Il Colle pronto a tutto per blindare il governo

Da Napolitano sostegno a Letta qualunque cosa accada. E predica calma sul futuro

Roma - Sulla Croda Rossa, a duemila metri di altezza, i rumori delle polemiche romane e il chiacchiericcio sulla tenuta di Palazzo Chigi arrivano piuttosto ovattati. Niente passeggiata oggi, meglio la seggiovia: Giorgio Napolitano sale in quota tra i camosci delle Dolomiti e così aumenta, anche fisicamente, la distanza con la Cassazione. L'immagine, la photo-opportunity, è dunque quella di un capo dello Stato tranquillo. Se c'è qualcuno in angoscia per il verdetto, certo non sembra lui.
Ma in realtà il presidente ha il telefono in mano e «segue la situazione». Già da giorni ha provveduto, con discorsi pubblici e contatti privati, a blindare il governo. Adesso è il momento dell'attesa, quindi del silenzio. Nessuna dichiarazione ufficiale. Non ce n'è bisogno, perché come la pensa sull'argomento l'ha detto chiaramente l'undici giugno, quando ha ricevuto sul Colle i giovani tirocinanti. «Occorre che ogni singolo magistrato sia pienamente consapevole della portata degli effetti, talvolta assai rilevanti, che un suo atto può produrre, anche di là della parti processuali». Ogni riferimento a fatti accaduti e a persone reali e puramente voluto.
Napolitano sabato tornerà dalle vacanze montanare in Val Fiscalina, giusto in tempo per affrontare da Castel Porziano gli effetti politici della sentenza Mediaset, in un senso o nell'altro. Il Pdl si ribellerà, si accamperà sotto il Quirinale? Il Pd esploderà? Dal Palazzo presidenziale invitano alla prudenza: è inutile parlare del risultato di una partita quando le squadre stanno ancora giocando. Anzi, quando sono solo al primo tempo.

Si possono però ipotizzare degli scenari, partendo da un punto fermo: Re Giorgio cercherà di tenere in piedi questo esecutivo qualunque cosa accada. La crisi non è finita, la situazione economica del Paese è ancora precaria e l'Italia non può permettersi ulteriori passaggi a vuoto. «Vorrei che ci fosse un po' più di continuità di governo - ha detto un mese fa - perché abbiamo il record della fibrillazione politica. Magari non passano nemmeno due mesi da quando viene formato un governo che il discorso quotidiano diventa quello della prossima, o imminente, o incombente, o fatale crisi».
Il Pd è avvisato: chi pensa di buttare giù Letta per rafforzare Renzi ha sbagliato i conti, perché sul Colle ci sarà Napolitano a dirigere il traffico. Di sciogliere le Camere poi non se parla: la legislatura ha solo pochi mesi, ha scritto l'altro giorno a Bertinotti che gli dava quasi del golpista, «le elezioni anticipate sono una pericolosa patologia» e l'Italia «non può consentirsi altri azzardi». Se Letta cade, ci saranno «gravi contraccolpi economici e sociali». E del resto maggioranze alternative alle larghe intese non esistono. Il Pd ci ha provato, per un paio di mesi. «C'è forse bisogno di ricordare l'insuccesso del tentativo dell'onorevole Bersani?». No, non c'è bisogno, l'ex segretario democratico si è accorto da solo dell'«insussistenza» di un accordo con i grillini. Chi vagheggia governi per la riforma è fuori dal mondo.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 31/07/2013 - 08:34

in realtà, napolitano non ha proprio bisogno di blindare il governo. essendo presidente del CSM, avrebbe potuto benissimo far chiudere il processo di berlusconi con una assoluzione. ma non lo ha fatto e non lo farà mai essendo un comunista "convinto"! e questo lo renderà, davanti alla storia, un grosso complice dei delinquenti !!

guidode.zolt

Mer, 31/07/2013 - 09:49

Golpe all'orizzonte...ma sfocato dalla canicola!

Ritratto di depil

depil

Mer, 31/07/2013 - 10:26

aspetto con trepidazione il funerale solenne dell'ultimo degli stalinisti impuniti.

