Debiti della P.A., in arrivo un'altra procedura di infrazione Ue

Il vice presidente della commissione Ue, Antonio Tajani: "L’apertura della procedura di infrazione sui ritardi nei pagamenti della P.a. è inevitabile e sarà fatta dopo le elezioni europee"

"L’apertura della procedura di infrazione sui ritardi nei pagamenti della P.a. è inevitabile e sarà fatta dopo le elezioni europee". Ad annunciarlo è il vice presidente della commissione Ue, Antonio Tajani, riferendosi all’applicazione della direttiva Ue sui pagamenti della P.a. "Ho dato mandato per preparare la lettera di messa in mora" riguardo all’attuazione della direttiva europea per il pagamento dei debiti, ha aggiunto Tajani nel corso di un incontro con l’Ance e conversando con i giornalisti.

Tajani ha spiegato: "Da quello che mi dicono la riunione del 5 maggio (fra il governo italiano e la Commissione europea, ndr) non è andata bene e sarò costretto ad aprire la procedura di infrazione. È evidente e chiara la volontà di non pagare: il ministero dell’Economia e delle Finanze non vuole pagare i debiti della pubblica amministrazione ed è stato impedito anche all’attuale presidente del Consiglio, Matteo Renzi, di mantenere la promessa fatta nel primo discorso pubblico. Gli è stato impedito di fare un decreto e quindi è stato fatto un disegno di legge perché manca la volontà politica".

Commenti
Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 12/05/2014 - 15:19

devono inventarsi qualche altra tassa per pagare questi debiti, i massoni non fanno + credito ormai sono peggio degli usurai, il popolo non capisce e loro se ne approfittano

angelomaria

Lun, 12/05/2014 - 15:22

volonta'politica o FAMIGLIARE!!!

fcf

Lun, 12/05/2014 - 15:52

Cosa ci dice adesso il Renzino nazionale? Che è colpa della burocrazia che il suo partito comunista aggiornato ha costruito in Italia in tanti anni di lavoro sindacale? oppure, per non perdere il vizio, che è colpa di Berlusconi ?

maubol@libero.it

Lun, 12/05/2014 - 16:15

Ma non dovevano erogare mln per pagare le aziende fornitrici? Siamo alle solite: parole tante, fatti pochi!

chiara 2

Lun, 12/05/2014 - 16:37

Il "governo" non paga NON perchè i soldi non ci siano (vedi invasione africani) ma perchè ha VOLUTO non pagare in modo che l'I-taglia sia sempre più indebitata ovvero più schiava....svegliaaaaaa

Gianca59

Lun, 12/05/2014 - 17:04

Ma non li aveva già pagati i debiti ?

Cinghiale

Lun, 12/05/2014 - 17:51

Ovviamente la sanzione sarà girata dallo stato ai cittadini, tra cui quelli che devono prendere i soldi dalla PA. Mazziati e cornuti più di così non si può.