Dai Grillo, sfascia i tuoi

Voleva distruggere la casta, sta uccidendo i suoi adepti creduloni

Grillo è Grillo. Sono gli altri a non essere più grillini. Adesso è cominciato il coro di quelli che si stupiscono: dittatore, padrone, giacobino, processi farsa, reato d'opinione, espulsioni, mano dura contro i dissidenti. Provate però a mettervi nella testa di Grillo e Casaleggio. Questa storia a cinquestelle se la sono inventata loro. Non hanno mai nascosto la loro ragione sociale, anzi il primo, il comico, la voce dei «vaffa», l'ha urlata in tutte le piazze, con le vene disegnate sul collo e perfino a nuoto. La ragione sociale è aprire il Palazzo e buttare via tutti quelli che loro considerano cadaveri, morti, zombie. Fare pulizia. Quella di Grillo è una rivolta distruttiva. Si può dire che è un fanatico, che raccoglie voti spacciando rabbia e odio, che le sue urla non portano a nulla. Non si può dire però che manchi di coerenza. La regola è chiara e la conoscevano Orellana, Campanella, Battista e Bocchino. La conoscono i parlamentari grillini che borbottano di nascosto e non hanno il coraggio di parlare, la conoscono giornalisti e opinionisti. Forse ora la conoscono anche gli elettori. Grillo è il capo. Grillo comanda. Grillo è il padrone. Il blog è suo. Chi non è d'accordo si accomodi alla porta. Se fa resistenza verrà accompagnato fuori. Grillo non vuole parlare con gli altri partiti. Non ha simpatia per Berlusconi e tantomeno per Renzi. Non sogna di allearsi con il Pd e da questo punto di vista non ha neppure i complessi d'inferiorità o le nostalgie di buona parte dei suoi deputati e senatori. Grillo vuole il 50% più uno dei voti. O forse non li vuole nemmeno, perché sa che il suo partito non saprebbe governare. Il suo ruolo è fare l'anticasta. Quello che non si mischia, non si lega, non fa amicizia. Se tra i cinquestelle c'è qualcuno che pensa a tattiche e strategie, ad alleanze e compromessi, se sogna un futuro da politico ha sbagliato partito. Il grillismo non è politico. È rifiuto. È al massimo amministrazione. È governo della città. Soprattutto non è democratico. Non nel senso della democrazia dei moderni. È più simile a quella degli antichi. Dove c'è uno che comanda e poi consulta il popolo, la rete. Notoriamente non democratica, perché rappresenta soltanto una parte che pretende di essere il tutto. È il plebiscito la sua vocazione. Grillo vuole questo. I dissidenti a cinquestelle vogliono invece far parte del sistema. Sognano un posto nel Palazzo. Il contrasto è netto. E siccome il partito è di Grillo loro sono fuori. Stupirsi è ipocrita. O da fessi.

Commenti
Ritratto di Tsar.

Tsar.

Gio, 27/02/2014 - 15:16

salvatore tramontano, l'allievo che supera il Maestro "libero" pennucci

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Gio, 27/02/2014 - 15:21

Ma per caso voi del Giornale avete cambiato padrone?!? Ve lo chiedo perchè attualmente in tutta l'home page del vostro sito non c'è neanche un trafiletto riferito a Forza Italia... Lettori come mortimerhouse vogliono sapere quante volte è andato di corpo oggi il loro caro leader! Non teneteci all'oscuro di tutto... Come sta Dudù?

cicciosenzaluce

Gio, 27/02/2014 - 15:30

Giornalaio,al totale servizio del pregiudicato,ma in casa vostra,c'è qualcuno che può dissentire dal tuo padrone ? No,e chi l'ha fatto è stato costretto ad andarsene,voi avete un tiranno che vi comanda a bacchetta,fai meglio a tacere.

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 27/02/2014 - 15:36

hellmanta - Si vede che Berlusconi sta contando i 96 milioni della cedola appena intascata da Mediaset e si e' un po' distratto con l'invio di veline alla redazione...(si' lo so, il Giornale non ha parlato della storia della cedola, mica possono ricordare ai lettori fedeli che mentre loro prendono accanitamente le difese del Pregiudicato, lui e la sua famiglia ammassano soldi frutto delle loro "attivita'").