LAMBRO

Mer, 31/07/2013 - 10:27

Sig. Presidente, per favore non blindi solo il Governo ma anche l'Italia!! Come presidente del CSM potrebbe fare una grande opera di pacificazione di cui gli Italiani Le sarebbero grati. Di Re Giorgio l'Italia ha bisogno: per favore eserciti tutta la Sua autorità e faccia smettere questa accozzaglia di avvoltoi e approfittatori che sguazzano nel ns caos. Grazie

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mer, 31/07/2013 - 10:57

La politica si arrocca sempre di più. si stanno preparando ad uno scacco matto senza precedenti.

enzo1944

Mer, 31/07/2013 - 11:16

Dopo che il napoletano che sta al Colle ha tramato in tutti i modi e per 8 anni per far cacciare e battere Berlusconi,non gli par vero di portare il suo PCI-PD al governo,...........grazie alla magistratura di cui è il gran kapò!......cara depil,insieme al napoletano(che ha 2 figli in Banca d'Italia),tra gli impuniti,c'è pure il "furbo" inserito in tutti i ministeri del Governo Italiano(cossutto),con figli,figlie,nuore,generi e parenti vari!

Ritratto di deep purple

deep purple

Mer, 31/07/2013 - 11:45

Scafi mi ha rubato le parole. Napolitano non vuole la crisi di governo, perchè se no viene Renzi che alla sinistra fa ancora più paura di Berlusconi.

meyer

Mer, 31/07/2013 - 12:23

Contesto vigorosamente chi accusa Napolitano perché viene dal PCI. Nel dopoguerra nell'Italia sfasciata dalla guerra voluta da Mussolini c'erano due sole "scuole" di politica, il PCI e la DC. Forse che la scuola DC era meglio del PCI ? Napolitano ha chiaramente superato il suo passato PCI, ed è un grande Presidente. Il suo unico problema è di non avere i poteri che avrebbe avuto in un regime presidenzialista, quelli che ebbe un De Gaulle in Francia. I mali dell'Italia discendono tutti dall'impotenza del suo regime politico: se avessimo avuto il presidenzialismo cinquant'anni fa, non saremmo nella situazione odierna. Napolitano ha le mani legate dall'impotenza del regime di tipo parlamentare.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 31/07/2013 - 12:27

napolitano, che brutto delinquente novantenne!!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 31/07/2013 - 12:38

tra compari si aiutano, tanto gli italiani sono sempre felici e spensierati fin che dureranno le pensioni dei genitori e nonni.....

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 31/07/2013 - 12:39

e' una discesa negli abissi. Solo il Duce potrebbe salvare l'Italia, ma Lui riposa a Predappio, in pace.

benny.manocchia

Mer, 31/07/2013 - 12:42

E facile dire "balindiamo il governo".Ma come? Non bastano le parole di Napolitano.Se il Pdl si ritira il governo non c'e' piu' e Napolitano deve ricominciare da capo.E cerchiamo di essere sinceri: se Berlusconi sara' condannato il suo partito non restera' a gaurdare con le mani in mano.Napolitano non puo' poi fare i giochetti del presidente "di tutti" facilitando apertamente i comunisti.Cosi' dovra' eleggere Berlusconi senatore a vita,oppure aiutare l'avvio di una amnistia o comunque usare tutti i mezzi a sua disposizione (come ha fatto in altre occasioni)perche' altrimenti in Italia i comunisti non andranno mai al potere.MAI. Un italiano in USA

Ritratto di Coralie

Coralie

Mer, 31/07/2013 - 12:43

" Occorre che ogni singolo magistrato sia pienamente consapevole della portata degli effetti, talvolta assai rilevanti, che un suo atto puo' produrre, anche al di la delle parti processuali." Niente di piu' ridicolo ed irrazionale! Re Giordio conferma con questa opinione, l'impunita' dei magistrati anche in caso di errore, e da non poco. Ma puo' una categoria di arricchiti, di intoccabili e di gente che mette il guinzaglio a tutto e a tutti, essere trattata con i guanti di velluto da un Presidente della Repubblica ( che e' anche il loro Capo supremo )? Questa e' l'Italia di Re Giorgio: s'indigna per i casi Carfagna, Kyenge e per il rogo al liceo, e non s'indigna per " la caccia all'uomo ( Berlusconi ) della Bocassini e soci, in atto da anni! " Ma siccome le toghe sono rosse come lui, la sua ampia visione di vedute a quella di un Napolitano di nome e di fatto!!!

