IL CONFRONTO

La giustizia penale italiana e la giustizia penale americana sono due mondi distanti non un oceano ma anni luce. Entrambi alle prese con gli errori giudiziari, hanno scelto strade opposte per limitarli e correggerli. Per esempio. Le corti americane esaminano con grandissima attenzione i curricula dei periti, pratica sconosciuta in Italia. In Usa i protocolli per la raccolta delle prove scientifiche sono molto rigidi e i reperti sono conservati, mentre in Italia si distruggono. Da noi il ricorso in appello è praticamente automatico mentre negli Stati Uniti, dove è rarissimo, molti casi vengono riaperti dai pm, che ricoprendo una carica elettiva hanno interesse farsi pubblicità, anche gettando in cattiva luce i predecessori. Così si spiegano anche i lunghi anni trascorsi in prigione dai condannati a morte, che a volte non passano invano.