Il Consiglio Regionalerespinge la sfiduciaal presidente Formigoni

Bocciata dal Consiglio regionale della Lombardia la mozione di sfiducia presentata da Pd, Idv e Sel - e votata anche dall’Udc - al presidente della Regione

È stata bocciata dal Consiglio regionale della Lombardia la mozione di sfiducia presentata da Pd, Idv e Sel - e votata anche dall’Udc - al presidente della Regione, Roberto Formigoni.

Pdl e Lega hanno respinto la richiesta di dimissioni per andare al voto anticipato, al termine di un lungo dibattito. I voti contrari sono stati 49, mentre i sì sono stati 28. Nessun astenuto. Il voto è stato salutato dall’applauso della maggioranza a cui è seguito un battibecco tra l’esponente Pd Franco Mirabelli e gli assessori Andrea Gibelli e Romano La Russa.

"Nessun atto illegale è stato compiuto in Regione Lombardia", ha dichiarato il presidente della Regione Lombardia nel suo intervento durante la discussione della mozione di sfiducia nei suoi confronti.

Formigoni ha poi ricordato che "non c’è un euro pubblico" nelle inchieste che riguardano la sanità lombarda perché "Fondazione Maugeri e San Raffaele" sono attività private.