Operazione terrorismo: si muove la finanza occulta

È partita la fase due dell'operazione ammazza-Silvio. Dopo i magistrati, come ai tempi di Monti scende in campo l'oscuro mondo della finanza

Come rapinatori: caro Berlusconi, o la Borsa o la vita. Lo ha spiegato bene ieri sera al Tg3 Paolo Mieli, ex direttore del Corriere della Sera e faccia buona della sinistra più infida, commentando il calo del titolo Mediaset (-6 per cento) in una giornata di Borsa complessivamente negativa (-2) ma non tragica. Sorrideva, Mieli, alla sola idea che dopo tanto tergiversare finalmente si sia trovato il modo di dissuadere il Pdl dal togliere la fiducia al governo Letta. Caro Berlusconi - ha detto Mieli - prenditi sto schiaffone e scendi a più miti consigli. Che ha dettagliato: vai agli arresti, decàdi da senatore, lascia l'Italia nelle mani sicure di Letta e Napolitano. In pratica: togliti dalle palle altrimenti vedi cosa succede al titolo Mediaset.

Mieli è uno che di dietro le quinte se ne intende. Fu lui a schierare senza se e senza ma il Corriere al fianco della Procura di Milano al tempo di Mani pulite, accompagnando quel repulisti politico che doveva, nei loro piani, aprire la strada al successo del Pci. Fallito il piano, Mieli tornò all'attacco anni dopo, nel 2006, primo direttore del Corriere a dichiarare il suo voto nell'editoriale della vigilia elettorale. Schierò il giornale con Romano Prodi. Non portò bene né a Prodi (vinse ma saltò poco dopo), né al Corriere che perse una valanga di copie per la fuga di elettori di centrodestra sdegnati.

Racconto questo perché, come ci ha ben spiegato Mieli, è evidente che è partita la fase due dell'operazione ammazza-Silvio. Dopo i magistrati, scende in campo l'oscuro mondo della finanza. Si mobilitano i megafoni, strana analogia con quanto successe nel 2011 per convincere l'allora premier Silvio Berlusconi a farsi da parte a colpi di spread, ribassi di Borsa e drammatici editoriali sui soliti giornaloni. Obiettivo: spaventare, terrorizzare gli italiani, convincerli che senza il governo Letta qui va tutto a rotoli. Ci dicevano la stessa cosa del governo Monti. Ricordate? Allora questi rapinatori furono ascoltati, alla vita (politica) si scelse la Borsa. Risultato: tutti i parametri economici a picco, tasse e disoccupazione alle stelle, banche più ricche e cittadini più poveri. Non facciamo lo stesso sbaglio, non confondiamo il mercato (quello libero e sano) con i mercanti. Mercanti di soldi e di poteri occulti.

Commenti
Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Mar, 27/08/2013 - 08:34

Questo personaggio MIeli non lo posso digerire, mi ricorda dal viso e dai modi cosi melensi un compagno di liceo, falso, bugiardo spione, che tutti lo prendevono a sberle appena potevano. Ecco questo viso è lo stesso

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mar, 27/08/2013 - 08:48

Mieli,di cui possiamo discettare opinabilmente le valutazioni personali,ha detto una cosa asolutamente reale e comprovata in questi 19anni da fatti e non da congetture o ipotetici complotti.Ovvero l'assunto è semplicissimo,le aziende di B. sono quotate in borsa,pertanto sono alla mercè dei mercati,e quando B. è forte nel suo ruolo politico o addirittura è al governo,le sue aziende volano,al punto che se esaminiamo i numeri e i dati scopriamo che in questo ventennio i titoli e i fatturati sono spaventosamente aumentati,anche in tempi di crisi.Piuttosto quando B. è divenuto debole ed era prossimo alla caduta di governo,i titoli sono crollati,al punto che più di una maligna voce spifferò che la decisione fu presa anche su presione dei soci spaventati.In sostanza è quanto mai logico che le aziende di un uomo politico influente e decisivo della politica,abbiano tanto da guadagnare quanto da perdere a seconda delle sue fortune.E' semplicemente l'effetto di un conflitto di interessi che non a caso nelle altre democrazie è vietato.Dopotutto investire nelle aziende del capo del governo è una garanzia,sai già che nulla potrà accadere,e se ci dovesse essere bisogno ci sarebbe qualche forzatura legislativa(legge Gasparri) ad aiutare.Di contro se quell'uomo è in diffcoltà e non può più muovere quelle leve,il rischio di vedere un crollo è quanto mai reale e logico.

