Decreto Sviluppo da 80 mldSconto Irpef al 50% per le ristrutturazioni

Il ministro Passera: "Solo per le infrastrutture 40-50 miliardi". Altre promesse sulla Salerno-Reggio Calabria: "Finita nel 2013". <strong><a href="http://www.ilgiornale.it/web/pdf/dlcrescita.pdf" target="_blank">Il testo del decreto </a></strong>e le<strong><a href="http://www.ilgiornale.it/interni/dl_sviluppo_misurealesame_cdm/corrado_p... target="_blank"> principali novità</a></strong>

Roma Le norme per lo sviluppo alla fine sono arrivate, ma sono state approvate «salvo intese». Solo per «ragioni tecniche» perché, si è affrettato a precisare il ministro Corrado Passera, alcuni articoli sono stati aggiunti all’ultimo momento, da altri ministeri. Segno che la tensione sulle misure varate ieri dal Consiglio dei ministri è ancora alta, in particolare tra il ministro dello Sviluppo e la Ragioneria. Ma l’impianto del piano c’è tutto. In tutto il decreto, secondo il ministro, mobiliterà fino a 80 miliardi di euro.

Molto attese, anche se hanno un impatto economico non enorme, le misure per l’edilizia. Vengono estesi gli incentivi fiscali per le spese di ristrutturazione. Fino al 30 giugno 2013, la detrazione Irpef salirà al 50 per cento (ora è al 36 per cento) per lavori fino a 96mila euro (attualmente fino a 48mila euro). Le agevolazioni per la riqualificazione energetica al 55% fino a fine 2012, vengono confermate per altri sei mesi, fino al 30 giugno 2013, ma scendono al 50 per cento. Passata anche la norma che prevede l’esenzione dall’Imu per tre anni degli immobili che le imprese di costruzione non riescono a vendere.

Tra le misure annunciate (a ieri non c’era ancora un testo) anche il credito di imposta (35 per cento del costo aziendale) per le nuove assunzioni di profili altamente qualificati, a patto che restino in azienda almeno per tre anni. Poi la promozione dell’occupazione giovanile nella green economy, con finanziamenti agevolati.
Norme anche per contrastare il credit crunch, cioè la stretta sul credito alle aziende, con un occhio alle piccole imprese (ma non le micro). Per loro saranno studiati strumenti di debito a breve termine (cambiali finanziarie) e a medio-lungo termine (obbligazioni e titoli similari, obbligazioni partecipative subordinate), con l’obiettivo di garantire liquidità.

Vale da solo 40-50 miliardi (sempre in risorse che si presume mobiliterà) il pacchetto infrastrutture. I project bond, obbligazioni emesse per la realizzazione di un’opera, saranno più convenienti delle altre perché soggette a un’aliquota equiparata a quella attualmente prevista per i titoli di Stato (12,5 per cento).
Per le opere realizzate insieme da pubblico e privato, si applicherà la disciplina di defiscalizzazione, a parziale o totale copertura del contributo pubblico a fondo perduto. Passera ha anche annunciato il completamento della Salerno Reggio Calabria entro il 2013.
La vera rivoluzione, la cui portata è ancora tutta da vedere è sugli incentivi alle imprese.

Sono «abrogate 43 leggi di incentivazione», compresa la famosa legge 488 del 1992, quella che prevedeva i contratti di programma e di localizzazione, i cui fondi confluiranno nel nuovo «fondo per la crescita sostenibile» da circa 2 miliardi. Gli obiettivi del fondo in realtà non cambiano molto rispetto a quelli della 488, fatta eccezione per una maggiore attenzione ai progetti di ricerca, sviluppo e innovazione. Un occhio anche alla trasparenza, con l’obbligo di pubblicare tutte le spese della pubblica amministrazione oltre i mille euro.

Commenti

gpl_srl@yahoo.it

Sab, 16/06/2012 - 08:14

comincino a trovare i fondi per pagare i debiti delle società di diritto pubblico dovuti ad imprenditori italiani ora in difficolta per colpa dei ritardi dei pagamenti, poi giusto cercare soluzioni applicabili subito che detassazioni alle imprese ed infine risparmio vero e non le solite buffonate chiedte dalla Merkel

fedele50

Sab, 16/06/2012 - 08:29

PAROLE, PAROLE PAROLE , FATTI ZERO, DARE ARIA AI DENTI NON COSTA NULLA VERO SIG passera??uomini non eletti e venditori di sogni,incapaci ,sprovveduti, se quello che dice si trasformera' in verita' , emigro sulla unaa

Ritratto di unLuca

unLuca

Sab, 16/06/2012 - 08:48

E per fare questa fuffa sono mesi che si sbattono ?

