Delrio bocciato in storia passa sopra alle molotov

La storia è storia. Ma per qualcuno può anche essere un'opinione. Il sindaco di Reggio Emilia, nonché presidente dell'Anci, Graziano Delrio, ha definito «pacifica e unitaria» la sommossa di Reggio del Pci del luglio 1960 dove morirono cinque manifestanti negli scontri con la polizia. Delrio, nel discorso commemorativo, ha invocato le scuse della polizia, come si è scusata per i fatti della scuola Diaz a Genova. Infuriate le persone che hanno vissuto direttamente quelle giornate di violenza, tra spari e molotov. «Tutto si può dire di Genova 2001 e Reggio Emilia 1960, tranne che furono manifestazioni pacifiche. Caro Delrio, ripassati la storia», tuona il consigliere regionale del Pdl in Emilia Romagna, Fabio Filippi.