Destra a caccia di intellettuali

Dopo i tecnici, i professori, i banchieri e gli anti-politici ecco gli intellettuali. Qualcuno a destra ci sta pensando e La Destra italiana, la rivista diretta da Fabio Torriero nel numero in uscita, lancia le primarie delle idee. Un confronto che prepari per le prossime elezioni una lista civica nazionale, con un programma scritto dalla società civile e dai territori: un'iniziativa che «chiede il ricambio di gran parte della classe dirigente del centrodestra» e ricostruisca le fondamenta ideologiche della nuova sintesi tra valori liberali, cattolici, sociali, conservatori e nazionali. Nuovi schieramenti, quindi, propone Torriero «guidati da una parte, da Marcello Veneziani, e dall'altra, da Massimo Cacciari». Veneziani ha risposto convocando una cinquantina di intellettuali e giornalisti per domenica al monastero di Valle dell'Acqua, Ascoli Piceno. La cultura di destra è scesa in campo. Una grana e uno stimolo in più per la politica di destra.