Da domani Silvio Berlusconi ai servizi sociali alla Sacra Famiglia

Il leader di Forza Italia assisterà un gruppo di venti malati di Alzheimer

Da domani Silvio Berlusconi inizierà il suo affidamento ai servizi sociali, tra i malati di Alzheimer della Sacra Famiglia, struttura assistenziale di Cesano Boscone, poco fuori Milano.

Il tribunale di sorveglianza del capoluogo lombardo ha accolto il 15 aprile scorso la richiesta di affidamento ai servizi sociali per il leader di Forza Italia, che deve scontare la condanna a un anno di carcere per frode fiscale, che sarà probabilmente ridotta a dieci mesi e mezzo per via della liberazione anticipata.

Per quattro ore a settimana, Berlusconi svolgerà la sua attività con una ventina di pazienti colpiti dal morbo di Alzheimer, nel padiglione San Pietro della Sacra Famiglia. Inizialmente sarà affiancato da un dipendente e seguirà gli anziani nelle loro diverse attività, leggendo, cantando con loro, ma anche aiutandoli nel momento del pranzo. Un programma che i vertici della struttura di Cesano Boscone hanno condiviso con il leader di Forza Italia.

Parlando del suo impegno al Tg1, Silvio Berlusconi ha detto che lo affronterà "come un uomo abituato da sempre a fare del bene agli altri, in particolare ai più deboli, agli ammalati, agli anziani", "con l’impegno e l’umiltà come mi ha insegnato mia madre".

Commenti

carpo27

Ven, 09/05/2014 - 07:38

SANTO SUBITO! Ma siete patetici... "leggendo, cantando con loro..." perchè non "lavando loro i piedi" e "facendosi crocifiggere per i nostri peccati"? STA SCONTANDO UNA PENA DEFINITIVA, tra l'altro in modo indecorosamente blando (4 ore alla settimana!!!!!!). Rieducato? Si, sono d'accordo, è ridicolo pensare di rieducare un primo ministro. Andava sbattuto in galera o - visto che siamo in Italia e in galera ci vanno solo i poveri - perlomeno ai domiciliari.