E la crisi ha già ucciso centomila imprese

L’allarme lanciato da Confesercenti e Cgia di Mestre. È colpa del peso delle tasse: sfiorato il 69%. Addizionali Irpef senza freni

Altro che fine del tunnel, la luce non si vede ancora. La crisi continua a colpire forte imprese e famiglie, se sta finendo nessuno se n'è accorto. In un sabato di fine estate si accumulano dati preoccupanti: arrivano soprattutto dal meeting di Confesercenti, dove il presidente Marco Venturi dà appuntamento a tutti per il 2019. Solo allora la nostra economia dovrebbe tornare ai livelli pre-crisi. «Rispetto alla crisi profonda qualcosa si comincia a vedere - concede Venturi - c'è un allentamento, tenderemo a mano a mano a perdere di meno fino a tornare in territorio neutro e poi positivo. Ma è un percorso difficile e ci vorrà molto tempo per recuperare. Il 2103 non è l'anno della ripresa e non lo sarà nemmeno il 2014 perché non ci sarà una svolta dalla crescita economica ma un'uscita lenta e graduale dalla lunga crisi. Per questo la crisi politica fa paura, la politica deve smettere di guardare se stessa e guardi invece ai problemi delle famiglie e delle imprese».

Ed ecco un po' di numeri da paura. Quelli riguardanti il peso del fisco sulle imprese, «quello reale è al 55 per cento, addirittura al 68,3 per cento per le piccole e medie imprese», ciò che fa dello Stato «il socio di maggioranza delle imprese. È arrivato il momento di dire basta, non ci stiamo più». Quelli riguardanti le serrande abbassate, perché «negli ultimi diciotto mesi 101mila commercianti hanno chiuso, per la crisi, le alte tasse, la troppa burocrazia».

Quelli riguardanti il reddito disponibile delle famiglie, che quest'anno «si ridurrà di ben 98 miliardi rispetto a cinque anni fa», sicché le famiglie stesse continueranno a stringere la cinghia, spendendo 4mila euro in meno in media per ogni nucleo, «con un ulteriore calo dei consumi di 60 miliardi che sommati ai danni già prodotti diventeranno 145». Quelli che conteggiano gli adempimenti fiscali che attendono le famiglie nei prossimi 3 mesi, che sono «187 pratiche, al ritmo di due al giorno» e valgono, al netto di Irpef e Iva, «quasi 100 miliardi di euro». Quelli che riguardano il temutissimo aumento dell'Iva, che secondo Venturi va cancellato perché «è una stupidità, una beffa per gli italiani», visto che peserà «per quasi 100 euro sulle tasche delle famiglie, da 3.407 a 3.505 euro annui» senza nemmeno portare «i 3 miliardi attesi, anzi farà perdere 300 milioni deprimendo ulteriormente i consumi». Un'analisi condivisa da federconsumatori e Adusbef, che aggiungono una pennellata al quadro quantificando in 2.407 euro il minore consumo annuo da parte del nucleo familiare medio nel biennio 2012-13.

Una fotografia che rovina il sabato. Né l'umore migliora quando arriva il dispaccio della Cgia di Mestre sulle addizionali regionali e comunali Irpef, che dal 2010 hanno subito una vera impennata. Secondo l'associazione un operaio con un reddito annuo di 20mila euro tra il 2010 e il 2013 si è visto trattenere 89 euro in più all'anno, un impiegato con un reddito annuo di 32mila euro 117 euro e un quadro con un reddito annuo di 60mila euro (pari a uno stipendio mensile netto di quasi 3.100 euro) ben 284 euro. E per il 2014 non c'è da attendersi buone notizie. «Quest'anno - fa notare Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia - gli enti locali hanno tempo sino al 30 novembre per decidere le aliquote dei tributi e delle tariffe comunali» e viste le «molteplici incertezze e problematiche che i sindaci devono affrontare, si pensi all'Imu e alle risorse compensative che dovrebbero ricevere dall'erario, la tentazione di ritoccare all'insù le aliquote delle addizionali comunali Irpef è molto forte. Per l'anno in corso sono 40 i Comuni capoluogo di provincia che hanno già deliberato l'aliquota. Undici l'hanno aumentata e gli altri 29 hanno confermato l'aliquota del 2012 che in 13 casi era già stata innalzata al livello massimo dello 0,8 per cento». E ora trascorrete una buona domenica, se potete.