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Gio, 27/02/2014 - 15:39

Siamo vecchi dice Grillo ma non rimbecilliti, la nave è mia e l'affondo quando voglio; solo si è dimenticato che quelli che lo hanno votato la prossima volta lo manderanno a quel Paese dritto e filato; non c'è posto per i parolai sono in troppi. Shalom

fabiou

Gio, 27/02/2014 - 15:40

concordo con la prima parte dell articolo. per il resto secondo me non è vero che grillo non vuole govenare, il suo problema è che non ha ancora i numeri per farlo da solo.

ilfatto

Gio, 27/02/2014 - 15:44

Tramontano ahhh tramontano...detto da lei che ha creduto (o finto di credere) alla nipotina di Mubarak, al milione di posti di lavoro, alle 2 aliquote irpef, alla sconfitta del cancro in 3 anni, al "io esco quando il governo tratta argomenti rilevanti per le mie aziende" e tanta altre str.. in serie..è una vera GARANZIA...tramontano ahhh tramontano che deve fa pe magna!

Ritratto di Vendetta

Vendetta

Gio, 27/02/2014 - 15:45

Molto strano, questa mattina la Santanche' in una trasmissione la pensava allo stesso modo, allora Sallusti si consiglia con la compagna e poi Tramontano esegue. Come mai questa difesa nei confronti di un movimento Grillo che vi ha portato via 3,5 milioni di voti ? Cosa c'e sotto ?

Ritratto di Vendetta

Vendetta

Gio, 27/02/2014 - 15:48

Adepti creduloni ? Certo che ne avete di coraggio. Ditemi chi puo dissentire in FI, da sempre in FI gli ordini li da Berlusconi.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 27/02/2014 - 15:54

che imbecilli sono i grulli... :-) ma accomodatevi pure, a distruggervi!!

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Gio, 27/02/2014 - 15:57

in quanto ad "adepti creduloni" non è che grillo abbia l'esclusiva, anzi... tramontano leggiti i commenti qui sopra, la bruna ha qualcosa da spiegarti!

CALISESI MAURO

Gio, 27/02/2014 - 16:00

Non sono d'accordo sui contenuti dell'articolo. Grillo ha rimarcato la totale differenza di vedute con il nuovo premier e cio' che rappresenta. E' stato chiaro, in un paese dove manca chiarezza. La conferma e' venuta dai discorsi tenuti alle camere dal premier dove e' venuta fuori la fuffa di cui e' composto il personaggio e chi lo appoggia. Grillo ed e' il suo vero punto debole, non ha in squadra gente che possa una volta preso il potere governare la nazione. I fuoriusciti beneficiati dall' idea grillina hanno torto, oserei dire sono i soliti italiani. Comunque per fasre il punto della situazione, chi e' al governo e chi e' all'opposizione fasulla non hanno un' idea di dove andare. Gente asservita ai poteri totalmente distaccati dalla popolazione. Il fallimento e' alle porte chi avra' il cerino in mano ne dovra' rispondere al popolo Italiano. A questo punto vale la pena sbaraccare tutto, alla meno peggio e' la funzione di Grillo. Avrei preferito ben altro, ma in Italia gente con gli attributi non c'e' ne piu'. Il pesce e' marcio dalla testa alla coda. Questa e' la drammatica situazione.

hectorre

Gio, 27/02/2014 - 16:18

grillo non vuole governare....a lui servono i politici bolliti per continuare a vomitare scemenze e fare soldi facili....venghino siori venghino a 30 euri cadauno i biglietti dello spettacolo del grillo parlante!!!!....e regalategli un camper per girare i teatri,poverino...tiene famiglia.....polli!!!!

il corsaro nero

Gio, 27/02/2014 - 16:23

@ pravda 99 : vorrei sommessamente ricordarle che Berlusconi con la Mediaset dà lavoro a 70.000 famiglie italiane, mentre il suo amico giornalaio svizzero ha chiesto aiuto alle banche!

