Contro Dudù il candidato Pd schiera Tetù

L'arma segreta del Pd contro Berlusconi si chiama Tetù. È lui il piccolo cane proletario destinato a sconfiggere l'aristocratico barboncino Dudù. «Tetù è un cane-lavoratore abituato ogni giorno a guadagnarsi la pagnotta, mica come quel mantenuto di Dudù...», spiega Domenico Iacobuzio, in corsa sotto il simbolo del Pd per sedere nel Consiglio comunale di Potenza. I suoi manifesti elettorali tappezzano i muri con l'immagine in primo piano proprio di Tetù che tifa, ovviamente, per l'amato padrone. Iacobuzio ieri è stato intervistato telefonicamente dal TigiUro, il web giornale satirico più cliccato di Basilicata. Ai microfoni di Angelomauro Calza il candidato ha tessuto le lodi del simpatico Tetù, imbattibile nel fiutare i tartufi; mica come il Pd, specializzato invece nel fiutare bufale... Quando il direttore del TigiUro ha chiesto a Iacobuzio di passargli Tetù, il cane però ha rifiutato di rilasciare dichiarazioni. Preferendo rimanere nella sua cuccia ad ascoltare musica pop. Il suo gruppo preferito? Gli Spanbau Ballet...