GilbertoVR

Mer, 31/07/2013 - 13:07

Mi dispiace per il Presidetne Napolitano,che reputo uno dei migliori Presidenti della storia italiana, ma questa volta non sono d'accordo. Ci sarebbe l'opportunità di creare un vero governo e far cadere questo esecutivo del nulla e del niente. In Europa, dove non riescono comprendere la logica di questo governo, non si aspetta altro che il Paese abbia un geverno vero. In parlamento, facendo uscire da M5S gli sponsorizzati da PDl , una maggioranza alternativa esiste. La democrazia ne guadegnarebbe e si favorirebbe la fine dei dei tre partiti inetti : PDL PD M5S. Però Letta dovrebbe continuare fino all'approvazione della nuova legge elettorale. Basta una settimana.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 31/07/2013 - 13:19

MA BASTA! Basta a tutto!! Dobbiamo smettere immediatamente di comportarci, pensare, valutare, discutere, protestare come abbiamo fatto fino a oggi e da decenni! Ci hanno fatto diventare tutti una massa di rammolliti e lamentosi polemici; ci hanno trasformato e ci hanno convinto di essere un gregge a cui facilmente viene e deve essere imposto tutto, in ogni ambito delle nostre vite e persino dei nostri più privati pensieri. Siamo diventati un esercito di vuoti, inutili, incapaci, ben allineati e disciplinati ricercatori dell'infinitamente piccolo. Hanno incatenato ognuno di noi al suo tavolino e noi passiamo le giornate a guardare dentro a uno scassatissimo e "taroccato" (dalla politica, quella rossa in primis e da più lungo tempo) microscopio e ci perdiamo (questo è esattamente ciò che si voleva ottenere) nell'analisi infinita di microparticelle delle nostre vite, della nostra società, della nostra economia, ecc... E ognuno parla, parla, parla... da solo! Nessuno viene ascoltato e, se fa troppo casino, media-politici-magistratura-sindacati-istituzioni-istruzione-sanità-centri sociali rossi e/o uno del loro esercito di mantenuti provvede a cambiargli il vetrino e lui se ne ritorna buono buono a concentrarsi su qualche altra insignificante inezia. La paura folle di chi ci ha ridotti così è che qualcuno riesca a liberarsi dalle catene e si alzi in piedi e cominci a guardarsi davvero attorno e ad accendere la luce nel locale buio in cui ci hanno rinchiuso da 70anni. Sono terrorizzati al pensiero che finalmente tanti di noi provino a staccare l'occhio dal microscopio, si liberino delle catene, si alzino in piedi e di colpo realizzino che una visione generale ci farebbe scoprire che il locale in cui viviamo le nostre limitate (da loro) esistenze è piccolo, sporco, con l'aria malsana, che tutti noi abbiamo infilato nelle vene un ago collegato a un sistema succhiasangue centralizzato; che siamo ammassati a decine di milioni in una prigione mentre, fuori, qualche milione di nullafacenti e gozzoviglianti carcerieri ideologizzati controlla che nessuno sposti anche solo l'occhio dal microscopio (figuriamoci liberarsi e andare in giro...) e si ingozza del nostro sangue, oltretutto irridendoci. Il problema è che tanti degli incatenati sono talmente indottrinati e convinti, che abbaiano e digrignano i denti ai loro vicini che osano tentare di liberarsi da tutto questo (basta leggere anche solo le idiozie senza senso, offensive, violente e pretestuose che tanti acefali rossi vengono a scrivere anche qui...). Non c'è più spazio, non c'è più tempo, non c'è più ossigeno, per porre attenzione ai particolari. Occorre "guardare dall'alto" e nella visione generale concentrarsi sui "macigni", sulle "montagne", sui "reticolati di filo spinato"... Lo stato costa troppo, si deve tagliare le spese a colpi d'ascia non con la pinzetta per le ciglia - La Costituzione e l'assetto istituzionale sono inadeguati e paralizzanti, vanno cambiati e riformati dalle fondamenta - Le regole fiscali, burocratiche e del mercato del lavoro sono depressive, repressive, limitanti e inadeguate, vanno ricostruite e adeguate - I poteri di magistratura e sindacati sono da dittatura comunista, vanno rifondati e riportati all'interno di in un'ottica di vera democrazia e giustizia - L'immigrazione è un problema mortale, va completamente fermata e le regole/leggi vanno modificate o promulgate in modo che davvero proteggano gli Italiani da questo uragano devastante - Devono essere permessi referendum propositivi, deliberativi e legislativi su materie di interesse nazionale e costituzionale... DOBBIAMO SVEGLIARCI, alzarci in piedi e tornare padroni di noi stessi, delle nostre vite, del nostro lavoro e della nostra magnifica nazione; ma dobbiamo farlo adesso, SUBITO, il tempo è già scaduto!!!!....

Fracescodel

Mer, 31/07/2013 - 13:43

Purtroppo criticare il Presidente e' reato di villipendio. Questa legge va cambiata, cosicche' il pubblico possa esprimersi liberamente. Ce ne sono di cose da dire. Perintanto mi limito a ricordare a tutti PAOLA MUSU, l'avvocato che ha denunciato Napolitano e Monti per tradimento.

