E il partito di De Benedettiadesso occupa viale Mazzini

Bersani appalta la scelta dei consiglieri alle associazioni in quota Espresso: in pole le "firme" Bonsanti e Valentini

Bersani ha trovato il modo per uscire dal tunnel di viale Mazzini, in cui si era infila­to dicendo che il Pd non avrebbe indicato no­mi per il Cda (ma con mezzo Pd in disaccor­do). Una lettera a quattro associazioni della «società civile» per farsi indicare da loro i due nomi da mettere in Rai, in quota Democrati­ci. Tutte di area, «Se non ora quando», «Liber­tà e Giustizia » (associazione culturale vicina all’editore di Repubblica Carlo De Benedet­ti), «Libera»e«Comitato per la libertà e il dirit­to all’informazione». I due nomi scelti dalle associazioni (che si riuniranno domani per decidere) risponderanno inevitabilmente al Pd, una volta eletti. L’operazione ha insom­ma l’aria di un espediente, una lottizzazione per interposta persona, o «in appalto», come twitta l’ex presidente diessino della Vigilan­za Rai, Claudio Petruccioli: «Se il Pd nomina nel Cda un esponente del partito Repubblica sarà lottizzazione in appalto. Una bella novi­tà! ». I due al momento più papabili sono infat­ti entrambi in quota Repubblica . Ovvero Gio­vanni Valentini, editorialista esperto di cose Rai, e Sandra Bonsanti, ex firma della Repubblica di Scalfari, og­gi presidente di Giustizia e Liber­tà.

Almeno uno di loro è dato per certo dai bookmaker di viale Mazzini.L’altro nome del parti­to Repubblica che circola in que­ste ore è quello di Concita De Gregorio, ex direttrice dell’ Uni­tà e grande sostenitrice della li­sta Saviano ( la traduzione politi­ca della lista Repubblica per la Rai). Ma qui si entra nel gioco delle correnti,che aveva compli­cato le scelte del Pd già all’epoca della nomina del direttore del Tg3, ritardandola di mesi. Per il segretario Bersani, alle prese con le Primarie per la scel­ta del candidato premier, è indispensabile avere un partner come Repubblica dalla sua, e la scelta di un giornalista del quotidiano per il Cda Rai gli garantirebbe l’appoggio del quotidiano nelle Primarie contro Renzi e al­tri. La De Gregorio, invece, è in area «veltro­niana », minoritaria, perciò le sue quotazioni sono scarse.

L’altro nome potrebbe arrivare o da Artico­lo21 o dal «Comitato per la libertà», che a sua volta ne riunisce diverse. Ma il ricorso alla so­cietà civile amica del Pd dovrà spiegare per­ché non si è chiesto anche ad altre associazio­ni. Il centrista Enzo Carra, membro della Vigi­lanza, ricorda che «il mondo del volontaria­to e dell’associazionismo è più vasto è ha diritto ad essere rappresentato». E già che si vuole scegliere tra non lot­tizzati, allora tanto vale pescare tra i quaranta curricula arrivati alla Vigi­lanza come autocandidature della so­cietà civile. Dentro c’è di tutto, dal presidente del Codacons Carlo Rien­zi al sociologo Sabino Acquaviva ad una dozzina di professori universita­ri anche molto titolati. Ma i partiti vo­gliono gente fidata nel Cda Rai, e il Pd non può fare eccezione, dunque sce­gliere tra alcune società civili, molto ristrette e amiche, meglio se sponso­rizzate da una potenza come Repubblica .

E gli altri? Nel Pdl ci sono sempre le tre op­zioni, un posto per l’uscente Antonio Verro da riconfermare, uno per Guido Paglia (in al­ternativa Rubens Esposito, spinto da Ale­manno e Gasparri) e l’altro per Antonio Pila­ti. L’Udc ha il suo De Laurentiis in Consiglio da riconfermare. Mentre la Lega, dopo i ru­mors iniziale sulla candidatura della trenten­ne Gloria Tessarolo, vicina a Luca Zaia, ha smentito di volere una poltrona delle sette nel Cda Rai. Per due motivi. Il primo è che in cambio la Lega si è assicurata un posto alla Privacy per l’uscente Bianchi Clerici.Secon­do, Maroni non poteva andare al congresso federale con una lottizzazione nella Rai con­tro cui la Lega promuove da anni l’obiezione del canone.

Commenti

a.zoin

Ven, 15/06/2012 - 09:55

Se de Benedetti diventasse Pressidente. La prima cosa che farebbe, e' :VENDERE L'ITALIA PER UN C E N T E S I M O. TUTTO CIO' CHE HA AVUTO PER LE MANI, HA FATTO QUESTA FINE. Tranne il danaro fatto per queste transazioni, NON LO HA VENDUTO PER 1 centesimo.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 15/06/2012 - 10:12

Il solito mercato delle vacche a spese degli Italiani che pagano un canone salato per veder distribuiti compensi corposi e immeritati a mediocri mestieranti. E Monti non ha perso l'occasione per farsi nuovi amici, secondo lo stile della sua casta.

eglanthyne

Ven, 15/06/2012 - 10:33

Oh bravo svizzero , non ti smentisci MAI !

marcomasiero

Ven, 15/06/2012 - 10:42

ottimo così finalmente anche la RAI fallirà ... dopo olivetti e tutto ciò che quell' asino ha toccato ... salvo il suo portafoglio e la casetta in svizzera ...

claudiocodecasa

Ven, 15/06/2012 - 10:51

bene che fallisca la rai, doveva accadere prima

claudiocodecasa

Ven, 15/06/2012 - 10:55

sono comunque guerre tra ricchi, i problemi importanti sono altri, questo serve a distogliere l'attenzione da altro, personalmente non me ne frega un tubo se la rai fallisce, sono c.........i loro

killkoms

Ven, 15/06/2012 - 11:17

#6claudiodecasa,sarebbe bello.ma come ad olivetti,le pezze per dipendenti e non,le dovrebbe sempre mettere lo stato!

cast49

Ven, 15/06/2012 - 11:33

facciamo attenzione, si vuole instaurare la dittatura comunista: informazione unica...dopo il salvataggio di quel delinquente e ladro di penati, vogliono zittire la gente, e questa sarebbe la loro democrazia...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 15/06/2012 - 11:35

Beh.... ho sempre detto che l' ing. ebreo-svizzero era molto più potente di Berlusconi, essendo legato ai Rothschild....

Izdubar

Ven, 15/06/2012 - 12:25

Vorrei capire che cosa vuole dagli italiani lo straniero debenedetti. Se interferisse nelle questioni svizzere come fa con quelle italiane, sarebbe stato sbattuto fuori dal paese nel giro di pochi minuti. Solo qui da noi trova tanti sinistri decerebrati che comprano i suoi giornali spazzatura e si spellano le mani a forza di applausi. Strano paese, il nostro.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 15/06/2012 - 12:28

Il solito mercato delle vacche a spese degli Italiani che pagano un canone salato per veder distribuiti compensi corposi e immeritati a mediocri mestieranti. E Monti non ha perso l'occasione per farsi nuovi amici, secondo lo stile della "sua" casta.

killkoms

Ven, 15/06/2012 - 13:45

#10 izdubar,dovrebbe chiederlo al tribunale di milano! p.s.,troppo facile risiedere in svizzera e fare danni in Italia!