E gli ombrelloni si chiudono per protesta LA BATTAGLIA DEI BALNEARI

Ombrelloni chiusi e operatori balneari a braccia conserte per il prossimo venerdì 3 agosto: i 30 mila imprenditori balneari di tutte le maggiori sigle sindacali hanno deciso di protestare contro il Governo, colpevole di non intervenire con forza per chiedere all'Ue una deroga alla direttiva Bolkestein, che prevede la messa all'asta delle concessioni balneari. «Questa - chiarisce il vicepresidente del Sib, il Sindacato italiano balneari, Graziano Giannessi - è la prima iniziativa di una serie. Dal 4 agosto tutte le nostre associazioni saranno sul piede di guerra con varie manifestazioni: dal tuffo in mare alla cocomerata, per coinvolgere nostri clienti, come abbiamo già fatto lo scorso anno, in questa battaglia». Le organizzazioni chiedono all'esecutivo la riapertura del tavolo di confronto per redigere un documento condiviso con le misure da mettere in campo per superare le difficoltà del settore balneare.