angelomaria

Mar, 27/08/2013 - 09:04

unica cosa rubare a parte che sanno fareIMBROGLIARE TRADIMENTI SOTTERFUGIeloschifo continua

Oldserver

Mar, 27/08/2013 - 17:04

ma che gelida manina....se la lasci riscaldar!!!!

il consumatore

Mar, 27/08/2013 - 17:12

È vero, Mieli con quel faccione da saccente, dice castronate, come sempre. Ricordo una trasmissione TV prima della rielezione di Napolitano, quando gli chiesero, come massimo esperto e conoscitore della nostra politica, chi sarebbe stato eletto, tra i Rodota' i D'Alema ecc. Lui si disse sicuro,al cento per cento, che i giochi erano fatti e che sarebbe stato eletto, alla fine, Prodi. Nessuno gli ha rinfacciato questa grande scemenza e la sinistra lo venera sempre come un santo!

piserik

Mar, 27/08/2013 - 17:18

Ma quando Berlusconi fu costretto a dimettersi, non strombazzava ai quattro venti (insieme a Sallusti) che lo spread non dipendeva da lui? Com'é che ora Sallusti sostiene il contrario? E' un complotto internazionale anche questo? Mi...!, ma sto Berlusconi di quanti complotti è vittima?

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 27/08/2013 - 17:19

Il Nuovo Ordine Mondiale, forse cominciate a percepirlo ? ne dubito il popolo italiano non è tanto intelligente e scaltro.

Cosean

Mar, 27/08/2013 - 17:21

HaHaHa! Mieli faccia buona della sinistra più infida! Forse qualcuno lo capisce che etichettate come sinistra solo quando l'argomento, mette in cattiva luce l'operato di B.

fabiou

Mar, 27/08/2013 - 17:47

berlusconi doveva affidarsi interamente a Putin e fare un asse con mosca. invece ha voluto tenere il piede in due scarpe e gli anglosassoni lo hanno silurato perche non approvavano la sua politica energetica filo gheddafi e filo putin.

Holmert

Mar, 27/08/2013 - 17:48

Una volta il popolo bue, cioè i piccoli risparmiatori detti anche cassettisti, coloro che compravano azioni e le tenevano nel cassetto in attesa del momento propizio per venderle, rappresentava lo zoccolo duro della bora valori e la sua stabilità. Dopo la grande bolla del 1997 e le due torri, conscio della batosta presa, il popolo bue si è ritirato in buon ordine, vendendo ed intascando il poco valore residuo. Sicché in borsa sono rimasti solo sciacalli ed avvoltoi, tipo Soros, che con i nuovi sistemi telematici, smuovono montagne di danaro con i loro hedge fund, fondi speculativi, in pochi minuti. Se costoro decidono di vendere titoli italiani è giocoforza che l'Italia per piazzarli, deve aumentare l'interesse sulle cedole potendo far saltare il banco. A chi conviene un gioco del genere? Se salta il banco italiano, saltano anche gli hedge fund, vittime di una tempesta monetaria interplanetaria. Quindi l'ipotesi di Mieli mi sembra un po' peregrina. Lui, da vecchio lottatore continuo(Lotta Continua) non può che essere tenacemente contro Berlusconi. Il primo amore non si dimentica mai.

odifrep

Mar, 27/08/2013 - 17:55

Il pericolo è che vincano i manettari - 2 giorni 1 ora fa, ho commentato l'articolo di Giuliano FERRARA :"""""""" Invece, io sono convinto che esiste una parte della sinistra che non vuole lo scalpo di BERLUSCONI (come trofeo personale) perché mira dritto al gruppo Mediaset, caro FERRARA."""""""". Mieli, però non ha detto in che mondo eravamo, oggi, se Silvio non c'avesse accompagnato durante questo ventennio. BERLUSCONI, GRAZIE D'ESISTERE.

unosolo

Mar, 27/08/2013 - 17:56

almeno in apparenza , dalle interviste , si vede l'ilarità di alcuni personaggi politici gioire sulla perdita di Mediaset nelle azioni , azioni ITALIANE , scordandosi di quante persone vivono bene e tranquilli grazie al colosso Mediaset ITALIANA , quanti soldi sono entrati allo stato con Mediaset e tutti i vari settori collegati ? MILIARDI e da anni , con quei soldi abbiamo avuto possibilità di pagare : politici , sindacati , giudici , maestri , professori , e tutti i dipendenti della P.A. ovviamente non solo Mediaset ma moltissimi imprenditori e piccoli imprenditori negozianti e esercenti in genere , cioè coloro che danno il PIL , noi assistiamo a chi gioisce dello sfascio ITALIA , avranno investimenti altrove altrimenti non spingevano allo sfascio.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mar, 27/08/2013 - 17:57

