Ecco il piano a marce forzate per cambiare la Costituzione

Approvato ieri l'iter, nuova Carta entro l'ottobre 2014. Quagliariello: "Non c'è alcuna sovrapposizione con l'Aula". Il capo dello Stato: "I saggi non diffondano pessimismo"

Il senatore Gaetano Quagliariello

RomaDiciotto mesi al massimo, sedici se tutto fila liscio. È il tempo definito per cambiare la Costituzione, in particolare la forma di Stato e di governo, il bicameralismo così come è ora, oltre che per consegnare al Paese una nuova legge elettorale. Mentre il presidenzialismo incassa già da ieri il primo «vaffa» di Grillo. Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera alla cornice dei tempi per la scrittura dei nuovi testi costituzionali. È stabilita la road map del comitato «dei 40», la commissione bicamerale di cui faranno parte venti deputati e venti senatori, in rappresentanza di tutte le forze politiche di Camera e Senato. Saranno l'interfaccia parlamentare dei 35 saggi per le riforme da poco nominati dal premier Letta. I 35 esperti sono stati ricevuti ieri al Quirinale dal capo dello Stato. Non riceveranno compensi se non «rimborsi spese per il viaggio», nemmeno per l'alloggio. Lavoreranno quindi «a titolo gratuito», ha confermato il ministro per le Riforme Gaetano Quagliariello. Da ieri i saggi sono ufficialmente insediati con la benedizione del capo dello Stato ai quali ha detto di «non diffondere pessimismo basandosi sul fallimento delle esperienze precedenti, a partire dalla commissione Bozzi».
Il disegno di legge approvato ieri, ha proseguito Quagliariello, stabilisce «un cronoprogramma che consente di rispettare quanto detto dal presidente Letta in sede di dichiarazioni programmatiche». Ovvero che il percorso delle riforme «si concluda in 18 mesi al massimo: è pensabile che per fine ottobre venga approvata» dal Parlamento «questa legge». Il ddl approvato ieri è trasmesso al Senato, dove il governo «chiederà la procedura di urgenza per ridurre i tempi di discussione e approvazione», ha aggiunto il ministro per i rapporti con il Parlamento Dario Franceschini.
Per ottobre, il comitato dei 35 saggi «avrà finito i suoi lavori e consegnato la relazione al governo. Dunque i lavori di revisione del Parlamento non si sovrapporranno mai con quello degli esperti», il chiarimento di Quagliariello. I saggi e i 40 della bicamerale si alterneranno in una sorta di «staffetta»: «Non ci saranno né sovrapposizione, né perdita di tempo». Da ottobre, il Parlamento «avrà piena sovranità e il campo sgombro da altri organismi». Durante l'estate saranno quindi nominati i 40 «esaminatori» della nuova Costituzione, mentre i saggi saranno all'opera sull'agenda. La commissione bicamerale dei 40 lavorerà da ottobre «fino alla fine di febbraio 2014». La prima lettura di una Camera è prevista per «la fine di maggio» 2014, mentre la prima lettura dell'altra Camera «per gli inizi di settembre». L'«approvazione definitiva della riforma», ha quindi concluso Quagliariello, si può prevedere «per l'ottobre 2014».
Il governo è comunque orientato allo svolgimento del referendum una volta che le Camere si saranno pronunciate. Il referendum o i referendum «possono svolgersi anche se l'approvazione supererà i due terzi» dei voti parlamentari «previsti attualmente». In Cdm è stata sollevata qualche perplessità sull'impostazione del ddl: un cronoprogramma così stretto si concilia male con la complessità delle riforme in campo: «Non bisogna comprimere i tempi - è stato il concetto espresso da Emma Bonino - stiamo cambiando la Costituzione, non le regole di un condominio». Agli scettici è stato spiegato che il governo ha semplicemente rispettato le mozioni approvate dalle Camere.

Commenti
Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Ven, 07/06/2013 - 08:42

Di quale lavoro dei cosiddetti saggi a titolo gratuito a titolo gratuito parlano. In Italia qualcosa di simile non potrebbe mai accadere. Come solito i politici pensano solo a salvare se stessi e i loro interessi. La verità è la seguente: 35 saggi con stipendi da nababbo per 18 mesi. 35 diarie. 35 vitalizi 35 segretarie e assistenti o porta borse. 35 macchine blu con autista e scorta. 35 rimborsi vari per telefono, cancelleria eccetera. Risultato ottenuto dopo 18 mesi = 0,00 Spese sostenute dopo 18 mesi = milioni di milioni. I nostri "cari politici" ci hanno preso tutti per dei deficienti!.

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 07/06/2013 - 09:47

Disegni di legge per stabilire l'iter = un anno solo per approvare il metodo. Ma si rendono conto che non siamo tutti deficienti i Italia? Tutte queste commissioni su commissioni, saggi, nani e ballerine, servono solo a mandare un po' di fumo negli occhi, a far vedere che Berlusconi ha ottenuto quel che voleva... forse... e così per un po' se ne starà buonino. Quando si accorgeranno che è solo un prender tempo, che questo governo non ha alcuna intenzione di fare riforme e che cadrà molto prima di arrivare anche solo a discutere le prima leggina, allora sarà troppo tardi. Cadrà il governo, forse si nuove elezioni... forse, i saggi tutti a casa, le commissioni pure, e il nuovo governo, stavolta tutto di sinistra, cancellerà tutto in un colpo solo. E il comunista del colle approverà, perchè a lui della riforma costituzionale non può fregar di meno, nonostante i suoi proclami di facciata. Lui vuole solo cambiare la legge elettorale col doppio turno, da sempre favorevole alle sinistre, e sa che per farlo occorre convincere anche il pdl dandogli questo contentino privo di contenuti.