Ritratto di unLuca

unLuca

Sab, 16/06/2012 - 09:19

Decreto A R I A F R I T T A P E R L ' I T A L I A

Ritratto di unLuca

unLuca

Sab, 16/06/2012 - 09:20

Decreto PRESA PER IL C@@LO ITALIA

Ritratto di unLuca

unLuca

Sab, 16/06/2012 - 09:21

Decreto SE NON CI METTEVO LA FACCIA ERA MEGLIO ITALIA

Ritratto di unLuca

unLuca

Sab, 16/06/2012 - 09:22

Decreto 80 MILIARDI CHE NON CI SONO ITALIA

Ritratto di unLuca

unLuca

Sab, 16/06/2012 - 09:23

Decreto GIOCATE AL GRATTA E VINCI ALTRIMENTI NON C'E' N'E' ITALIA

Ritratto di unLuca

unLuca

Sab, 16/06/2012 - 09:24

Decreto SE VE LO RISPARMIAVATE ERA MEGLIO ITALIA

Ritratto di unLuca

unLuca

Sab, 16/06/2012 - 09:25

Decreto 80 MILARDI DI GIOCHI DI PRESTIGIO ITALIA

Ritratto di unLuca

unLuca

Sab, 16/06/2012 - 09:42

Decreto ARRANGIATI ITALIA

aliberti

Sab, 16/06/2012 - 09:45

metto da parte il resto delle misure che si commentano da se e mi soffermo sulla detrazione Irpef per le ristrutturazioni che salirà al 50 per cento: lo stato facendo pagare il fitto agli italiani per le case in cui abitano con una legge di STAMPO COMUNISTA è diventato di fatto coproprietario e giustamente vuole darci il suo contributo per i lavori e le spese che restano in gran parte a nostro carico... GRAZIE SOCIO,GRAZIE BERLUSCONI, TU SI CHE MANTIENI LE PROMESSE.

vince50_19

Sab, 16/06/2012 - 09:52

Andreotti diceva:" Meglio tirare a campare che tirare le cuoia"! Questi sono sulla stessa strada, però 'u zu Giuliu è arrivato a 92 anni, loro ci sperano.. Come dicono in Val d'Aosta? Guagliò, jatevenne ..

bobsg

Sab, 16/06/2012 - 09:58

Monti, passera e la fornero ricordano quella canzone di Modugno: "siamo solo in tre, tre briganti e tre somari...". Questi ci stanno infarcendo la testa con balle spaziali tipo ottanta miliardi da destinare allo sviluppo e non si sa su quale pianeta li andrebbero a prendere. La riqualificazione energetica la sta facendo il Giappone che riapre le centrali nucleari. Il credito di imposta per il personale qualificato servirà a fare assumere laureati da utilizzare come operai. Prima di completare la Salerno-Reggio ci sarà lo sbarco su Marte. Ci sono alcune cosette da fare, semplici semplici che non richiedono troppi lambiccamenti del cervello (anche se piccolo come quello di monti, camusso & soci): 1) abolire l'articolo 18 per TUTTI, 2) limitare la tassazione di persone e aziende a non più del 30% (a chi evade mazzate), 3) blocco dell'assunzione pubblica per dieci anni. Difficile? No, tedesco!

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Sab, 16/06/2012 - 10:09

Per un cittadino normale od anche istruito rimane sempre difficilissimo andare a leggere e comprendere una Legge o un D.L. o qualsivoglia altra norma legale. Eppure siamo nel 2012 - tempo di modernità e possibilità. Perchè scrivo così ? Bene provate ad andare a leggere lo Schema del D.L. in argomento; è un "ginepraio" di richiami, di rinvio, di annullamenti vari, di modificazioni, di cancellazioni ad altri articoli,commi o frasi varie di altre Leggi....! Povero cittadino pagante Tasse e Tributi infiniti, oltre che scoraggiato, capirci poco o niente.Se volesse andare in fondo deve sempre ricorrere dal Commercialista sperando che anche questo ultimo sia al corrente di ogni disposizione in materia passata e presente e munito di ampia biblioteca legale. Così facendo il povero cittadino ha due possibilità : a)- NON FARE NIENTE ; b)-PAGARE IL COMMERCIALISTA per il l'incarico e che poi, fra DARE ed AVERE, si traduce anche questo in NIENTE. LEGGI CHIARE, SEMPLICI e COMPRENSIBILI A TUTTI !!

aliberti

Sab, 16/06/2012 - 10:13

DECRETO IoMettoLaFacciaVoiMetteteIlResto ITALIA

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 16/06/2012 - 10:25

Ma basta infrastrutture inutili... la 3^ corsia sulla Firenze-mare... inutile !!! Si usino quei milioni per mettere in sicurezza case, edifici storici e beni culturali !!!!!!!!!!