Mi sa che berlusconi sta commettendo errori anche da imprenditore e finanziere. Se non si sbriga a consolidare questo governo, senza di lui, i suoi titoli continueranno a soffrire.

benny.manocchia

Mar, 27/08/2013 - 18:12

Disse una volta Rockefeller: la finanza? E' soltanto denaro. Il denaro gira altrimenti muore... Gli anglosassoni sono bravissimi nel fare la voce grossa,nel far credere di essere i piu' bravi e i piu' ricchi.Cosi',hanno la regina e il morto di fame di Liverpool... Hanno voglia a tentare.Il loro denaro muore come quello di tutti gli altri.E puzza come tutti gli altri. Un italiano in usa

benny.manocchia

Mar, 27/08/2013 - 18:12

Disse una volta Rockefeller: la finanza? E' soltanto denaro. Il denaro gira altrimenti muore... Gli anglosassoni sono bravissimi nel fare la voce grossa,nel far credere di essere i piu' bravi e i piu' ricchi.Cosi',hanno la regina e il morto di fame di Liverpool... Hanno voglia a tentare.Il loro denaro muore come quello di tutti gli altri.E puzza come tutti gli altri. Un italiano in usa

Ritratto di Riky65

Riky65

Mar, 27/08/2013 - 18:13

I massoni d'oltrefrontiera si sono di nuovo messi in moto per tenere la povera Italia sotto scacco e legata anzi incaprettata ai voleri dei veri padroni che non risiedono all'iterno dello stivale!!!!!

fabiou

Mar, 27/08/2013 - 18:16

berlusconi non deve arrendersi a questi infami perche poi lo faranno fuori lentamente. o sceglie le elezioni e le vince o verrà cotto lentamente poco alla volta

gianni71

Mar, 27/08/2013 - 18:18

Sallusti servo fedele del tuo padrone, menti sapendo di mentire. E gli allocchi abboccano. Come sempre!

Sapere Aude

Mar, 27/08/2013 - 18:32

Quello che non ti aspetteresti mai, luigipiso che si fa consulente di Berlusconi. Che sta già facendo le corna!

vince50_19

Mar, 27/08/2013 - 18:34

"Caro Mieli", chi è al corrente di certi "sommovimenti" economici, sa bene quello che, nel 2011 - in estate, è stato orchestrato da Deutsche Bank con l'avallo della nota cotoletta amburghese per "convincere" Silvio a dare il placet al governo Monti: ossia un svendita di mediaset e fininvest. Ma stia tranquillo: stavolta farà un buco nell'acqua perché, COMUNQUE, il culetto ce lo faranno lo stesso, sia che rimanga Silvio in politica o meno, che ci sia Letta j. e il suo protettore a menar la danza. Quando la gente comprenderà che il suo voto con conta un cazzo ugualmente, chiunque andrà al potere, che di tasse e balzelli ci riempiranno ugualmente e che tutti ci impoveriremo, che i veri capi sono in Ue, Bce e in quella maledetta casta massonica d'oltre oceano che vuole prendersi tutto a prezzi di saldo, vedrà che anche la sua "adorata" sinistra e i commis che hanno le azioni del CorSera, che comandano lei a bacchetta, non la sfangheranno di certo come Ella immagina.. Se ne faccia una ragione e faccia qualche pisolino in più: oramai lei è un disco stra-rotto, un inutile orpello che fa da pappagallo ai suoi referenti politico-economici!

Giangi2

Mar, 27/08/2013 - 18:48

La destra stA all'impasse per la questione agibilità politica del suo lider, la sinistra sta nel marasma per le decine di correnti diverse dentro il pd. Il nodo principale sembra l'imu. Nonostante i patti preliminari che prevedevano la sua abolizione, letta ha dovuto accontentare la sua ala sinistra contraria a tutto ciò che propone la destra, pure se si tratta di togliere una tassa, plaude addirittura alla tassa su chi sta in affitto alla faccia che la sinistra sta dalla parte dell'operaio. Purtroppo questa impasse rende il governo instabile e di conseguenza destabilizza i mercati, agli ordini dei burattinai.

comase

Mar, 27/08/2013 - 18:50

Indovinate Paolo Mieli di quale religione e'?