rotto

Ven, 07/06/2013 - 10:08

le priorità del paese sono altre, non certo quella di cambiare la costituzione. Inoltre, trattandosi di una carta che rappresenta TUTTI gli italian, è bene informare e domandare al popolo cosa ne pensa, non possiamo lasciare in mano a questi che da 20 anni e più ne fanno scempio l'onore di modificarla, NON POSSIAMO!

swiller

Ven, 07/06/2013 - 10:33

Questi non cambieranno nulla.

decespugliatore

Ven, 07/06/2013 - 10:50

Ora 35 'Saggi' per scriverla, nell'estate 40 'Esaminatori', nell'inverno 45 'Valutatori' per l'esame dello scritto, nella primavera del 2014 è prevedibile un Comitato di 50 'costituzionalisti' e nell'estate del 2014 una Commissione di 55 'Venerabili' che sfanculino tutto il lavoro. Tutto all'italiana, niente di strano, gli italiani ci sono abituati e non protestano!

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 07/06/2013 - 12:16

Speriamo in Quagliariello. Ci è rimasto solo Lui. Spero che Lui non c'entri con il papocchio ammannitoci da Letta in tema di finanziamento dei partiti, tenuto in vita fino al 2017 e poi subito fatto rinascere dalle sue ceneri. Però il proverbio dice: "chi vive di speranza disperato muore". Ho paura che mi tocchi e non solo a me, naturalmente.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 07/06/2013 - 12:17

Speriamo in Quagliariello. Ci è rimasto solo Lui. Spero che Lui non c'entri con il papocchio ammannitoci da Letta in tema di finanziamento dei partiti, tenuto in vita fino al 2017 e poi subito fatto rinascere dalle sue ceneri. Però il proverbio dice: "chi vive di speranza disperato muore". Ho paura che mi tocchi e non solo a me, naturalmente.

nino47

Ven, 07/06/2013 - 12:56

Ci sarà ancora l'italia come la conosciamo , nell'ottobre 2014? che facciano pure con comodo!Penso che questi signori sanno meglio di noi che probabilmente prima andremo in default! forse per questo i soldi ai partiti han decretato di eliminarli addirittura nel 2016!!!!

syntronik

Ven, 07/06/2013 - 16:10

Ora credo proprio che si possa fare, prima la simistra era parte avversa, ora è al governo, cosi potranno dire, che loro sono riusciti dove la destra ha fallito, è la stessa soddisfaziome di uno che cade dal quinto piano e si rompe tutte le ossa, dicendo poi che non è morto, perche ho saputo cadere, che importa, se si prendono tutti i meriti, e non considerano, che hanno il pdl a sostenerli, basta che le facciano le benedette riforme.

Ritratto di Zione

Zione

Ven, 07/06/2013 - 22:34

Zione rivede tuttora, con dispiacere e apprensione (specie per i poveri Cristi più Umili) la viltà e la rapacità del Fetentissimo Giudiciume POLITICO (solo quello del passato (?) (e "Piemontese ?" ...)) ----- Uno schizzinoso e immondo "avvocato ..." dalla querela facile (Di Pietro) scrive sul suo Blog: "Cambiano la costituzione per sbianchettare i reati del Cavaliere"; ma come osa, questo ignobile imbroglione, MARJUOLO e Affamatore della povera Gente, parlare ancora di Onestà e della Legge, sulle quali e in allegra Compagnia di Briganti e Mafiosi (tribunalizi e non ...) ha molto lungamente infierito; ma ancora più Oscenamente e alla faccia del dissanguato Popolo, vi ha pure tanto Superbamente, pubblicamente e CICLOPICAMENTE, Defecato sopra; grazie alla criminale Omertà dei suoi degni Compari. ----- L'assurda, anacronistica Prepotenza e l'infame Turpitudine del nostro blasfemo e IMPUNITO GIUDICIUME, ha portato questo sventurato Paese sull'orlo del fallimento dello Stato e del BARATRO di un incommensurabile "Caos Civile" per la sopravvenuta morte della Pace Sociale; a causa della Scellelleratezza eccelsa, di questi ingordi usurpatori e FELLONI; costoro sono feroci seviziatori e sadici Assassini dello sventurato Popolo; il quale, malgrado si trovi colla FAME alla porta, purtroppo continua a farli ingrassare col pingue pastone nei vari truogoli, coi quali immeritatamente si arricchiscono oltre il lecito e la MORALE. ---- Pincipalmente per colpa di questi luridissimi SCIAGURATI, stiamo riprecipitando in un clima di cieca Follìa, che si alimenta di bieco Odio e sanguinosi sogni di truce Violenza; e fa rigermogliare così anche venefiche piante, mai estirpate alle radici; alla faccia di tutte le rassicuranti e fallaci asserzioni fatte in proposito da compiacenti e Associati COMPLICI "giudiziari" (e affini), che subdolamente le seminavano e reconditamente ne favorivano la crescita; nel mentre gridavano falsamente "al lupo, al lupo ...". --- ruotologiu@libero.it

nino47

Sab, 08/06/2013 - 11:00

Zione: ..e che dire di più?