Dichiarazione di guerra Berlusconi junior: «Forza premier, fai presto»

Non mi appassiona dare i voti al discorso tenuto ieri da Matteo Renzi all'apertura del nuovo Parlamento europeo. Mi spiace che non abbia posto sul tavolo comune il problema dei nostri marò prigionieri in India, e su questo lo incalzeremo a oltranza. Mi è piaciuto invece che il nostro premier, in fase di replica agli interventi, abbia perso le staffe e detto chiaramente che la Germania non ha le carte in regola per fare prediche a noi o per elevarsi a maestrina del rigore, perché quando alcuni anni fa fu lei a trovarsi in difficoltà non esitò a sforare i parametri pur di rimettere in moto la sua economia. E ho apprezzato che Renzi abbia poi lasciato il Parlamento europeo senza incontrare i giornalisti (non era mai successo a un presidente entrante del semestre): «Devo andare a “Porta a Porta”», ha detto col suo fare strafottente facendo così infuriare ancora di più mezzo mondo.
Era dai tempi di Berlusconi, e della sua lite con Schulz (la questione del kapò), che non si vedeva un italiano reagire all'arroganza tedesca e dei Paesi del Nord (Olanda in testa). A fare infuriare il premier italiano è stata l'ennesima presa per i fondelli. Ci avevano assicurato – Germania e suoi alleati – più flessibilità nei conti, che tradotto significa qualche miliardo di euro da poter investire nell'economia reale. Ieri si è scoperto che no, non è così, che anche questa legislatura europea sarà impostata sulla linea del rigore suicida imposto dalla Merkel. Renzi, che senza quei soldi è tecnicamente e politicamente morto, non ci sta. E fa bene a rispondere per le rime e a disertare inutili conferenze stampa pompose quanto ipocrite. Al diavolo il protocollo, fuori gli euro e basta manfrine.
Che tutto questo possa portare consensi elettorali a Renzi non ci importa. Qui non è questione di centrodestra o centrosinistra, ma di vita o di morte dell'Italia e della sua sovranità nazionale. Per questo mi auguro che la delegazione europea di Forza Italia - che sui banchi del Parlamento è ovviamente avversaria del partito di Renzi – non faccia mancare al premier l'appoggio necessario per tenere duro. Su questo punto la penso esattamente come Pier Silvio Berlusconi che l'altra sera, a sorpresa, si è pubblicamente augurato che Renzi ce la faccia a raddrizzare il Paese. Sul fronte internazionale siamo in guerra. O si sta uniti a difendere gli interessi italiani o non ci sarà un vincitore ma solo vinti.

Commenti
Ritratto di Zione

Zione

Gio, 03/07/2014 - 18:40

Telegramma urgente per tutti i Capibastone della MAFIA Giudiziaria: "AAA. Attient a zì Giustin (la Giustizia); pecchè, Chest stà co Cul 'a Foss (è Moribonda, perchè colpita da Scellerate Mani)". --- Sua Eccellenza, il Giureconsulto Alfredo De Marsico: "Il Sole tramonta sul tavolo di questa Corte di Assise". Ma il Puarell (o pover'Omm) pensando poi al POLITICO e Oligarchico Giudiciume spazzatura (Munnèzz !!!) che IMPESTA le Istituzioni e continuamente TRAMA ai danni del Laborioso Cavaliere (del LAVORO; a l'è ccapì, Cialtrun ...) e del sempre sanguisugato e Macellato POPOLO (ITALIANO; leggete bene, Felloni ...) oggi si rivolta nella tomba e corregge il tiro: "Il Sole tramonta sul tavolo di questa grandissima Corte di LOTA". --- Minchia, boja fauss; grazie di cuore Maestro, in nome del Diritto Calpestato; in nome della grande Folla di Carcerati "ABUSIVI" e delle Massacrate FAMIGLIE; in nome della Dignità della Giustizia e dei probi e Coraggiosi Magistrati (e onesti Avvocati ...), che nonostante l'incombenza di gravi Pericoli (anche per loro ...) cercano purtuttavia, ancora di difenderLa. --- Grazie anche al Santo Padre, che prega il Cielo per tutti noi; per gli Umili e i Derelitti, prima ancora però che per quegli immondi Figli di SATANA. --- A. V. G. --- (Associazione Vittime del Giudiciume) — ruotologiu@libero.it