E la Casa Bianca perde il mago dei dolci

Lascia il pasticcere-capo della Casa Bianca: Bill Yosses, 60 anni, abbandonerà almeno parzialmente crostate burrose e torte dolcissime, che hanno sedotto capi di Stato e presidenti, per insegnare nutrizione a New York. I piani dell'uomo, responsabile della millefoglie al cioccolato hawaiiano per il presidente francese Hollande durante la recente cena di Stato a Washington, non sono ancora precisissimi, ma le dimissioni sono state date. «È stata una decisione dolce-amara», ha dichiarato. E Michelle Obama - sostiene il New York Times - ne è parzialmente responsabile: Yosses, ex re di panne montate, caramelli e zuccheri filanti, è stato sedotto dal «nuovo corso» introdotto dalla First Lady con la campagna sul «mangiare sano». Il suo interesse nella relazione tra cibo e salute lo condurrà a insegnare a bimbi e adulti una cucina più salutare. Assunto da Laura Bush nel 2007, Yosses ha cambiato «rotta» in cucina con l'arrivo di Michelle: dolci e pastarelle sono stati conditi il più possibile con i frutti dell'orto della First Lady, con più miele e agave che zucchero e al posto del burro, frutta. «Ma non voglio demonizzare creme, uova e gli ingredienti classici», ha detto il pasticcere. «Ancora oggi il 20% della pasticceria della Casa Bianca vien fatta così». Ma per il resto, per la famiglia Obama, i dolci sono meno dolci e le porzioni più piccole. Michelle Obama in una nota s'è detta «incredibilmente triste di vedere Yosses andarsene, ma grata per lo straordinario lavoro svolto non solo come pasticcere ma anche nella realizzazione dell'orto, per un futuro più sano per la prossima generazione». I maligni sostengono però che l'addio sia stato più «dolce e amaro» di quanto comunicato. Bella frustrazione, per un pasticcere, sollazzarsi solo con mousse di fruttini...