Energia, un errore dopo l'altro. Scatta la fuga degli investitori

Il taglio retroattivo agli incentivi per le rinnovabili deciso dal governo apre la strada a una raffica di ricorsi. Già bruciati 50 miliardi di bonus

Roma - Don't come knocking on my door. Non bussate alla mia porta. La chiusa suona a metà tra un addio e una minaccia. L'articolo è quello pubblicato sul Wall Street Journal da Michael Bonte-Friedheim, amministratore delegato della merchant bank NextEnergy Capital Group, che commenta il provvedimento spalma-incentivi sul fotovoltaico varato dal governo e augura a Matteo Renzi «forse convinto che i mercati abbiano la memoria corta, buona fortuna nell'attrarre investitori esteri in futuro».

Il messaggio è chiaro: il taglio retroattivo agli incentivi per le rinnovabili per alleggerire le bollette energetiche delle pmi rappresenta una «mossa capricciosa» in grado di allontanare gli investitori esteri «in qualsiasi settore in Italia». Sì, perché per provare a rispondere a un problema serio - la «sovraincentivazione» degli incentivi per le rinnovabili - si rischia di imboccare una strada rischiosa, con controindicazioni sia sul piano della credibilità complessiva del sistema Italia, sia sul piano giuridico visto che è facile prevedere una raffica di ricorsi rispetto ad accordi già stipulati (il governo vorrebbe «spalmare» gli incentivi, con importi erogati per più anni). In sintesi incertezza del diritto e disincentivazione degli investimenti, in particolare quelli esteri. Come dire che, una volta di più, tra le slide e i fatti, c'è di mezzo il mare, oltre alla Corte costituzionale visto che il Presidente Emerito, Valerio Onida, ha espresso dubbi sulla legittimità costituzionale dello «spalma-incentivi». Una misura su cui anche Ermete Realacci nutre perplessità. «Capisco il segnale, ma ci sono controindicazioni forti nel cambiare le regole del gioco in corsa. Credo sia necessario piuttosto liberalizzare il mercato che scambia energia sul posto».

Naturalmente bisognerà vedere cosa resterà del decreto visto che le cifre appaiono ancora ballerine. Di certo si parte dal desiderio di rispettare una delle tante promesse renziane - «ridurremo del 10% il costo delle bollette elettriche per le pmi» - ma si rischia di finire nelle sabbie mobili delle carte legali. Il provvedimento, in realtà, prova a rispondere a un problema reale, ormai percepito nella sua evidenza anche nelle file del Pd che pure ha contribuito a crearlo. I sussidi alle rinnovabili nell'ultimo quinquennio hanno raggiunto quota 50 miliardi.

Quest'anno, invece, la cifra dovrebbe attestarsi attorno a 11,2 miliardi l'anno, in pratica un punto di Pil; 12,5 nel 2015. «Sono cifre enormi» commenta il senatore di Forza Italia, Lucio Malan. «Ricordo che nella scorsa legislatura Guido Possa fece un accurato calcolo dal quale risultava che ci costerebbe meno assoldare un plotone di ragazzi e metterli a pedalare su bici con dinamo piuttosto che sovvenzionare le rinnovabili.

Andrebbe davvero fatta una analisi seria per verificare se questi soldi non siano un enorme costo inutile a carico del contribuente, un costo che paradossalmente non è calcolato nel totale della pressione fiscale».

Come spiegava Chicco Testa alcune settimane fa, di questi 11 miliardi circa 6,7 vanno al solo fotovoltaico.

«Questo significa che il fotovoltaico assorbe il 60% degli incentivi. Peccato che con il sole si arrivi a fare al massimo 23 miliardi di chilowattora all'anno, mentre tutte le altre rinnovabili messe insieme, (alcune delle quali, come l'idroelettrico, non ricevono sussidi) valgono più di 90 miliardi di chilowattora. In sostanza un chilowattora ottenuto con il sole costa ai consumatori più di 30 centesimi di incentivo più il valore di mercato, altri 6 centesimi; un chilowattora fatto con le altre rinnovabili costa solo 5 centesimi, oltre al valore di mercato».