PaK8.8

Mar, 27/08/2013 - 18:53

Dragon Lord, ma tu sei il fratello intelligente di Franco a Trier (il che ti pone tra il celacanto e il muggine piu' o meno)? Dicci un po' di dove sei tu, intelligentone. Almeno Franco, che ha cambiato nome 3 volte perché continuano a bannarlo, non ne fa mistero.

Ritratto di Ciccio Baciccio

Ciccio Baciccio

Mar, 27/08/2013 - 19:03

***Tutta la colpa del mal vivere in Italia, è esclusivamente degli idioti. L'hanno studiata bene i politici che manovrano gli imbecilli mettendo alla loro guida i pederasti, gli alcolizzati teste di legno della "bettola con bocciofila ber-sani", dei manettari analfabeti, dei comici col cervello bruciato dai troppi vizi e kompagni di merende vari. Così facendo hanno rafforzato il loro motto "tanto peggio tanto meglio" facendoli vivere sotto il segno dell'odio datosi che odiano sé stessi, la famiglia e la Patria. Kanker sociale da estirpare!*

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mar, 27/08/2013 - 19:07

Mieli ha riportato dei dati di fatto. O si smentiscono o si accettano. Capisco che sia difficile per chi “ragiona” tutto il tempo con opinioni mistificate e menzogne mistificatorie, ma Mieli ha detto: mentre la borsa durante il governo Letta ha guadagnato il 10%, Mediaset ha guadagnato l’80%. Con venti di crisi, Mediaset ha perso il 6%. Vista la reazione dei mercati, che ieri hanno giustamente impallinato il pregiudicato, e’ ovvio che il piu’ grande statista di tutte le galassie, anche se sara’ cacciato dal parlamento e scontera’ l’onta dei domiciliari, non fara’ cadere cadere il governo. Semplicemente perche’ non conviene alle sue aziende. E le sue aziende sono tutto.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mar, 27/08/2013 - 19:10

@ luigipiso - guardi che il messaggio e' arrivato: dopo la lisciata in borsa di ieri, il governo andra' avanti piu' forte di prima. Si capisce benissimo che il pregiudicato non danneggera' le sue aziende facendolo cadere.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mar, 27/08/2013 - 19:12

@ luigipiso - guardi che il messaggio e' arrivato: dopo la lisciata in borsa di ieri, con tanto di pelo e contropelo, il governo andra' avanti piu' forte di prima. Si capisce benissimo che il pregiudicato non danneggera' le sue aziende facendolo cadere.

alberto_his

Mar, 27/08/2013 - 19:17

Indubbiamente il mercato sa come essere convincente con Silvio, leader ricattabile proprio a causa dei suoi interessi.

Ritratto di depil

depil

Mar, 27/08/2013 - 19:19

Mieli anche per te ci sarà un Bruto.

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Mar, 27/08/2013 - 19:25

L'oscuro mondo della finanza, si quello completamente "sconosciuto" a Silvio bello, perchè lui era mosso da quello " chiaro e limpido" della mafia.

Ritratto di nestore55

nestore55

Mar, 27/08/2013 - 19:32

Agrippina.... Una "cosa" del genere non la pensa nemmeno uno studente a ragioneria 1....Però Lei è di un'altro mondo, vero?? E.A.

Ritratto di Ignazio.Picardi

Ignazio.Picardi

Mar, 27/08/2013 - 19:35

Miele è sempre stato per me una persona "viscida". Come dire un "personaggio oltre che ambiguo, non vive di luce propria ma di luce riflessa". Tu caro ALESSANDRO SCRIVI BENISSIMO ED ESPONI SEMPLICE E CHIARE IDEE, OVE ANCHE LA PERSONA PIU' SPROVVEDUTA PUO' CAPIRE ED INTENDERE SE NE HA VOGLIA. in sintesi ciò che riporto di seguito non ha bisogno di commenti, mi piace rilevarlo poiché dopo io proporrò qualcosa: -->> ....Obiettivo: spaventare, terrorizzare gli italiani, convincerli che senza il governo Letta qui va tutto a rotoli. Ci dicevano la stessa cosa del governo Monti. Ricordate? Allora questi rapinatori furono ascoltati, alla vita (politica) si scelse la Borsa. Risultato: tutti i parametri economici a picco, tasse e disoccupazione alle stelle, banche più ricche e cittadini più poveri. Non facciamo lo stesso sbaglio, non confondiamo il mercato (quello libero e sano) con i mercanti. Mercanti di soldi e di poteri occulti. ANDIAMO TUTTI VIA

