E Bossi senza potere adesso si ritrova solo

Prima facevano la fila per avvicinarlo, adesso lo evitano per saltare sul carro del vincitore e salvarsi

All’isolamento adesso si aggiunge il dubbio più atroce: che Bobo il Vendicatore possa togliere anche la scorta di assistenti-badanti, pagati dalla Lega, che aiutano il malandato Bossi nelle operazioni quotidiane anche elementari. Dopo la disfatta, l’umiliazione.

C’è persino questo manico di coltello nelle mani del nuovo segretario federale Maroni, già riverito e omaggiato come si conviene al capo, anche da coloro che fino a qualche settimana fa facevano ore d’anticamera davanti all’ufficio di Bossi, specie quando c’erano da decidere candidature e poltrone. Puff, spariti come mosche dopo il ddt, tutti già sul Carroccio del vincitore Bobo. E Umberto Bossi? Isolato, abbandonato, tenuto a distanza come l’appestato, perché se sei con lui sei contro di noi. Se prima c’era la fila di nani e ballerine leghiste ad ogni festa per farsi vedere anche solo due secondi con lui («il Capo mi ha detto che...»), ora, e a maggior ragione da domenica che è ufficialmente ridotto a zero, nessuno lo chiama nemmeno più. È lui che deve prendere il cellulare e comporre il numero dei pochissimi amici rimasti, che si contano sulle dita di una mano.

Dopo la tragedia shakespeariana del congresso di Assago, col pianto a scena aperta, la parabola di Salomone e la convinzione di essere stato «imbrogliato» dai suoi ex fratelli, Bossi sulla via del ritorno ha telefonato a Leonardo Carioni, Roberto Castelli e al senatore Valli: «Vieni da me stasera, mangiamo insieme a casa mia». Sottotesto: non mi lasciate da solo stasera. Lo hanno raggiunto e hanno cenato con lui, raccogliendone tutta l’amarezza, che sfiora la disperazione. Era successa la stessa cosa il mese scorso, al congresso nazionale della Lega lombarda, a Bergamo. Bossi e basta, senza codazzo di questuanti o finti amici, a cenare in un ristorante coi due bergamaschi-assistenti della scorta, solo come un cane. E anche lì la richiesta di aiuto, diretta ancora a Castelli e poi anche ad Andrea Gibelli, che l’avevano raggiunto dopo. «In politica la riconoscenza è la promessa di nuovi favori, e Bossi ora di favori non ne può più fare», ecco spiegato il segreto di tante improvvise conversioni, dal «Bossi è la Lega e la Lega è Umberto Bossi» al «Viva Maroni, il ciclo di Bossi è finito». E quando, attorno al Bossi in lacrime al Forum di Assago, si sono stretti in tanti colonnelli con gli occhi rossi o addirittura in pianto, si è udito un commento definitivo: «Fate spazio lì giù, che devono passare i coccodrilli».
Ma ora che fare? Quando non è depresso, schiacciato dai fantasmi (i traditori in combutta coi servizi segreti, i nemici dentro la Lega che lo vogliono distrutto insieme alla sua famiglia), che lo rendono anche difficile da avvicinare, Bossi medita riscosse impossibili. «Mi hanno rubato la Lega ma io me la riprendo» confida a pochissimi, che però gli sconsigliano azioni kamikaze, quando sono in buona fede. Quelli che invece sanno di non avere scampo dalle purghe ma ambiscono a posti, lo incoraggiano nella carica ai mulini a vento.

Nell’ipotesi migliore, quella cioè del Bossi che si fa una ragione della situazione, viaggerà da una festa di partito all’altra, dove verrà invitato come presidente federale dalla gente che ancora gli vuole bene, e dirà la sua su quel che succede anche nella Lega di Maroni. Nella peggiore, «se continueranno le epurazioni anche nelle nazioni» divenute maroniane, non si escludono (persino da fonti molti in alto) rotture e scissioni. Due senatori hanno fatto capire di avere la lettera di dimissioni già pronta nel cassetto. E in Veneto c’è già la piattaforma politica, con sedi e nome, per un nuovo partito che raccoglierà i bossiani epurati. È un’associazione che si chiama «Prima i veneti» e fa capo all’ex segretario della Liga veneta Gian Paolo Gobbo, soppiantato da Flavio Tosi. Una Lega indipendentista e venetista che sarebbe antagonista a quella di Maroni, Tosi e Zaia, e che potrebbe avere dalla sua già qualche senatore e diversi consiglieri regionali e provinciali veneti. «Tutto dipende da come si muoverà Maroni, se è furbo farà il segretario che ogni tanto si consiglia con Bossi, ma se fa terra bruciata le scissioni sono possibili. Anzi inevitabili».

Commenti
Ritratto di unLuca

unLuca

Mar, 03/07/2012 - 08:36

Sic transit gloria mundi .

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Mar, 03/07/2012 - 09:08

Si sono rivelati, pertanto autodistrutti. Maroni avrà molto poco da lavorare: mancheranno i clienti, come oggi, in tutte le botteghe d'Italia.

Al2011

Mar, 03/07/2012 - 09:32

Maroni è in politica anche lui da oltre 30 anni, e non sarà certo lui a risollevare la Lega. Dopo oltre 20 anni da deputati a Roma, si sono troppo affezionati alla spesa pubblica e alle tasse, per tagliare veramente l'una e le altre.

xawdoo

Mar, 03/07/2012 - 09:58

che squallore bossi continua a ripetere Roma ladrona... e poi lui ricottava sui rimborsi elettorali della lega... ma che schifo.

INGVDI

Mar, 03/07/2012 - 10:16

Robespierre Maroni ha già ottenuto un risultato: il dimezzamento dei consensi. I leghisti veneti penso e spero faranno un loro partito autonomo, se non vogliono sparire.

nigher

Mar, 03/07/2012 - 10:41

da leghista dico che bossi ha deluso e tradito dico che deve andarsene.....chi sbaglia paga...TOSI capo della lega!!

Ritratto di nontelomandoadiretelodico

nontelomandoadi...

Mar, 03/07/2012 - 10:46

sulla dirittura morale dei politici in generale non credo di essere in grado di esplicitarla in toto, in particolare il volgare stile espressivo del senatore bossi, hai voglia di blaterare contro la disonesta Roma, il peggio è che i suoi solidali oggi tutti ex continuano imperrettiti nella stessa linea becera e fallimentare e miope dell' autoesclusione dalla comunità italiana ritenendosi baciati dalla natura e dagli Dei, faranno la stessa fine del loro ex-capo, spariranno ! dal contesto politico italiano, questo sputare sui cittadini, sullo stato italiano, e sul piatto dove mangiano e...come mangiano è una strada che porta ad un vicolo cieco dove si romperanno le c.orna è solo questione di tempo. ma purtroppo non è dato a tutti la comprensione della prospettiva di un progetto.

linoalo1

Mar, 03/07/2012 - 11:40

Bossi,per il suo bene,dovrebbe ritirarsi a vita privata!Se solo si azzardasse a rimanere sul campo,verrebbe inevitabilmente combattuto!Tutto il mondo è paese!La sete di potere va oltre ogni più buon sentimento!Maroni insegna.Lino.

killkoms

Mar, 03/07/2012 - 12:01

tutto il mondo è paese!anche l'inesistente padania!

Random64

Mar, 03/07/2012 - 12:08

Maroni è un'uomo di Roma..mi pare evidente..Bossi e la lega sono stati vittima solo e soltanto della malattia..del capo..