E Matteo finisce sotto attacco dei pirati

Il sito di Renzi nel mirino degli hacker: irraggiungibile da ieri. Generato un traffico dati pari a 9 gigabit, denuncia alla Polizia postale

Nemmeno il tempo di festeggiare la storica vittoria alle primarie del Pd, che Matteo Renzi è finito sotto attacco. Non degli avversari politici o dalle decine di correnti del suo partito, ma stavolta dei «pirati» della Rete. Il sito del neo segretario ha subìto un agguato dagli hacker, che lo hanno reso irraggiungibile sin dal tardo pomeriggio di ieri.
La pagina web www.matteorenzi.it è sotto attacco DDOS, «in grado di rendere insostenibile il traffico appositamente generato contro il sito che viene preso di mira», spiega Davide Bacarella, amministratore delegato di Dot Media, che cura il sito del segretario del Pd. «Si sono generati fino a nove gigabit di traffico dati», un lavoretto probabilmente opera di professionisti del settore. La vicenda sarà denunciata alla polizia postale. Se il problema verrà risolto dai tecnici, le pagine web torneranno visibili nel pomeriggio. Per la serie, chi di social colpisce...