battistafesta

Mar, 27/08/2013 - 19:43

Magari ne prendesse uno al giorno di questi ceffoni, Berlusconi!! Non basterebbero comunque a compensare il male fatto all'Italia per 20 anni. Poi tanto lui con mediaset non c'entra più nulla, non lo andava gridando al processo? Come? Ah, è vero, non lo hanno creduto. Centomila di questi ceffoni, Silvio!!!

battistafesta

Mar, 27/08/2013 - 19:44

Magari ne prendesse uno al giorno di questi ceffoni, Berlusconi!! Non basterebbero comunque a compensare il male fatto all'Italia per 20 anni. Poi tanto lui con mediaset non c'entra più nulla, non lo andava gridando al processo? Come? Ah, è vero, non lo hanno creduto. Centomila di questi ceffoni, Silvio!!!

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Mar, 27/08/2013 - 19:49

......a dir la verità il titolo Mediaset dall'inizio della'aanno in corso fino alla metà di agosto in borsa aveva guadagnato qualcosa come il 120%....x cui a qualcuno che di x se già essendo un comunista poco capisce di come si possa fare bene finanziariamente dico appunto 120%.....le stronzate che avvengono in borsa dall'oggi al domani sono cose "normali"

2010bertolamario

Mar, 27/08/2013 - 19:50

Ma chi da'ancora credito a un fasullo come Meli ?Ne abbia mai imbroccata una !

2010bertolamario

Mar, 27/08/2013 - 19:50

Ma chi da'ancora credito a un fasullo come Meli ?Ne abbia mai imbroccata una !

2010bertolamario

Mar, 27/08/2013 - 19:50

Ma chi da'ancora credito a un fasullo come Meli ?Ne abbia mai imbroccata una !

Ritratto di _alb_

_alb_

Mar, 27/08/2013 - 19:57

Comportamento mafioso. Come essi con sempre più evidenza sono. PD = la muova MAFIA.

Lu

Mar, 27/08/2013 - 20:17

La finanza ci ricatta? La BCE non difende i titolo italiani del debito pubblico? Facciomogli una pernacchia! Vorrà dire che una volta vinte le elezioni usciremo dall'euro e stamperemo una nostra moneta esente dai ricatti di questi vampiri sanguisughe che vogliono privarci della democrazia! .... Mi sa tanto che saranno loro a spaventarsi.... Più di noi, che abbiamo poca carta moneta straccia in tasca! Minacciamoli! Attacchiamo! Non mostriamo di avere paura. Vediamo se conviene a loro buttar giù il castello di carta straccia che hanno costruito e col quale ci ricattano! Se l'Italia fa default, il mondo fa default! Gli conviene?

CALISESI MAURO

Mar, 27/08/2013 - 20:20

E' arrivato il momento per il Berlusca di mollare, si concentri sui suoi affari... e lasci FI a TOSI. L'uomo e' tosto e pulito, non vale un gran che' in una nazione di fu...i, ma e' l'ultimo tentativo. Tosi dovra decidere anche sulla composizione del movimento. Speriamo che la sx faccia lo stesso. Dubito che questo avverra' conoscendo gli italici tuttavia. Quello che verra'comunque sara' stridor di denti... tutti meritati. naturalmente.

Gius1

Mar, 27/08/2013 - 20:27

gianni71 vorrei sapere chi e´il TUO padrone. Sicuramente saranno i vari vendola-diliberto-dipietro e tutti quelli che sono contro Berlusconi , perche´ tu non sei capace di pensare con la tua testa.