Massimo Bocci

Sab, 16/06/2012 - 10:38

Un altro PACCO Bocconiano,....questi innominabili cloni Rinverdiscano la più autentica tradizione Partenopea dei PACCHI (pacco,pancotto,contro paccotto) dopo il pacco salva Italia,il il super pacco cresci (TASSE) Italia,la crescita il contro paccotto della crescita una picchettata di incongruenze con un solo obbiettivo finire di privatizzare (arraffare) con gli amici degli amici quello che era rimasto (poco in verità) dalla mega truffa,... beffino, mortadella,banchiere partigiano,e soci comunisti catto che avevano fatto man bassa di tutto senza tirare fuori una lira, dato che come da prassi sono state banche (amicali fondazioni ecc.) a scucire soldi nostri perché i compagni (dei compagni) facessero sciropping,....non per nulla siamo il regime di compagni di ladri dal 47.

gibuizza

Sab, 16/06/2012 - 11:02

Dove sono i tagli? Questi 80 miliardi da dove verranno presi? Leggo su altri giornali di dismissioni da 10 miliardi in un mese, mi piacerebbe però sapere il valore reale di queste dismissioni perché se fosse 20 miliardi mi seccherebbe un po'.

Roberto C

Sab, 16/06/2012 - 11:20

Green economy,incentivi all'edilizia(unica norma utile-ma non ci sono solo imprese edili in Italia, e forse sono fra quelle che stanno risentendo meno della crisi - o almeno, così leggevo qualche giorno fa), possibilità di fare cambiali per le aziende (ma non per quelle a gestione individuale o familiare),costruzione di un'autostrada tra Salerno e Reggio Calabria...Tutto questo mentre il paese muore,ma davvero pensano di incantare gli italiani con queste baggianate?E mentre loro iniziano a costruire un'autostrada (che non finiranno mai)basta un terremoto di magnitudo 6 per radere al suolo intere città ma se si dice:Mettete tutto a norma antisismica arriva subito qualche genio che scrive:"Ma lo sai quanto costerebbe?"Poi ci sarebbero ben altre misure che darebbero veramente una bella spinta-per es.:abrogare le destinazioni d'uso, se io sono in affitto e una stanza dell'appartamento su cui pago un salatissimo affitto voglio adibirla a negozio o a ufficio,perchè lo stato deve vietarmelo?

m4rc0

Sab, 16/06/2012 - 12:27

Bene bene bene... infrastrutture per farci cosa? Costruiamo un'autostrada nuova per trasportare merci che non si vendono? O per mandare in vacanza chi non se lo può permettere? E per le ristrutturazioni? Non ci sono soldi per MANGIARE, chi potrebbe pensare in questo momento a spendere migliaia di Euro per rifarsi il bagno, con il miraggio di recuperare il 50% della spesa in una paccata d'anni? 80 miliardi (da prendere non si sa dove) divisi 60 milioni (di abitanti) fa 1.333 euro per ogni italiano, uomo, donna, anziano o bambino. Se ce li dividessimo in proporzione inversa rispetto al reddito, potrebbe arrivare qualche migliaio di euro a famiglia... non male per far ripartire i consumi! Anzi, invece di rastrellarli con le tasse per poi ridarceli, perché non semplificare la cosa evitando di estorcerceli all'origine? ;) Lasciateci qualche soldo in più in tasca, ed i consumi ripartono da soli, senza alcun'altra azione più o meno mirata.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 16/06/2012 - 14:32

Questa mattina a commento (ad ora non pubblicato) dell’articolo “Decreto Sviluppo da 80 mld …” ho scritto quanto segue: “Dalla dinamica degli avvenimenti questo mi pare proprio un decreto "farlocco", buono solo per prendere in giro la gente. Ma forse ormai sono prevenuto contro Monti ed i suoi scherani talché rimpiango sempre che sia vietata la caccia ai passeri.” Letta la presa di posizione di Alfano, una tantum “energico” con il governo, credo che sia giunta l’ora di aprire la caccia alla “passera”, almeno in parlamento.” Non è onesto voler ingannare in questo modo il popolo bue e fare decreti “falocchi” per ingannare la gente e tirare a campare. Se l’affermazione di Alfano è esatta è ora che Alfano si decida a smetterla di chiacchierare e pongaa Monti con le spalle al muro, a cominciare dalla prossima settimana in Senato con il “salva Penati”.