Fracescodel

Mer, 31/07/2013 - 13:58

@deep purple: RENZI non fa paura a sinistra. Renzi e' l'uomo del futuro della sinistra, inteso come marcio della sinistra. Stanno lentamente creando il personaggio per essere un cavallo sicuramente vincente. RENZI e' il nuovo volto del potere bancario che gia' comanda la sinistra. Le tensioni interne sono FALSE, e servono come propaganda per il PUBBLICO. Renzi e' come e peggio degli altri...alla fine, non sono i politici che decidono; i politici sono messi in carica grazie ai poteri che influenzano il grande pubblico con i media; alla fine, i politici, soprattutto quelli di sinistra in Italia, fanno quello che gli viene detto dal "padrone"...sono dei vigliacchi traditori. Renzi e' il prossimo. Attenti, informatevi. Nessuno e dico nessuno, nella posizione di Renzi sarebbe stato invitato da Merkel e altri governi per un'incontro, se questo non fosse al CENTRO DI UNA LOGICA BEN PRECISA. Come Monti, Renzi ci stuprera' come tutti gli altri. La gente che serve a noi, che servirebbe in politica, questa gente non vuole saperne di diventare personaggio pubblico. Servirebbe CAPROTTI, ma questo e' gia' schifato del sistema, non ha certo voglia di andare incontro al fango gratuito, strali immondi per squalificare qualunque persona onesta ed alimentare il dominio delle banche.

Ritratto di Coralie

Coralie

Mer, 31/07/2013 - 14:11

@GilbertoVR--non sono bastati piu' di 15 per cambiare la legge ekettorale, secondo te basta una settimana? Ma fammi il piacere. Inoltre, se dovesse cadere questo governo e il PDL non facesse parte del prossimo, per l'Italia sara' la fine. Con i comunisti al governo ( con i ministri che percepiscono uno stipendio di 15.000 Euro al mese, alla faccia dei disoccupati ), molte imprese chiuderanno; le piu' importanti porteranno la produzione all'estero ed i capitali e/o i risparmi pure. Votare Pd e' sara' come darsa la zappa sui piedi ( per chi non l'avesse capito, sarebbe come il marito che per far dispetto alla moglie si taglia il c---o! Tutto, ma non dite si stava meglio prima, perche' la colpa e' e sara' solo di coloro che voteranno PD! Uomo avvisato, mezzo salvato!

brunicione

Mer, 31/07/2013 - 14:39

Se rinuncia a qualche milionata dei costi della presidenza, comincerebbe ad aiutare qualche centinaia di disoccupati, spiegategli che è così che si aiuta il paese e non solo e sempre con le chiacchere

RNPI.IT

Mer, 31/07/2013 - 15:02

E' auspicabile che durino i governi che fanno l'interesse dei sovrani d'Italia = i cittadini. In tutti gli altri casi, il governo serve "altri" e quindi è opportuno che duri il meno possibile.

titina

Mer, 31/07/2013 - 15:03

x mortimermouse. ma che concetto hai di giustizia? Se napolitano non fa assolvere berlusconi sarebbe delinquente o complice dei delinquenti? Io penso che se si commette un reato bisogna pagare e se non lo si commette debba essere assolto, chiunque esso sia, senza preferenze e senza persecuzioni.

wotan58

Mer, 31/07/2013 - 15:09

Solo per informazione, il CSM non ha nessun tipo di competenza nei riguardi della Cassazione. Nella sostanza il buon Napolitano sarà certamente felice di aver coronato i suoi sogni di gioventù, consegnando il governo del paese alle sinistre. Figuriamoci con che occhio vedrebbe una crisi che potrebbe portare a nuove elezioni con il rischio, certamente molto basso, che si possa costituire un nuovo soggetto politico nell'area liberale, magari supportato da Confindustria e dalle altre associazioni imprenditoriali estremamente scontente e deluse da SC, che alla luce della catastrofe del governo Letta,vinca le elezioni e mandi all'opposizione i grandi partiti della sinistra.

Ritratto di Markos

Markos

Mer, 31/07/2013 - 16:14

meyer - no, non e' cosi , non e' la guerra voluta da Mussolini , L'Italia era alleata della Germania , che era in guerra con gli stati che dopo la 1° guerra mondiale gli avevano portato via pezzi di Germania, cioè Polonia etc. La guerra vera la hanno iniziata gli Inglesi e Francesi alleati della Polonia che hanno dichiarato guerra alla Germania e non viceversa. Ma se l'Italia di Mussolini si fosse alleata con gli Inglesi e Francesi sarebbe rimasta fuori ? In quel caso i Tedeschi nostri nemici che facevano ? In un modo o nell'altro Mussolini e non, causa la nostra posizione geografica saremmo stati coinvolti comunque.

