Draghi: "Ripresa a rischio"

Il presidente della Bce: "L'inflazione è scesa ancora, la ripresa è soggetta a rischi". E sulla telefonata con Napolitano conferma: "Fu lui a chiamarmi"

Il presidente della Bce Mario Draghi

Quella famosa luce in fondo al tunnel vista e annunciata mesi fa dal premier Mario Monti stenta ad apparire. A dirlo è il presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, secondo cui "l'inflazione è scesa ancora" e la previsione di ripresa nel secondo semestre "è ancora soggetta a rischi".

Rischi che rimangono ancora alti e che "includono la possibilità di una domanda interna più debole del previsto e di una lenta o insufficiente implementazione delle riforme strutturali nell'area euro. Questi fattori hanno la potenzialità di danneggiare il miglioramento della fiducia e quindi rinviare la ripresa".

Oltre al capitolo economico, a chi gli chiedeva in conferenza stampa della presunta telefonata nella quale avrebbe dissuaso il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dal rassegnare le dimissioni l'ex direttore della Banca d'Italia ha risposto in modo secco e perentorio: "Quando riceviamo telefonate, rispondiamo; per il resto non rilascerò commenti sulla situazione dell’Italia".

Insomma, pare assodato che fu il capo dello Stato a chiamare Draghi nel momento di massima tensione. Era stato il Corriere della Sera a dare un resoconto del colloquio telefonico tra i due. Draghi e Napolitano avrebbero parlato della situazione politica italiana e il presidente della Bce avrebbe invitato il Colle a non abbandonare la nave evitando così "rendere il Paese del tutto acefalo, con un governo dimissionario, un parlamento incapace di esprimere una maggioranza e ora anche un capo dello Stato che lascia". Gli investitori italiani ed esteri che ogni settimana finanziano il Tesoro, le banche e le aziende del Paese, non capirebbero".

Lo stesso giorno della pubblicazione del resoconto del Corsera, il Quirinale ha smentito il contenuto della telefonata. Che però di sicuro è avvenuta.

Commenti
Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 04/04/2013 - 15:33

MARIONETTA E PUPAZZO DEI MASSONI

max.cerri.79

Gio, 04/04/2013 - 16:19

A rischio??? AHAHAHA Ma che ripresa??? Ormai non ci sarà nessuna ripresa, il prossimo passo sarà la guerra

Ritratto di tenaquila

tenaquila

Gio, 04/04/2013 - 16:21

Ecco una persona che farei Presidente subito. Altro che Prodi & Co.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 04/04/2013 - 16:43

Non capisco come ci possa essere una ripresa se nessuno ancora ha fatto provvedimenti in tal senso.

m.m.f

Gio, 04/04/2013 - 17:13

CON UN UE IN MANO A DEGLI INCAPACI,CON DEI GOVERNI IN MANO A DEGLI INCAPACI E' IL MINOMO ...............IN EUROPA LA RIPRESA CI SARA' TRA 20 ANNI..........

roby55

Gio, 04/04/2013 - 18:17

Finché dovremo elemosinare soldi dalla BCE, la ripresa e la crescita sarà una pia e mera illusione. Una Nazione che non può coniare la propria moneta è una castrazione. L'euro? E stato il proverbiale specchietto delle allodole. Cordiali saluti.

roby55

Gio, 04/04/2013 - 18:23

Mario Monti: uno che non ha mai lavorato un giorno in vita sua. Quelli che lavorano sono quelli che producono la ricchezza facendosi un mazzo grande così. Lui fa parte di quelli che fanno soldi togliendo la ricchezza a chi la produce. Lui e suoi degni compari del FMI e della Banca Mondiale: paracadutarli tutti su un'isola disabitata e vedere come se la cavano.

roby55

Gio, 04/04/2013 - 18:32

@ tenaquila: la rispetto ma non condivido il suo giudizio su Draghi, che con Monti and company, fa parte delle grandi lobby finanziarie, che puntano a una Europa federale, prima togliendo loro le monete nazionali e poi impoverendole e togliendo loro la sovranità nazionale, cosa già in atto, a cosa serve il nostro parlamento se non a ratificare ciò che ha deciso la Merkel? Cordiali saluti.

ilbarzo

Gio, 04/04/2013 - 19:16

Che fosse pure menzogniero non lo avrei mai pensato,nonostante non abbia io mai avuto affidabilita'in questa persona,soprattutto perche' di stampo comunista.

Stella

Gio, 04/04/2013 - 20:14

Daccordo con Dragon_Lord! Sono tutti massoni anche Napolitano! Comunque sarei sorpresa se la ripresa fosse dietro l'angolo! Stanno distruggendo l'Italia peggio della seconda guerra mondiale!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 04/04/2013 - 20:54

Napolitano servo del bilderberg.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 04/04/2013 - 21:07

Draghi è un criminale . E' quello delle svendite del 1992. Andrebbe passato per le armi.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 04/04/2013 - 21:09

draghi+1992+britannia. Questo dovete cercare se volete capire chi è davvero draghi e chi comanda a questo mondo

vince50

Gio, 04/04/2013 - 21:33

"Ripresa a rischio"? troppo diplomatico,avrebbe voluto dire niente rischio figuriamoci la ripresa.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 05/04/2013 - 00:45

L'unica vera speranza, per il futuro del nostro paese, è di non avere più a che fare con personaggi come Monti e Napolitano. CHI STA INCENSANDO IL LAVORO DI NAPOLITANO DOVREBBE INVECE CONTESTARGLI L'ORRENDA SCELTA DI AVERCI RIFILATO UN INCAPACE COME MONTI.

nalegior63

Ven, 05/04/2013 - 07:28

tenaquila prima di dire certe cose x simpatia,informati su chi sono nel gruppo dei massoni che ci stanno spellando vivi...su su e chi sono i loro maggiordomi(prodi-draghi-merkel-hollande-napolitano) o scendiletto(bersani-dalema-ecc)

gicchio38

Ven, 05/04/2013 - 08:15

CHE L'ITALIA CORRE UN TREMENDO PERICOLO DI "COLLASSO" QUESTO, ORAMAI, LO SANNO ANCHE I MORTI. QUELLO CHE NON SAPEVAMO ERA IL SUO INTERVENTO PER MANTENERE IN CARICA IL "VECCHIETTO". IN CARICA PER FARE CHE COSA? ALLUNGARE LA NOSTRA "AGONIA"? QUESTO MI FA CAPIRE QUANTO CI TENETE ALLE POLTRONE "TESTE DI LEGNO". PER ME E'SEMPRE TROPPO TARDI QUANDO AVRETE DECISO DI ANDARE A .......... AD OGNUNO IL PIACERE DI AGGIUNGERE IL PROPRIO AGGETTIVO.