Diventeremo più ricchi per decreto

Non potendo dimostrare altro che i numeri fallimentari delle proprie sconsiderate politiche economiche l'Europa ha inventato l'arma finale: la crescita a tavolino. Eurostat (...)

(...) ha infatti dichiarato che implementerà fra pochi mesi un nuovo sistema di calcolo del Pil, nel quale verranno capitalizzate (quindi considerate come investimenti) le spese in ricerca e sviluppo e anche gli armamenti, questi ultimi prima catalogati come «distruttivi» e quindi annotati tra le spese correnti. Saranno contenti gli addetti ai centri ricerca per le armi che adesso conteranno il triplo ma la notizia dovrebbe far riflettere su quanto manipolabili e soggettivi siano i dati a cui l'Europa dei tecnocrati impicca le nostre vite. Secondo le prime stime infatti, questa semplice decisione a tavolino provocherà un aumento del Pil italiano di circa il 2%. In pratica 30 miliardi apparsi dal nulla e fatti di nulla perché, ovviamente, non una virgola dell'Italia reale cambierà il giorno dopo della revisione, nessun disoccupato troverà lavoro e nessuna azienda vicina alla chiusura riceverà un singolo ordine. Un semplice parametrino cambiato nei calcolatori degli istituti di statistica e i Paesi nordici si ritroveranno addirittura con un Pil più alto del 5%, più in coda i Paesi dell'Est con revisioni minimali. La revisione riuscirà persino nel miracolo di far aumentare la ricchezza prodotta nel passato, in quanto coinvolgerà secondo la signora Louise Corselli-Nordblad dell'ufficio stampa di Eurostat «gli anni vicini all'attuale». Uno dei segreti dell'Europa dei burocrati che assomiglia sempre di più allo stato descritto da Orwell in 1984 è proprio quello di aver legato la democrazia e i destini di popoli e governi ad una serie di parametri numerici che nessuno può controllare e che, come rappresenta bene questa revisione, sono la quintessenza della discrezionalità e dell'arbitrio. La nostra Imu è legata ad un misero 0,1% di sforamento nel rapporto deficit/Pil? Se avessimo considerato i nuovi parametri probabilmente questo 0,1 non sarebbe esistito. E come dimenticare quando, subito dopo l'adozione dell'euro, Germania e Francia sforarono immediatamente il «sacro» parametro del 60% del rapporto debito/Pil? Il pavido Prodi, all'epoca presidente della Commissione europea racconta in una recente intervista che provò a protestare, per poi essere zittito con queste parole che lui stesso riferisce: «Chiudi il becco, i signori di questi parametri siamo noi». Un vergognoso ricordo che dovrebbe servire agli illusi del «battere i pugni sul tavolo». Quando Berlusconi provò con la «finanza creativa» di Tremonti a giocare allo stesso gioco piegando un po' i numeri, improvvisamente Eurostat diventò inflessibile e quegli stessi spostamenti all'interno di società parastatali vennero bocciati senza appello, mentre tuttora si consente alla Germania di mantenere all'interno della banca statale KfW circa il 20% del debito pubblico, che così diventa «invisibile» e fuori bilancio. Qualche lettore si ricorderà forse le manovre dell'ultimo governo Prodi per truccare i conti lasciati dal centrodestra appesantendoli con 30 miliardi di spese inesistenti o non dovute per mostrare finti risanamenti. Ebbene, in quel caso Eurostat chiuse occhi e orecchie, invece adesso la revisione che arriva in dote all'Europa dei governi euroentusiasti come quello di Letta è della stessa proporzione. L'importante è giocare sui numeri, come con i pedaggi autostradali il cui aumento nei comunicati del governo è stato «eroicamente contenuto» a solo il più 4%. In 1984 il popolo esultava perché la razione di cioccolato distribuito era stata aumentata a 20 grammi: solo il protagonista ricordava che in realtà la razione era stata appena ridotta a 20 dai precedenti 30 grammi. Basta cambiare i numeri e i messaggi. Eurostat ti guarda.
Twitter: @borghi_claudio

segue a pagina 9

Parietti a pagina 9

Commenti
Ritratto di centocinque

centocinque

Ven, 17/01/2014 - 08:46

Gli eurocrati e la merkel sanno che a maggio ci sarà una forte affermazione delle liste euroscettiche e preparano la campagna elettorale: ma gli elettori europei non sono imbecilli come questi credono.