Cota sguinzaglia i volontari ambasciatori

Rilanciare la cultura piemontese nel mondo, dare slancio e vigore alle tradizioni e alle radici del Piemonte. È questa l'idea estiva maturata nella mente del governatore della Regione Piemonte, Roberto Cota, che ha annunciato il suo embrione di progetto sul Facebook. «Nominiamo 1.206 volontari, ambasciatori della cultura piemontese, uno per ogni Comune. A loro un primo incarico, andare nelle scuole a raccontare in che cosa consistono le nostre radici. Nei prossimi giorni proporrò di fare un bando per raccogliere adesioni e fare la scelta delle persone». Avanti tutta per chi vuole erigersi a rappresentate del Piemonte nel mondo. Orgoglio piemontese allo stato puro che può servire anche come veicolo turistico e culturale e avvicinare altri Paesi al nostro. «Il metodo da seguire - spiega su Facebook - dovrà essere quello di lavorare insieme, lasciando da parte le contrapposizioni politiche». Anche in questo caso un progetto di larghe intese.