Dalle indennità al personale la Camera va al risparmio: via libera a 8,5 milioni di tagli

Rivoluzione a Montecitorio: tagliato il 30% delle indennità, ridotte del 25% le spese per il personale di segreteria e soppresso il rimborso delle spese telefoniche

Arrivano i primi tagli. Un risparmio annuo di 5 milioni e 550mila euro. L’ufficio di presidenza di Montecitorio, che si è riunito questa mattina, ha approvato all’unanimità tre voci di tagli per i deputati titolari di cariche interne, una settantina tra vicepresidenti, questori, segretari di presidenza, presidenti di commissione. E non si ferma qui: il contributo unico per i gruppi parlamentari sarà, infatti, ridotto di tre milioni all'anno.

Il risparmio più forte arriverà dalla riduzione del 25% delle spese per il personale di segreteria: all'incirca 4,3 milioni di euro all’anno. Verranno, poi, ridotte del 30% le indennità di carica per un risparmio di un milione all’anno. Riduzione che va ad aggiungersi al taglio del 10% approvato già nel 2012. Saranno, quindi, abolite le spese di rappresentanza individuali che andranno tutte a carico dello stanziamento generale per il cerimoniale che, a sua volta, verrà ridotto del 50%. Come ha fatto sapere su Twitter il leghista Davide Caparini, l’ufficio di presidenza, inoltre, ha stabilito anche la soppressione del rimborso delle spese telefoniche aggiuntive per i deputati titolari di carica.

Il contributo unico per i gruppi parlamentari passerà da 35 milioni e 100 mila euro a 32 milioni. Con il taglio è d’accordo tutto l’ufficio di presidenza che però ha rinviato il capitolo alla riunione di giovedì prossimo alle 11. La questione infatti è legata al tema della selezione del personale dei gruppi parlamentari che, secondo una delibera approvata dall’ufficio di presidenza il 21 dicembre 2012, deve avvenire attingendo da due elenchi, gli allegati A e B, di cui fanno parte anche ex parlamentari. "Un criterio di selezione del personale non trasparente", ha ribadito oggi il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio del Movimento 5 Stelle che aveva già inviato una lettera alla presidente della Camera Laura Boldrini per chiedere la sospensione della delibera.

Commenti
Ritratto di Reinhard

Reinhard

Mar, 02/04/2013 - 14:22

Solo 8,5 mln? Questa gente ci sta portando alla rovina, a pane e acqua vanno messi... Venduti ai crucchi...

maubol@libero.it

Mar, 02/04/2013 - 14:24

andate avanti, c'è ancora molto da tagliare...

nebokid

Mar, 02/04/2013 - 14:35

Quando toglieranno i vitalizi con retroattività incominceranno ad essere credibili difronte a milioni di pensionati che dopo quarantanni di lavoro percepiscono pensioni da fame e sono state pure tagliate.

vince50

Mar, 02/04/2013 - 14:52

Per ridare giustizia e dignità al popolo,ci sarebbe ben altro da tagliare.

Marcello.Oltolina

Mar, 02/04/2013 - 15:04

Le remunerazioni di questi dipendenti pubblici le devono stabilire i cittadini e non loro stessi.

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Mar, 02/04/2013 - 15:16

Certo erano più sostanziosi i tagli del Governo Berlusconi.....all'epoca tutti felici!!!Andè a ciapà ii rat......

michetta

Mar, 02/04/2013 - 15:19

NON BASTA!!!! NON BASTA !!!!! NON BASTA !!!!! dovete tagliare tutto, ma proprio tutto! Non e' possibile che i D'Alema, i Fini, gli Amato, i Prodi, i Di Pietro ecc.ecc.prendano tutte quelle indennita' di buonuscita ed assegni mensili di pensione!!!!! Noi, poveracci, non percepiamo nemmeno la centesima parte di quan toprendono questi farabutti! Maledetti tutti quanti!!! Che siate stramaledetti !!!! Prego, pubblicare!

Caciocavallo

Mar, 02/04/2013 - 15:19

Di Maio, ma come fai ad essere "laureando" con ancora metà degli esami da dare? Fai poco il galletto assieme ai tuoi amichetti dei 5 Stelle, che avete tanti di quegli scheletri nascosti...

saporina

Mar, 02/04/2013 - 16:45

Una domanda sorge spontanea: in Europa che tagli fanno? L'europarlamento e l'amministrazione europea "campano" con i soldi degli Stati membri. I parlamentari sono pagati dai rispettivi Stati ma tutto il resto non credo proprio. Che senso ha chiedere un sacco di soldi per la gestione per poi fare i difficili per concedere aiuti. Comincino a costarci meno!

Ritratto di uccellino44

uccellino44

Mar, 02/04/2013 - 16:47

Mi sbaglio o l'articolista si riferisce, quasi sempre, a provvedimenti da adottarsi? Meglio aspettare per gioire, non si sa mai!! Comunque si poteva e si doveva fare di più e.....per favore non datemi dell'incontentabile!!!

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Mar, 02/04/2013 - 16:54

Nooooo! Forse taglieranno sulla carta igienica filigranata. Tranquilli. Scopriremo presto che era uno scherzo. Per loro vale sempre il "lascia e raddoppia"

eloi

Mar, 02/04/2013 - 17:03

La Politica e la Burocrazia Europee non hanno fatto altro che arricchire Stati come il Belgio il Lussemburgo e la Francia producendo ivi posti di lavoro. Agli atri, Italia in primis solo le spese. Meditiamo gente!

Ritratto di marione1944

marione1944

Mar, 02/04/2013 - 17:16

5.5 milioni di euro di tagli per la casta equivale a un taglio per la gente comune di 0.5 centesimi. A noi hanno tagliato molto di più e prendiamo molto, molto, molto, molto di meno dopo aver sgobbato per anni continuano a tassarci anche ora in pensione. Per pareggiare dovrebbero tagliare almeno il 50% di tutto, dai deputati e senatori alle sovvenzioni tutte cominciando da quelle dei partiti, passando per il colle ed arrivando alle pensioni degli ex deputati ed ex senatori. Via i senatori a vita, non servono e di euro ne hanno già per i fatti loro. Abolire le doppie e triple pensioni a tutti i politici ecc. ecc. ecc. Cominciate a tagliare così e potremmo ancora credervi. BUFFONI.