E i colossi tedeschi non pagano Imu e Ici

Il gigante dell'energia E.On deve al Comune di Porto Torres oltre un milione. E il contenzioso rischia di finire in tribunale

L’unica cosa certa nella vita sono la morte e le tasse, ma mentre la prima è una tappa ineludibile, con la seconda c’è chi prova a farla franca. E a volte la trasgressione arriva da chi non ti aspetti. Come dalla multinazionale tedesca dell’energia E.On, che in Sardegna si è radicata da dieci anni (nel tondo il suo stabilimento), ma l’Ici non l’ha mai pagata. Il carbondotto del colosso tedesco attraversa per 4 chilometri il territorio di Porto Torres e il comune adesso ha deciso di presentare il conto. L’ente non riuscirà a incassare l’Ici per tutti i dieci anni, ma almeno metterà le mani sulle imposte relative agli ultimi cinque per le quali non è scattata la prescrizione, oltre che sull’Imu per l’anno in corso. Un milione e 360mila euro è il computo finale, accompagnato dalla minaccia di rivolgersi al tribunale, se il debito non venisse onorato.

Sembra insomma che i tedeschi, maestri di rigore, a volte siano inclini all’autoindulgenza, se si tratta di scovare le travi nel proprio occhio. Quello di E.On, tra l’altro, è solo l’ultimo degli inadempimenti nei confronti del Comune, che da mesi è ormai coinvolto in un altro estenuante braccio di ferro: l’ente sta infatti aspettando l’attuazione degli accordi firmati dalla società per la costruzione di un nuovo gruppo a carbone. Il contratto prevede che al Comune vengano corrisposti 400mila euro all’anno per il periodo compreso fra il 2009 e il 2013 per una cifra pari a due milioni di euro dilazionati in cinque annualità. Solo che gli accordi, per ora, sono rimasti lettera morta: dalla tesoreria fanno sapere che sono stati corrisposti soltanto 240mila euro come anticipo del 30% per quanto dovuto negli anni 2009 e 2010. E per far rispettare i patti alla giunta non è rimasta altra scelta che rivolgersi agli avvocati.

La cifre in ballo sembrano comunque una pagliuzza rispetto alla trave nell’occhio del colosso tedesco Bosch: l’agenzia delle entrate ha accertato un’evasione di 1 miliardo e 400milioni, sommando gli anni di tasse non pagate dal 1997, più sanzioni e interessi. Praticamente una fetta di finanziaria. La maggior produttrice mondiale di componenti per autovetture però se l’è cavata con molto meno: a gennaio il fisco italiano ha preferito incassare poco ma subito e ha accettato un accordo al ribasso di 300 milioni euro per evitare un estenuante duello con i consulenti della multinazionale. Se gli italiani piangono in materia di evasione nemmeno i tedeschi ridono. Non solo nel Belpaese, ma anche a casa propria: Thomas Eigenthaler, presidente del sindacato del personale tributario a gennaio aveva lanciato l’allarme: «La frode fiscale è diventato purtroppo il nostro sport nazionale. È un comportamento diffuso che, anziché essere additato come una vergogna, purtroppo viene trattato come una bagattella, un peccatuccio veniale. Ormai è una questione di mentalità. La morale fiscale della gente continua a peggiorare». Si aggira attorno ai 30 miliardi la perdita annua del fisco in Germania per colpa degli evasori. E anche la commissione Finanze del Bundestag ha accertato che anno dopo anno, i tedeschi hanno portato illegalmente all’estero più di 300 miliardi di euro, di cui 142 miliardi in Svizzera.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 05/07/2012 - 08:25

L'astio naturale verso la Merkel, arroccata nella stolta difesa degli interessi di bottega tedeschi, giustifica ampiamente questo articolo. Finirà che i tedeschi prenderanno baracca e burattini e se ne andranno da qualche altra parte in giro per il mondo, per cui perderemo sia l'IMU che i posti di lavoro. Comunque non mi sembra giusto che i tedeschi "ottengano" con la prepotenza condizioni di favore che aumentano la loro capacità concorrenziale.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 05/07/2012 - 08:20

L'astio naturale verso la Merkel, arroccata nella stolta difesa degli interessi di bottega tedeschi, giustifica ampiamente questo articolo. Forse finirà che i tedeschi prenderanno baracca e burattini e se ne andranno da qualche altra parte in giro per il mondo, per cui perderemo sia l'IMU che i posti di lavoro. Comunque non mi sembra giusto che i tedeschi "ottengano" con la prepotenza condizioni di favore che aumentano la loro capacità concorrenziale.

