Dario Fo prende di mira Tsipras e Renzi. Oltre al solito Berlusconi

Il premio Nobel: "Paradossale che si prenda un greco come esempio di coraggio e determinazione". Poi attacca Renzi e Berlusconi

Molti si chiedono quanti voti prenderà alle prossime Europee la Lista Tsipras, che mette insieme esponenti della società civile, dei movimenti di lotta nei territori e di partiti collocati a sinistra del Pd. In una nota i rappresentanti della lista fanno sapere che in un mese hanno raccolto 220mila firme, necessarie per presentarsi alle elezioni in in tutte i cinque collegi nazionali. Ora, però, sul movimento guidato da Alexis Tsipras, leader del partito della sinistra radicale greca Syriza, arriva una clamorosa stroncatura da Parte di Dario Fo. Un uomo che in passato è sempre stato vicino alle formazioni di sinistra, talvolta anche di estrema sinistra. Salvo, ultimamente, avvicinarsi molto al Movimento 5 Stelle. Ma vediamo cosa ha detto Fo a margine della presentazione del suo libro "La figlia del papa".
"Mi sembra paradossale - ha detto facendo riferimento alla Lista Tsipras - che si prenda un greco come esempio di coraggio e determinazione". Poi ha messo le mani avanti: "Non conosco bene la questione - ha proseguito - non l’ho studiata. Mi informerò".

Renzi rivoluzionario? No, no, no

"Renzi rivoluzionario? No, no, no. Dico tre volte no. Sono costretto a dire no". E rincara la dose: "Rivoluzionario uno che si incontra nella sede del suo partito con il condannato per mettersi d’accordo? C’è una sentenza che dice che Berlusconi non può fare politica. Insomma si è incontrato con lo zozzone. Per non parlare - conclude - della legge a favore delle banche quando c’è gente che per la crisi si impicca".

Berlusconi: si occupi di anziani insieme ai giovani

"Occuparsi di anziani per lui sarebbe una medicina straordinaria. Però dovrebbe occuparsi degli anziani con dei giovani ma che non siano allevati da lui". Lo ha detto parlando della possibilità che Silvio Berlusconi venga assegnato ai servizi sociali e si occupi di anziani. "Lui - ha proseguito Dario Fo - è un anziano, ma non lo è soltanto per un fatto d’età. È che pensa anziano. Io ho la fortuna di vivere con i giovani, lavoro per le università, le scuole di teatro e di pittura, sono sempre con i ragazzi. Appena ho un’idea della mia età me lo fanno notare subito. Ecco lui dovrebbe occuparsi di anziani ma con i giovani".

Il pensiero rivolto a Franca Rame

"Non ho potuto fare a meno di pensare a Franca - ha aggiunto Fo - che per una vita intera si è occupata dei carcerati, dei malati, che ha fatto tutte le lotte". E ha raccontato che mentre leggeva tutti i libri riguardanti Lucrezia Borgia si è reso conto di come il personaggio assomigliasse alla moglie per la sua generosità: "È stata una donna unica, come Franca. Ha agito non tanto per buon cuore ma per il grande senso di giustizia sociale. Ad un cero punto assieme ai miei collaboratori abbiamo detto ma questa è Franca!".
Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 09/04/2014 - 15:04

La vecchiaia è brutta, specie per un premio Nobel.

fabio tincati

Mer, 09/04/2014 - 15:38

sembra un giradischi a 78 giri, una spogliarellista di 70 anni, un film degli anni 50, sembra solo un uomo vecchio, che non è mai stato giovane, sembra l'ultimo soldato giapponese trovato 30 anni dopo su di un isola a combattere nemici inventati! Oppure sembra un furbo che con la storia della politica ha fatto tanti soldi??

schiacciarayban

Mer, 09/04/2014 - 15:43

Dario Fo è già stato miracolato col Nobel, ormai è completamente andato....

Ritratto di enzo33

enzo33

Mer, 09/04/2014 - 15:59

Ma questo Fo fo, non era scaduto?

Ritratto di Lorenzo1961

Lorenzo1961

Mer, 09/04/2014 - 16:04

Perchè non sta in silenzio, ma questo non matura mai?!

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Mer, 09/04/2014 - 16:15

Fo è un intellettuale di grande spessore ma questa volta l'ha fatta fuori dal water. Anche se non nutro simpatie per la lista Tsipras sarebbe opportuno ricordare al premio Nobel che la culla delle civiltà occidentali è stato proprio il paese ellenico.

narteco

Mer, 09/04/2014 - 16:17

Dario è sempre stato prono al capo di turno e moralista alla debenedetti. Nella Repubblica di Salò alleata dei nazisti, fu con Mussolini e si arruolò come paracadutista.Invece, quando nel dopoguerra il fatto fu riesumato, era già comunista e negò tutto. Querelò giornalisti e giornali che accennavano alla «macchia», mentendo a tutto spiano,affermando di essersi infiltrato come comunista doc per compiere sabotaggi inauditi, finché fu inchiodato da un tribunale con questa sentenza: «È certo che Dario Fo ha vestito la divisa di paracadutista repubblichino nelle file del Battaglione Azzurro di Tradate,anche se ha cercato di edulcorare il suo arruolamento volontario sostenendo di avere svolto la parte dell'infiltrato pronto al doppio gioco»I giornali dell'epoca titolavano Dario Fo fu repubblichino e rastrellatore multato per 200 mila lire per aver detto il falso.Dismessi i panni del fascista doc, passò al comunismo come molti tromboni italioti,da scalfari,moravia,bocca,iotti,ecc ecc cominciò a farsi militante antifascista della prima ora pe farsi perdonare tutto con spettacoli da baraccone molto amati dai sinistrati. Forte della sua limpida coscienza e buona fede ha accusato di «tripli giochi e salti della quaglia dando del fascista a chiunque eccetto a se stesso »da berluscuni a Giuliano Ferrara,Paolo Liguori, Sandro Bondi, ecc., senza essere mai frenato dal pudore o dal disgusto per se stesso. Tipico dei beceri caporali ideologizzati despoticamente e quando canta "sono arrivati i veri ciarlatani" minimamente pensa a se stesso, basti ricordare il loro ex collaboratore e commercialista di fiducia, Luciano Silva che investii tutti i soldi dello scandaloso concesso premio nobel in case,polizze e titoli anzichè in benefazione col sospetto non troppo velato che fosse tutto concordato come ritengono tanti altri.