ilfatto

Gio, 27/02/2014 - 16:35

@il corsaro nero...70.000?? l'inflazione galoppa...i dipendenti del gruppo sono ca 15.000 ma i numeri dove li prendete? io il dato l'ho preso dalla homepage del gruppo STESSO... ai quali non so se aggiungere o se sono già compresi i 3.703 del gruppo mondadori http://www.mediaset.it/corporate/impresa/risorseumane_it.shtml?1#page

il corsaro nero

Gio, 27/02/2014 - 16:42

@ il fatto: non mi sembra che Renzi abbia sparato meno stronzate nel suo discorso fatto al senato il giorno della richiesta della fiducia e che l'Unità, giornale notoriamente molto vicino a Berlusconi si è affrettato a lodare!

il corsaro nero

Gio, 27/02/2014 - 16:56

@ pravda99: anche se fossero 15.000, le sembrano poche? Che fa invece il suo amico giornalaio svizzero?

ilfatto

Gio, 27/02/2014 - 17:01

@pallaro nero...si parlava forse di renzi? ha mai letto qualcosa di mio dove dico che renzi manterrà tutte le promesse? qui stavo commentando tramontano che dava dei creduloni ai grillini e io facevo solo notare da che pulpito veniva la predica..renzi è premier da 2 giorni..i conti si faranno alla fine del suo mandato..ma visti i suoi 70.000 anche lei vedo che in quanto a palle NON scherza affatto..complimenti

ilfatto

Gio, 27/02/2014 - 17:13

@il corsaro nero....da 15000 a 70000 ce ne corre..guardi che ero io non pravda..la vedo alquanto "confuso" per usare un eufemismo...cmq tanto per informarla... I dipendenti del gruppo CIR sono circa 14mila. quindi cosa vorrebbe dire? su ci provi con parole sue... http://it.wikipedia.org/wiki/Compagnie_Industriali_Riunite

Giorgio1952

Gio, 27/02/2014 - 19:24

La profezia di Grillo "alla fine come Highlander, ne rimarrà uno solo" penso si avvererà molto presto. Il M5S si sta auto distruggendo come tutte le dittature, i cittadini alla fine fanno la rivolta e rovesciano il despota. Il Cdx sta perdendo pezzi da anni, dal 2010 quando Fini pronunciò l'ormai famoso "Che fai mi cacci?", Berlusconi sarebbe già stato sfiduciato politicamente, voglio sottolinearlo politicamente, il 14 dicembre 2010 quando si salvò per i voti dei due peones Scilipoti e Razzi, di Cesario e Calearo, quattro voltagabbana più una pattuglia di Fli, che tornò sui suoi passi in cambio di qualche incarico di sotto segretario e altre ricompense. Il PDL perse altri pezzi confluiti in Scelta Civica (es.Mario Mauro), poi perse in blocco i ministri di Letta, che fondarono NCD capitanati da Angelino Alfano. Il PD ha perso per strada prima il troppo buono Bersani, poi Letta uomo troppo devoto alle istituzioni, alla fine chi rimane? L'Highlander è Matteo Renzi, il Pierino della politica italiana che non ha paura di prendersi le responsabilità : "Se falliremo, la responsabilità sara mia e solo mia", quindi si lavora insieme ma il responsabile del successo o dell'insuccesso è il premier, non come Berlusconi ha sempre sostenuto che non ha potuto fare le riforme per colpa degli alleati, che si è scelto lui non glieli ha imposti nessuno. In conclusione il mio modesto pensiero è che se non ce la fa Renzi, finiremo commissariati dalla Troika altro che accusare Renzi e Padoan di essere "figli di Troika", io preferisco essere guidato dall'EU e dalla Merkel e vivere come vivono in Germania, che battere moneta liberamente perché la nostra liretta varrebbe come quella turca, e l'Europa a due velocità ci porterebbe ad essere in quella di serie B alla pari con i citati turchi, greci, portoghesi, spagnoli, albanesi, cioè l'Europa Mediterranea, non ci resterebbe altro che la pizza, gli spaghetti e la mafia.

il corsaro nero

Ven, 28/02/2014 - 07:52

@ ilfattoperso: non si parlava di Renzi, ma neanche di Berlusconi! Lo ha tirato in ballo lei! ma certamente secondo lei il Cav. c'entra sempre e comunque, a prescindere, come direbbe Totò! Anche se si parlasse della caccia alle balene, la colpa sarebbe certamente di Berlusconi!