Commenti

paolonardi

Dom, 22/06/2014 - 09:03

Tutto il comparto delle rinnovabli e', scientificamente, un enorme bluff, costosissimo per il contribuente, alimentato da chi, ignorando i principi basilari della fisica, deve dimostrare una serie di assurde teorie ecologiste come il riscaldamento globale da aumento di gas serra di origine antropica. Ad esempio il valore delll'anidride carbonica presente nei bassi strati dell'atmosfera e' immutato da molto tempo e rappresenta uno 0,03% dei gas che respiriamo (azoto 78%, ossigeno 21% e il restante vari altri gas). L'anidride carbonica e' inoltre il mattone iniziale che consente alle piante di formare gli zuccheri fonte energetica fondamentale alla vita animale.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 22/06/2014 - 10:29

bravi, bravi, bravi! sinistronzi, gli unici capaci di bruciare miliardi per niente.... :-)

Ritratto di unpaesemigliore

unpaesemigliore

Dom, 22/06/2014 - 10:47

Eliminate SUBITO gli incentivi. l'Europa preme su questo tipo di incentivo poichè creano business per i produttori esteri (guardacaso i leader sono Tedeschi e Danesi) che ci vendono tecnologia oramai antiquata, scadente e sopratutto a prezzi altissimi la cui ammortizzazione influisce in maniera pesante sulle nostre bollette con il risultato di impoverirci tutti. Inoltre su questi incentivi il rischio di riciclaggio del denaro "sporco" è ELEVATO dal momento che la criminalità organizzata ha già da tempo allungato le mani su moltissimi impianti ... che dire in questo caso concordo pienamente con il governo di sx.

redy_t

Dom, 22/06/2014 - 10:58

Non conosco il tema,ma vorrei commentare nel merito.Sì, perchè siamo alle solite.Per l'ennesima volta lo stato italiano fa un patto coi cittadini e poi viene meno agli accordi presi.Come dar torto dunque agli evasori quando è lostato che per primo "evade" dai suoi obblighi?

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 22/06/2014 - 11:00

La sinistra è talmente irresponsabile che anche i peggiori disastri compiuti vengono spacciati come grandi performance di rinnovamento!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 22/06/2014 - 11:02

D'@paolonardi.I ns "governi",hanno spalmato,un costo enorme,sulle bollette elettriche di tutti gli italiani(privati ed aziende),mascherandolo come un VANTAGGIO(in realtà fasullo),se non per chi interessato direttamente(chi li ha installati,"alla fine",se avesse vincolato i "SUOI" soldi,per 20 anni,ci avrebbe guadagnato lo stesso...),che alla fornitura,specialmente dei pannelli fotovoltaici,che vedono ancora oggi coinvolti dei ns "industriali","politicanti vari"(non faccio nomi,perchè sono noti),che operano con la Cina(oggi il maggior produttore).La grande beffa,arriverà/comincerà fra qualche anno,quando ci sarà da smaltire(dopo 20-25 anni di esercizio),i "pannelli" non più "convenienti",laddove i costi di smaltimento,ancora una volta,saranno a carico del SISTEMA(noi),vittime di queste scelte fasulle,e scellerate.Vedrete che a quel punto,camorra e scelleratezza varia,troveranno la soluzione,come quella ventilata,di vendere in Africa,i pannelli smontati(che funzionano ancora,in un Paese ad alta insolazione),lasciando agli Africani,l'onere della loro definitiva "sepoltura"....Alla faccia dell'ecologia!!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 22/06/2014 - 11:29

#paolonardi. Ti straquoto. Il rendimento energetico di queste costosissime fetecchie è a, dir poco, risibile. Parere spassionato di esperti del settore che non hanno più alcun interesse a sponsorizzare questa o quella fonte enegetica. Come alcuni amici miei, ingegneri elettrotecnici e già dirigenti Enel dedicati espressamente allo studio e progettazione di centrali e linee ad alta tensione. Non ecologisti della Domenica ed onanisti occasionali.

linoalo1

Dom, 22/06/2014 - 11:45

E' ovvio che siano in fuga!Solo in Paese di Ignorantoni e di Egoisti come il nostro poteva dire di non volere il Nucleare ad un Referendum del 1987!Ovviamente,nella loro Ignoranza,non hanno pensato al futuro dei nostril discendenti!Non hanno pensato che alcuni materiali vitali per alcune nostre Centrali Elettriche,Petrolio e Carbone,possono anche esaurire o che vengano a costare così tanto che non siano più utilizzabili!Loro,gli Ignorantoni,credono che le Energie Alternative,ossia:Solare,Eolica.Geotermica,siano economiche!Non si rendono conto che,sulla Terra,siamo,ormai,in sette(7)miliardi e che,fra non molto saremo il doppio!Non si rendono conto che tutti vorranno mangiare e tutti vorranno ed useranno la Corrente Elettrica!Pensate solo,se,anche per un solo giorno,restassimo tutti senza Corrente Elettrica!Cosa succederebbe?Ed allora,cari Ignorantoni e caro Governo,bisogna assolutamente e con priorità,costruire alcune Centrali Elettriche Nucleari,senza badare alle proteste dei soliti Ignorantoni Egoisti!Ricordatevi solo che ormai siamo quasi in Stato di Emergenza!Conoscendo il problema,meglio prevenire che poi lamentarsi e non avere soluzioni!Lino.