enzo1944

Mer, 09/04/2014 - 16:47

Vai a pescare,che è la tua ora!.....Presto ti dovrai presentare davanti al Padreterno,.....e lì,da Lui,la smetterai di sparare le tue solite cazzate!!

Mario-64

Mer, 09/04/2014 - 17:25

Dario ,la sinistra e' tutta un paradosso ,di che ti stupisci?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 09/04/2014 - 17:43

Non ho capito,ma veramente è stato insignito del Nobel ??? Per che cosa.?

Ritratto di onollov35

onollov35

Mer, 09/04/2014 - 18:02

Cosa insegna ai ragazzi? Che l'ideologia di sinistra è la migliore per vivere in pace? Come odiare un'uomo in modo viscerale? Rispetto l'attore bravissimo, ma il resto!!!!!!!!Dimenticavo una cosa: lo sa che il Cavaliere Berlusconi dà lavoro a oltre cinquantamila famiglie? Come è stato condannato e da chi?

gioch

Mer, 09/04/2014 - 18:08

Confesso,davanti a Dio e agli uomini,che quando lui o Benigni sono in TV,cambio canale.Da sempre.Allora sono un becero destrorso?Accidenti!

ritardo53

Mer, 09/04/2014 - 18:11

Questo pregiudicato ha anche il coraggio di parlare? E da non dimenticare che anche la defunta moglie era una pregiudicata ed è stata anche parlamentare. Eppure dovrebbe rimandare al mittente tutte le onorificenze ricevute. Sto fascista di merda, con gli occhi da camaleonte.

alberto.rossattini

Mer, 09/04/2014 - 18:15

C'è poco da commentare, salvo evidenziare che un vecchio( non per l'età) dice ad un altro vecchio di stare con i giovani e di occuparsi di anziani con i giovani!!!?? Siete proprio alla frutta!!!

ritardo53

Mer, 09/04/2014 - 18:36

Che un incidente il più terribile e doloroso con lunghissima degenza se lo colga a se, e che la morte lo risparmi, almeno ne potrei godere per il resto della mia vita. A mali estremi, estremi rimedi.

Ritratto di komkill

komkill

Mer, 09/04/2014 - 18:40

I "pensieri" di dario fo sono quanto di più vicino alla demenza senile uno possa immaginare. Il suo problema è che era già vecchio 60 anni fa. Trovo inutile un articolo che riporta i suoi "commenti", non c'è nulla di nuovo, evitate di parlarne almeno sul giornale... Dario fo chi?

scipione

Mer, 09/04/2014 - 18:47

Per Tsipras,va bene,ma a una certa eta' bisogna capire i deliri.

honhil

Mer, 09/04/2014 - 18:52

Dalla "La figlia del papa" al genero del papa.

Ely Bon

Mer, 09/04/2014 - 18:57

Un giullare, campione di capriole, che un covo di sinistrorsi gli ha voluto assegnare un premio che a mio avviso non meritava. Senza nessuna vergogna ogni anno si continua a premiare gente che si dice di sinistra, ma con il portafogli ben pieno. Per valutare i membri della giuria, addirittura si premia in previsione che il premiato possa meritarselo (vedi premio per la pace a Obama).

Ritratto di semovente

semovente

Mer, 09/04/2014 - 19:09

Il rincoglionimento totale lo si evince anche dall'"intelligentissima" esperessione in questa foto.

petra

Mer, 09/04/2014 - 19:46

Non ho mai capito perchè essere "vicini ai carcerati" dovrebbe essere un merito. Semmai alle vittime. Boh.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Mer, 09/04/2014 - 21:02

E' paradossale che abbiano dato a Lui il premio NOBEL, da fascista a comunista, mentre altri artisti come Eduardo De Flilippo, che ha prodotto ottime commedie portate anche sul teleschermo. A vederlo veramente provo della compassione

viola vale

Gio, 10/04/2014 - 12:56

Non capisco l'esempio di Dario Fo relativo alla etnia greca (coraggio e determinazione).Fotrse si dovrebbe documentare meglio, ma ricordo anch'io la Grecia come culla della civilta'. Certo,la dittatura militare Le ha dato un colpo mortale. Peccato ,pero', perche' quesdto Tsipras ha emarginato i comunisti del suo paese e si oppone alla Europa dei nord. Dovremmo invece cercare di fare intese politiche e trovare alleati,invece di accampare richiestte alla Germania. Purtroppo ,caduto Bettino, ci hanno massacrato come potenza industriale.Forse c 'era un disegno!

Roberto Casnati

Dom, 04/05/2014 - 00:32

Raglio d'asino non sale al cielo!