Due dei No Global condannati per gli scontri di Genova sono irreperibili

Francesco Vecchi e Davide Vecchi sono risultati irreperibili ai poliziotti che dovevano reperire l'ordine di carcerazione. Puglisi è stato condannato a 15 anni e Vecchi a 13 per le devastazioni del G8 a Genova del 2001

Irreperibili. Francesco ’Jimmy’ Puglisi e Davide Vecchi sono scomparsi nel nulla e, guarda caso, sono i due antagonisti che hanno avuto le condanne più alte (rispettivamente a 15 e 13 anni, con uno sconto tra 9 e 12 mesi) per la guerriglia urbana del G8 di Genova del 2001. Le forze di polizia incaricate di eseguire l’ordine di carcerazione emesso ieri dalla Procura generale di Genova dopo la sentenza della Cassazione non sono ancora riusciti a rintracciare i due.

Puglisi, trentottenne di Catania, è rappresentante del centro sociale autogestito Guernica-Fabrica, ed è conosciuto con un nome che è un programma "Molotov". Ieri il legale di Puglisi, Laura Tartarini, aveva definito quella della Cassazione "una pronuncia poco coraggiosa", "basata su un reato, quello di ’devastazionè, che risale ai tempi del fascismo e al Codice Rocco". Oggi il legale ha preferito non commentare l'irreperibilità del suo assistito. L’altro irreperibile, Davide Vecchi, è un anarchico quarantenne, originario di Calcinate (Bergamo), ma residente a Milano. Nel corso del processo aveva dichiarato di non riconoscere l’autorità