Lu

Mar, 27/08/2013 - 20:27

Facciamo una denuncia alla magistratura per attentato contro lo Stato. Vediamo se con una indagine seria di qualche magistrato patriota si possano appurare i nominativi di quei soggetti che speculano sullo spread italiano, ai fini di controllarne la politica. Non dovrebbe essere difficile scoprire nomi e cognomi di questi speculatori che ci ricattano impedendoci di essere una democrazia completa. Muoviamoci!

davidebravo

Mar, 27/08/2013 - 21:38

E' inevitabile, se un leader politico è anche un imprenditore diventa ricattabile, e siccome la razza umana non è fatta di santi qualcuno che lo ricatta ci sarà sempre. Ogni ricatto porta ad una decisione che sacrifica uno o l'altro interesse, altrimenti non sarebbe tale. Non per nulla si chiama conflitto di interessi, ed anche se i Pdellini hanno il prurito quando se ne parla sarà sempre la prima delle cause dell'incandidabilità di B.

ale76

Mar, 27/08/2013 - 21:46

B. non né sà niente di poteri occulti, vero?

verbus

Mar, 27/08/2013 - 23:03

ma che bel sistema demoratico che abbiamo in Italia. sale lo spread aumenta la crisi per la popolazione scende lo spread aumentano le tasse per la popolazione questa si che è equità sociale, il cavallo di battaglia dei sinistri sput....ti

Valter1958

Mar, 27/08/2013 - 23:39

Gli italiani, anche quelli di una sinistra ottusa accecata dall'invidia e dalla gelosia verso un avversario politico di indiscutibile carisma come Berlusconi, non percepiscono il pericolo dell'incontrollabile potere attualmente assunto da una schiera imponente e deviata della nostra magistratura che, in spregio di una frase ormai colma d'ipocrisia che svetta imperiosa in tutte le aule di giustizia affermando che "La legge è uguale per tutti", mira esclusivamente ad affermare la propria egemonia ed arrogante onnipotenza. Non ho i mezzi necessari per farlo personalmente ma spero che Voi de Il Giornale, vogliaTe farVi promotori di un'iniziativa che, laddove tecnicamente possibile, dia non solo un aiuto economico ad un gruppo imprenditoriale che, a differenza di note e fallimentari imprese di Stato, è nata e cresciuta grazie solo alla caparbia e determinazione del suo promotore e dei suoi dipendenti ma anche e soprattutto fornisca un segno tangibile della volontà di milioni di elettori desiderosi di restituire all'Italia il prestigio guadagnato in secoli di storia. Compriamo tutti anche una sola azione Mediaset, facciamo sentire la nostra voce con un atto modesto ma concreto che affermi, di fronte al mondo intero, il coraggio e la solidarietà di un Paese che tutti invidiano e che sta perdendo la voglia di lottare. Dimostriamo di essere capaci di opporci concretamente all'arroganza di chi vorrebbe disporre impudentemente delle nostre vite e di quella dei nostri ragazzi privandoci anche di quei valori, ormai dimenticati, per i quali vale ancora la pena combattere: il coraggio e l'orgoglio di essere italiani, un popolo che un tempo ha conquistato il mondo. Grazie. Valter Filippi

a.zoin

Mar, 27/08/2013 - 23:55

Questa hà tutto a che fare con il FASCISMO-BUROCRATICO-EUROPEO. L`Europa vuole veramente morto il CAVALIERE, perciò ora cominciano con i RICATTI. Il mio augurio, e con me di tanti altri Italiani, "MANDARE AL DIAVOLO L`EURO E CON L`EURO L`UNIONE EUROPEA". Se guardiamo i paesi nordici fuori dall`euro, ( l`economia và molto bene e la disoccupazione e minima ). Perchè si deve essere SCHIAVI DEI VOLERI EUROPEI, quando sin dall`inizio con l`entrata dell`euro,i costi delle tasse sono diventati impossibili ( PER GLI ITALIANI ) MENTRE, I ROMA, I SINTI E TUTTI QUEI CRIMINALI CHE VENGONO DALL`AFRICA FANNO DA PADRONI,NEL FRATTEMPO VENGONO SALARIATI GIORNALMENTE E HANNO TUTTI I DIRITTI CHE SONO STATI TOLTI ALLA POPOLAZIONE ITALIANA. Questi politici democratici,FANNO GLI INTERESSI PER LA POPOLAZIONE ITALIANA,O SONO PAGATI DALL`UNIONE EUROPEA,PER ROVINARE IL BELPAESE E FARLO INVADERE DALLA CRIMILITÀ MONDIALE???

diegom13

Mer, 28/08/2013 - 00:50

@battistafesta: guardi, io non so se si possa dire che Berlusconi ha governato bene o male, ma se non altro ci ha liberati da Prodi. In quanto a lei, le auguro di non trovarsi a passare dalle parti di chi magari perde il lavoro a causa dei ceffoni da lei auspicati.