Un complotto da film per il trono del mondo

Sei politici arrestati all'alba: erano tutti parte del complotto di un senatore democratico per diventare sindaco della Grande Mela

Diventare sindaco di New York significa mordere una mela così grande da farci stare dentro più di tutto. Una volta a Michael Bloomberg chiesero: perché non si candida alla presidenza degli Stati Uniti?. «Perché faccio il sindaco di New York». Ma fare il presidente è il più bel lavoro del mondo... E lui: «Allora faccio il secondo lavoro più bello del mondo. E lo faccio a Manhattan». Cioè: è un'altra cosa. Perché la guardi e ti senti forte. Ti alzi la mattina e dici: «Sono il capo di questa città, posso governare il mondo».

Era diventata l'ossessione di Malcolm Smith, un senatore statale che sperava di intrufolarsi nella corsa a sindaco della Grande Mela. Si vota a novembre. Si sceglie proprio l'erede di Bloomberg che l'ha governata per dodici anni. Smith sapeva che la partita era difficile: milionari, salottieri, lobbisti, c'è un sacco di gente che vuole quel posto. Lui, per provare a prenderselo ha studiato un piano da film, fatto di corruzione e complotti: l'ha fregato un agente infiltrato che ha arrestato lui e gli altri cospiratori che volevano provare a condizionare il voto di Manhattan. Nella cella in cui l'hanno rinchiuso la sua ossessione lo tormenterà per non si sa quanto. Perché governare New York è cosa grossa davvero. Non c'entra con Parigi, con Londra, con Pechino, con Tokyo, con Brasilia. Non è neanche come se tutte queste metropoli si mettessero insieme. New York è altro. Per capirci: da sola, è la 14ª economia mondiale. Fosse uno Stato indipendente sarebbe nel G20. Il Pil è di 1,2 miliardi di dollari, come quello dell'intera Spagna, più di quello del Messico o di quello dell'emergente Corea del Sud, quasi il doppio di quello della Turchia che galoppa come pochi Paesi al mondo. Ma se il Pil lo dividi per i suoi 8,2 milioni di abitanti scopri che New York vale dieci volte l'Italia e tre volte e mezzo l'America.

Fa girare la testa, New York. Ricca, splendente, dolce, spietata. «Un'isola galleggiante su acqua di fiume come un iceberg di diamante», la definì Truman Capote. In questo diamante di 784 chilometri quadrati ci sono oltre 200mila aziende. A Manhattan hanno sede 15 delle prime 20 banche del pianeta, 8 delle 10 società di investimento più importanti, più di 100 università, quasi mille tra giornali, televisioni, radio e società di produzione cinematografica. Wall Street resta ancora la borsa più importante e grande del mondo. In città ci sono più di 200 rappresentanze diplomatiche: significa che non esiste un solo Paese di tutto il globo che non abbia un qualche interesse a New York. Il rischio ossessione è reale perché il mondo passa da qui. È inevitabile, come la corrente di un fiume. Quel fiume.

Commenti
Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 04/04/2013 - 09:04

Si vede che i democratici, con l'arrivo di Obama, hanno cominciato a ripassarsi le gesta di Al Capone.

cgf

Gio, 04/04/2013 - 09:13

non so a quando risalgono quei numeri, è certo che molte aziende hanno spostato i propri headquarters da NY ai vicini NJ e CT, un caso su tutti è GE, vero che gli uffici operativi principali si trovano al Rockefeller Plaza ma ha spostato la sede da un pezzo a Fairfield in Connecticut ed è la sede principale quella che paga la fetta grossa di tasse e sulla carta produce maggior reddito. Non è un caso isolato, negl'ultimi 20 anni moltissime aziende hanno 'traslocato', tutto troppo caro, sopratutto le tasse locali, a NY (Stato e Città). Chissà se fossero rimaste tutte li.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 04/04/2013 - 11:22

in piccolo quello che sta accadendo al nostro pianeta per mano del Nuovo Ordine Mondiale.

Ritratto di scappato

scappato

Gio, 04/04/2013 - 11:51

Il PIL conta fino a un certo punto. Conosco moltissimi newyorchesi che si sono spostati in Texas dove con un PIL minore vivono molto meglio. Per una abitazione della stessa misura, il mutuo a Dallas o Houston e' di circa un quinto dell'affitto in Manhattan.

Ilgenerale

Gio, 04/04/2013 - 13:06

Si, confermo, ho molti amici a New York, questi mi sembrano dati un po' attempati, moltissime aziende hanno traslocato negli stati vicini, e anche i privati hanno traslocato in molti: la città e' molto cara. Comunque è anche vero che il suo peso politico e' rimasto invariato.