Contenextus

Gio, 05/07/2012 - 08:53

Fanno bene a non pagare. Ici ed Imu sono patrimoniali dal significato puramente espropriativo. Illiberali e criminali.

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 05/07/2012 - 09:10

Troppo pochi.Spolpateli come spolpano e sfruttano dappertutto questi approfittatori.

antonin9421

Gio, 05/07/2012 - 09:36

Ma i soliti sinistri non tarderanno a far sentire le loro trombette suonando la solita musichetta del "fango del giornale".

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 05/07/2012 - 10:26

si beh, se il comune si sveglia ora...se dall'ufficio da cui doveva partire la cartellina non è partito nulla e gli addetti si facevano i fatti loro anziché lavorare per il popolo non è colpa della centrale. si così no? te non mandi le bollette e le cartelline agli amici e alla fine si prescrivono. la morale è che tra i soldi che devono cacciare questi di tasse, e gli impianti fotovoltaici li intorno, i cittadini stanno pagando per prodursi energia...non dovrebbero pagare le bollette dell'energia elettrica. fammi capire te come mai questi colossi riescono sempre a privatizzare gli utili e socializzare i debiti.

Massimo Bocci

Gio, 05/07/2012 - 10:47

Ma i Tedeschi (alias Crucchi) non sono i nuovi padroni delle ferriere della pseudo repubblica delle banane dei senza vincolo e vergogna,........dunque quando mai "IL VERO PADRONE" ha mai pagato per un suo possedimento "COLONIALE",.. tranquilli...tutto codificato e registrato nel contrattino TRUFFA EURO, by mortadella e compagni....di merende (alias I LADRI ANTI ITALIANI!!!!).

belli_capelli

Gio, 05/07/2012 - 12:19

La cosa più interessante dell'articolo è l'entità dell'evasione in terra germanica: ma come non eravamo noi mediterranei, terroni, poveri d'europa, votati alla truffa nei confronti della cosa pubblica e evasori codificati? 30 miliardi di evasione nella terra della legalità e del senso civico??? E poi dobbiamo sputare sangue e mangiare pane e cipolle per tirare avanti!!!!! Perchè non viene fatta pubblicità al fatto che i signori crucchi sono come e peggio di tutti gli altri? Perchè solo l'Italia deve avere grande rilevanza all'estero per notizie come questa? Non dico che evadere le tasse sia giusto (anche se tra la sopravvivenza e il senso civico....) ma almeno smettiamola di fare sentire gli italiani come i cattivi soli e unici. E adesso sinistri datemi addosso!!!!!!!!!

CONDOR

Gio, 05/07/2012 - 12:42

Tedeschi ladri ed evasori come gli italiani tanto criticati. si. ma dobbiamo ringraziare gli intoccabili dipendenti comunali e politici locali che in 10 anni non sono stati capaci di accorgersi che un colosso del genere evadeva!! 10 anni!! e gli abitanti del comune magari in quel periodo si sono visti aumentare le addizionali comunali per mancanza di fondi! Ora che prendano, insieme a tutte le sanzioni, quello che possono, dopo di che andrebbero cacciati con richiesta di risarcimento danni, i responsabili dell'ufficio tributi, gli assessori al bilancio, il sindaco ecc. PARASSITI INCAPACI!!!!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 05/07/2012 - 13:11

Probabilmente non riescono più ad ammortizzare gli impianti. Ma tu vaglielo a spiegare a certe testine di vitello della sinistra, che fanno finta di sapere tutto e invece sono solo delle bestie matricolate che tengono la coda diritta.

eugenio.n

Gio, 05/07/2012 - 13:54

I tedeschi quando collaborano con qualche ente straniero si guardano bene dal mettereci i propri quattrini.Pretendono sempre il massimo impegno, non solo quello finanziario,dalla controparte e, se le cose non vanno come desideravano, sono prontissimi a tenersi quel poco che è stato realizzato e a dare la colpa del mancato successo al partner.Che avrà così il danno e la beffa.Questa è la loro collaudata strategia.

killkoms

Gio, 05/07/2012 - 15:37

deutschland uber alles!