paolo0671

Dom, 22/06/2014 - 11:51

Lo Stato Italiano aveva bisogno di raggiungere gli obiettivi di Kyoto e per farlo ha chiesto una mano ai capitali stranieri. varando un piano di incentivi che invogliasse a installare la tecnologia. Oggi il Governo Renzi straccia dei contratti firmati, cambiandoli unilateralmente. Gli investitori stranieri scapperanno e fanno bene. Al di la' dei meeting di facciata con Blackrock non c'e' sostanza. Gli operatori pagano IRES, IRAP, Robin Hood Tax e interessi sul debito alle banche italiane. Il riciclaggio del denaro sporco e' un tema demagogico. Ci sarà' qualche disonesto, ma la stragrande maggioranza degli operatori sono investitori seri. Non si può' fare di tutta l'erba un fascio.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 22/06/2014 - 11:55

Io penso che Monti abbia dato il colpo di grazia alle fonti di energia rinnovabili ma adesso sembra che si stia pensando di assumere circa 3300 ragazzi al GSE per controllare i controllori che controllano i controllori; e addio incentivazione. Shalom

simone_ve

Dom, 22/06/2014 - 12:03

Si certo meglio una completa dipendenza dai paesi che oggi sono "amici" attraverso l'uso dei combustibili fossili destinati ad esaurirsi. Questa si che è visione a lungo termine!

Ritratto di pietrom

pietrom

Dom, 22/06/2014 - 15:45

Fare o non fare tagli retroattivi? In linea di principio non sarebbero morali. Però la situazione è così pesante che non si può andare per il sottile. Anni fa il governo promise incentivi sproporzionati in cambio di pochissima energia. Era una promessa che non poteva mantenere, e lo si capiva dai numeri. Ma in tanti si sono buttati, convinti che l'aver firmato un contratto vincolasse lo Stato in modo assoluto. Beh, nulla a questo mondo è assoluto, e oggi è più giusto che ci rimetta chi ha voluto investire nelle rinnovabili, conscio o no che ogni investimento comporta un rischio, piuttosto di chi se ne è tenuto fuori! Per quanto mi riguarda, tornerò in Italia quando inizierà la costruzione della prima nuova centrale nucleare.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 22/06/2014 - 16:06

Rese energetiche di alcuni Watt/ora. Come è possibile leggere sui tabelloni luminosi installati su alcuni edifici i cui tetti sono interamente tappezzati di pannelli solari. Laddove l'unità di misura internazionale è, convenzionalmente, il KWatt/ora.Energia, dunque, buona solo per alimentare le lampade votive dei cimiteri. A condizione che non vengano accese tutte contemporaneamente.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 22/06/2014 - 17:15

Caro Pietrom io, che sono avanti negli anni, ho visto passare tanti Papi e Presidenti e Direttori e Dirigenti ed ancora non è finita e, nonostante questa certezza ho il dubbio e, forse la convinzione, che contro l'imbecillità, non vi potrà essere mai il Miracolo di un cammino senza chi ostacola ad ogni passo. Pregate dunque per me il Signore Gesù, così come farò io per Voi, singolarmente, perché lavoro proprio in un Ufficio dove per merito mio molte Soc. hanno potuto realizzare Impianti Fotovoltaici, anche grandi, impianti Idroelettrici, anche grandi, impianti a Biomasse anche grandi e dove ultimamente mi stanno facendo terra bruciata per cercare di eliminarmi. Questo è il vero pericolo, lo comprendo bene e cerco di lottare ma, se Voi mi aiuterete con le Vos. preghiere, sono fiducioso che riuscirò a vedere queste persone finire nel posto che si meritano. Shalom P.S. Pregate soprattutto che usi pazienza e non odi nessuno di quelli che cercano di farmi del male. Grazie di cuore Adriano

Ritratto di unpaesemigliore

unpaesemigliore

Dom, 22/06/2014 - 22:00

... mi riferivo agli impianti eolici quelli succhiano incentivia morire che neanche immaginate, altro che pannelli fotovoltaici.