una pozza di sangue».
Stamani i passeggeri dovevano essere tutti a Parigi. Una tratta piuttosto frequente quella del volo Air France partito da Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso, mercoledì sera. Invece è stato fermato per la macabra scoperta una volta atterrato in Niger. Una macchia di sangue è stata trovata anche sull'ala sinistra del mezzo, subito circondato dalle autorità e messo sotto sorveglianza.
Bbc Africa ha dato per prima la notizia, mettendo insieme gli elementi di questo tragico puzzle. Le famiglie dei 201 passeggeri, in attesa all'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi, hanno saputo che un inconveniente aveva bloccato la tratta. Senza chiarimenti, vista la cautela iniziale della compagnia. La notizia, data in prima battuta da Bbc Africa, è stata poi confermata dall'Air France e l'aereo è stato bloccato a terra, fermo negli hangar del Niger National Aeroport.
Il passeggero clandestino «sarebbe caduto dal vano di uno dei carrelli» del mezzo, ha detto Christophe Paumier, portavoce della compagnia. «Per il momento, però, non disponiamo di elementi certi. L'indagine viene ora condotta dalle autorità locali». I passeggeri sono stati tutti interrogati ieri pomeriggio, poi lasciati ripartire su due voli distinti per Parigi. Arriveranno a scaglioni questa mattina e dovranno restare a disposizione delle autorità in caso di necessità. «Non sappiamo - ha detto il portavoce di Air France - se le tracce di sangue ritrovate sull'ala sinistra del velivolo appartengano all'uomo o a un uccello». C'è infatti la possibilità che si tratti di liquido del comparto idraulico. Il governo del Niger ha aperto un'inchiesta. L'unica certezza sembra relativa alle cause della morte dell'uomo. L'Air France ricorda infatti che l'ultimo caso di un clandestino imbarcato su un volo francese, morto a seguito di incidente simile, risale al 2007, partito dal Cairo. E che, di solito, chi si intrufola nel carrello, trova la morte in volo a causa del freddo in quota.