Ritratto di Markos

Markos

Mer, 31/07/2013 - 16:24

titina . ma di quali magistrati parla ? persone con la laurea politica in tasca , studenti tutto scuola centri sociali e okkupazione , tramite corsi preparatori della CGIL inseriti magicamente in magistratura .. ma anche in altri posti di potere ... 50 anni fa' Almirante nel MSI preferiva candidare solo avvocati , spiegava : per difendere il partito dall'attacco dei magistrati ,all'epoca avevano individuato il MSI come il coperchio buono per coprire ogni pentola . Oggi e hanno cambiato solo il coperchio ..

caronte37

Mer, 31/07/2013 - 20:57

...pronto a tutto in che senso? nel senso che favorirà altre alleanze se PDL, giustamente, manda a puttane il governo

Ritratto di Ignazio.Picardi

Ignazio.Picardi

Ven, 27/09/2013 - 21:06

""perché sul Colle ci sarà Napolitano a dirigere il traffico"" QUESTA FRASE AL SOTTOSCRITTO NON PIACE - NAPOLITANO NON HA POTERI DI FAR TUTTO CIO' SE NON ESISTONO FORZE POLITICHE PER COAGULARE UN NUOVO GOVERNO - AL LIMITE POTRA' COMPORRE UNA SQUADRA POLITICA PROVVISORIA PER LA NECESSARIA AMMINISTRAZIONE STARORDIANRIA DELLO STATO E PER L'ANDAMENTO DELLE ELEZIONI. SE VIETA DI MANDARE IL POPOLO AD ELEZIONI NASCERA' UN CASO MOLTO SCABROSO - POTETE ESSERE CERTI CHE SARA' COSI' - SAREBBE UN GUAI COSTITUZIONALE.

Ritratto di Chichi

Chichi

Sab, 28/09/2013 - 08:52

Pronto a tutto? Perché c'è qualcosa ce non abbia già fatto, per portare l'Italia al punto in cui siamo? Vediamo:---------------------------------- 1) Insieme ai suoi "compagni" ha ricevuto per decenni soldi da una potenza nemica dell'Italia e delle democrazie occidentali. Questo si chiama tradimento.------------------------------------ 2) Insieme hai suoi "compagni" si sono tenuti i soldi e si sono felicemente amnistiati. Nessun "La giustizia deve fare il suo corso".-------------------------------------------------------- 3) Venuti a mancare i rubli, insieme ai suoi "compagni" ha messo su la più grande macchina clientelare mai vista prima, diventando con loro membro del partito della spesa e delle tasse. Refrattario per questo ad ogni cambiamento.---------------------- 4) Presidente della repubblica, ci ha frastornato con trombonate, inondazioni di ovvietà: "soluzioni condivise", "rispetto della costituzione" "Indipendenza della magistratura"... Chiaro e inequivocabile solo nele sue molte frecciate contro Berlusconi e il suo governo.------------------------------------------------ 5) Di fatto, ha così avallato la persecuzione contro il leader dello schieramento opposto al suo, messa in atto da PM, fartisi anche capi della polizia alla Beria.----------------------------- 6) Presidente del CSM, non ha visto, non ha sentito, non ha parlato sulla rottura degli argini di questo ordine proclamatosi potere e senza più ritegno, ormai, indipendente soprattutto dalla legge.--------------------------------------- 7) Con la storia dello spread, negandogli la possibilità di un decreto legge su cui porre la fiducia, lo ha bandato in europa senza nulla in mano. Facendosi complice delle mire Germania (ed è tutto dire per uno stalinista) e del malcelato razzismo del nor europa nei confronti delle nazioni mediterranee------------------ 7) il suo governo Monti ha fatto tutto per decreto e con la fiducia è ha dato il colpo di grazia alla nostra economia e alla nostra spesa.--------------------------------------------------- Le sue mosse dopo la condanna di Berlusconi sono davanti agli occhi di tutti: cieco e sordo per modo con cui si è arrivati a quella condanna; felice che sia arrivata per buttare nel cassonetto dei rifiuti il leader del maggiore partito contrapposto al suo; con parole false, intento ha completare il golpe di cui è stato il principale artefice.-------------------- Se siamo a questo punto grazie soprattutto al Caro leader, ha senso affidarci a lui per uscirne? Cosa potrebbe fare di più? I carri armati portatori di pace non ci sono più; Chiederà l'intervento dei missili nord coreani?