Commenti

bruna.amorosi

Dom, 15/09/2013 - 09:48

E..quale è il problema scusate . adessso finalmente si sono levati di mezzo BERLUSCONI vedrete kompagni dal giorno dopo riapriranno tutte le botteghe e le industrie ,non pagherete più del dovuto ,ed i magistrati finalmente torneranno a dormire il sonno eterno in fatto di sentenze .per i poveri cristi che non si chiamano BERLUSCONI .MAMMA CHE VITTORIA CHE AVETE AVUTO congratulazioni per l'onestà dimostrata .poi auguri per il (forse) governo che andrete a votare .

millycarlino

Dom, 15/09/2013 - 09:57

Letta commenta questo articolo se hai coraggio. Ma dimenticavo "lUnità non lo dice" e tu da buon trinariciuto stai agli ordini. Beh, con la disciplina Napoleone ha conquistato mezzo mondo, hai ragione. Milly Carlino

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 15/09/2013 - 10:10

dopo Berlusconi i massoni troveranno un altro osso con cui far giocare i cagnolini e le scimmiette tranquilli italiani non resterete senza giocattoli e distrazioni.

wotan58

Dom, 15/09/2013 - 10:22

Quando si iniziò a parlare di federalismo qualche povero imbecille come me era terrorizzato dall'idea dei relativi costi...ecco il risultato dell'autonomia impositiva. Organici degli enti locali gonfiati all'inverosimile, sprechi e corruzione dilagante. Bisogna fare dietrofront, prima di subito. Ottimo il fiscal compact, ma serve subito bisogna dare attuazione ad un piano di tagli draconiani di pezzi dello stato per poter iniziare a diminuire le tasse. E soprattutto, carcere per chi sfora, a tutti livelli, a partire dal presidente del consiglio.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Dom, 15/09/2013 - 11:13

E questo nonostante Silvio sostiene di aver abbassato le tasse. Sicuramente la colpa è della sinistra comunista, stalinista e delle tasse. Non certo del Cavaliere. Se mai qualche colpa ci fosse stata della coalizione del Cav sarebbe stata colpa di Fini e di Casini: come puoi fare qualcosa con quei due? Per Silvio re d'Italia!

piertrim

Dom, 15/09/2013 - 11:46

Ma fa più male la crisi oppure sono tasse e imposte che uccidono le aziende?

Massimo Bocci

Dom, 15/09/2013 - 12:05

Che volete che sia son solo imprese, che hanno rischiato il proprio patrimonio caso mai (TUTTO) con dipendenti,famiglie e famigliari a carico,ecc. cosa volete che sia zavorra in un REGIME COMUNISTA,ma pensate la tragedia SOCIALE!!! Fossero state coop,caso mai finte!!! (come da prassi) Messe su dai soliti noti (comunisti e C.) Gli amici degli amici, privilegiati Iper le spartitorie (istituzionali) appalti appaltini, costruiti e messe su (apposta) ,caso mai costituite con soldi pubbli, e finanziate PURE con i soldi pubblici, questo si che sarebbe stato un problema, si metteva in crisi un pezzo di apparato COMUNISTA, quello che lo smacchiatore dei giaguari auspicava come modello per di sviluppo sostenibile, a fianco dell'EURO??? L'economia collettiva dei Soviet, (ladri + ladri) con loro PARASSITI, sandacal.... comunisti a dirigerla!!!! Chissà se all'ILVA faranno una cooperativa di lavoro, un problema lo avrebbero come faranno a portarsi il lavoro a casa, forse qualcuno ai vetero compagni gli dovrebbe ricordare,non solo i 120 milioni di morti che hanno fatto per il sol dell'avvenire, ma che questo è miseramente fallito come avrebbero fatto le coop nostrane senza i NOSTRI SOLDI, elargiti a GO.GO dal 47, ma loro sono istituzionali (Stalin li ha messi a libro paga), mica come i fessi Italioti veri imprenditori capitalisti LIBERI e LIBERALI che rischiano soldi PROPRI!!!! Che logicamente le politiche COMUNISTE FANNO FALLIRE, sennò a cosa servono i REGIMI ISTITUZIONALI COMUNISTI, basterebbero semplici democrazie......Svizzere!!!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 15/09/2013 - 12:52

si dia l'iva alle regioni liberalizzandola, sul tipo statunitense

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 15/09/2013 - 12:54

più tasse meno si può spendere in vari acquisti anche per alimentari, pazienza tanti esercenti ed imprenditori chiuderanno e licenzieranno a causa delle troppe tasse che uccidono i consumi.

Ritratto di salvato502000

salvato502000

Dom, 15/09/2013 - 13:04

io credo che non ce niente da commentare ,, ma solo mentre abbiamo ancora qualche euro e qualche briciolo di dignita .. andarcene in mezzo ai selvaggi che sicuramente saranno piu civili di questi 4 imbecilli si perche siete imbecilli tutti