Fassina: voto a ottobreIl Pd va in confusioneE Bersani non risponde

Il responsabile economico del Pd: "Non c'è più il sostegno del Parlamento". Bersani lascia la risposta al suo portavoce: "Avanti fino alla fine della legislatura"

Mario Monti "non ha più il sostegno in Parlamento" e dovrebbe valutare l'ipotesi di "anticipare al prossimo autunno le elezioni politiche fissate nella primavera del 2013". A pronunciare questa sorta di sentenza politica è stato il responsabile economico del Partito Democratico, Stefano Fassina, le cui parole hanno scatenato il putiferio in seno al Pd.

Tanto che da questa mattina si sono susseguite diverse dichiarazioni di esponenti democratici e non, fino a quella ufficiale di smentita del Pd. Il segretario Pier Luigi Bersani però non ci ha messo la faccia. Infatti, la gelata è arrivata dal suo portavoce, Stefano Di Traglia: "Il Partito Democratico conferma che l’obiettivo sono le elezioni nel 2013".

Nonostante la smentita del suo leader, Fassina ha mantenuto la sua posizione, aggiungendo altre spiegazioni e imputando alcune colpe al Pdl: "Se l'implosione del Popolo delle Libertà blocca il Parlamento, bisogna restituire la parola ai cittadini". E poi ancora, Fassina ha spiegato: "Se l’intervista fosse stata letta per intero e non solo nel titolo, si sarebbe capito che la mia intenzione era di esprimere una preoccupazione politica seria per il quadro che abbiamo di fronte: la condizione dell’economia e del lavoro e i risultati delle amministrative, che ci hanno consegnato un Pdl in grandissima difficoltà, per cui difficilmente darà il consenso necessario a fare le riforme".

L'intervista probabilmente non è stata letta per intero e le polemiche non sono mancate. "Fassina non va contestato. Ha fatto felici, in un colpo solo, la Lega, l’Idv, i comunisti, e tutti coloro che non sono rappresentati in Parlamento. Cioè tutti quelli che attualmente stanno lavorando alacremente per il noto programma del "tanto peggio tanto meglio", ha dichiarato Giorgio Merlo del Pd.

Per il responsabile delle commissioni economiche del Pd alla Camera, Francesco Boccia "il Pd ha preso un impegno solenne con gli elettori per cambiare la legge elettorale e questo impegno vale per tutti, a partire da Fassina".

"Chi nel Pd minaccia di scaricare Monti dilapida nostro patrimonio di forza seria, affidabile. Modello è Napolitano non Brunetta-Santanchè", ha scritto su Twitter l’ex ministro Paolo Gentiloni. Al quale ha replicato in una nota Renato Brunetta: "Ricordo che Stefano Fassina è il responsabile economico del Partito democratico, non un esponente dell’inesistente corrente Brunetta-Santanchè. Se in casa Pd devono litigare, lo facciano con coraggio e chiarezza, senza l’abitudine tutta democristiana di chiamare in causa chi non c’entra. Che tristezza".

"Dato per assodato che Fassina non sia né matto né un kamikaze, il suo giudizio sulle difficoltà e incapacità del governo Monti, e la conseguente ipotesi di elezioni ad ottobre, non rappresenteranno la posizione di tutto il Pd, ma di una parte certamente sì", ha cavalcato l'onda Silvana Mura, braccio destro di Antonio Di Pietro.

Anche Sel ha sposato in pieno le frasi di Fassina: "I democratici sbagliano fortissimamente nel prendere le distanze dalle analisi di Fassina, votare in autunno farebbe guadagnare al Paese sei mesi, anziché fargliene perdere altri sei".

Contrario all'ipotesi di elezioni anticipate il segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa secondo il quale "Fassina è un parlamentare serio, che merita rispetto perché sostiene con coerenza le proprie idee. Detto questo riteniamo che andare alle elezioni affrettatamente in ottobre sarebbe un grande errore".

D'accordo con Fassina il responsabile cultura Pd, Matteo Orfini che, ospite de La Zanzara, ha affermato che "Fassina ha detto una cosa di buon senso, se il governo è paralizzato e senza maggioranza è inutile arrivare al 2013. Monti sta facendo male per responsabilità propria e perché la maggioranza è difficile. Se il grande governo riformista non riesce a fare nemmeno la riforma della Rai che senso ha arrivare fino in fondo?".

Insomma, è innegabile che all'interno del Pd ci sia una corrente che la pensa come Fassina e una che segua la linea di Bersani. E anche il fatto che il segretario democratico abbia lasciato la replica nelle mani del suo portavoce è sintomatico della confusione intestina al Pd.

Commenti

nigher

Lun, 04/06/2012 - 19:50

a bersani non piace vincere facile.....ha solo paura di vincere e basta....

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Lun, 04/06/2012 - 20:00

Non è cosi difficile interpretare le posizioni di chi, nel 2008, è rimasto fuori dal parlamento. Finite, nel 2011, le rate di rmborso spese eletterolali hanno urgente bisogno di rientrare a mungere la mammella pubblica. Elezioni il più presto possibile. Il Paese? La crisi? Chi se ne frega, basta contribuire alla loro voracità ed alla voglia di non conoscere l'onta del lavoro.

scipione

Lun, 04/06/2012 - 20:07

Normale : secondo la logica dell'ideologia infame e criminale sinistra LA COLPA E' DEL CENTRODESTRA.E' il COMUNISMO ,BELLEZZA.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 04/06/2012 - 20:25

Il PDl ha dato in una gran brutta immagine per motivi vari tanto da essere mazzuolato meritatamente alle elezioni amministrative. Ma questi, il PD sono autentici criminali, un'autentica associazione a delinquere legalizzata. A questi delle sofferenze dei cittadini non frega un c.zzo, stanno già dividendosi le poltrone, spartendosi la torta dei rimborsi, stanno già pensando come fare loschi affari. E tutto questo, perchè l'esimio cav. Silvio Berlusconi non ha avuto l'umiltà, il coraggio, la logica, la furbizia di starsene all'opposizione del governo infame Monti. Potrebbe anche non fare campagna elettorale, vincerebbe a man bassa le elezioni, invece....... ci ritroveremo dei pagliacci al governo, che pero' non fanno ridere, in una situazione come questa.

analistadistrada1950

Lun, 04/06/2012 - 20:51

Siccome in alcuni casi, l'autunno può essere caldo e questo potrebbe esserlo, si tratta di capire o, per mglio dire, valutare quasi prevedendo, se le elezioni ad ottobre, potrebbero essere un elemento "raffreddante", oppure benzina sul fuoco. Se poi qualcuno ha le idee chiare sulle varie formazioni, modestamente...: io no.

Edomus

Lun, 04/06/2012 - 21:08

E bravo Fassina. Ha gettato il sasso nello stagno, mettendo però in difficoltà il Pd che vuole le elezioni ad ottobre però dando la colpa a Berlusconi se Monti cadrà in anticipo. E, puntualmente arriva la mezza rettifica del responsabile e conomico del Pd che attribuisce il rischio di elezioni anticipate all'implosione del Pdl che non sarà disposto a fare le riforme. Ecco il capro espiatorio servito su un piatto d'argento e L'intendence de la gauche suivra.

Ritratto di albireo6

albireo6

Lun, 04/06/2012 - 21:51

Aaa Fasc...sina! Non vorrai mica far venire un infarto al buon Bersani...no?!Sarebbe andato subito alle elezioni,all'indomani della tombolone del cav...altrimenti! Tra il dire ed il fare...siete stati tutti dei falliti,nonostante foste all'opposizione e questo è stato gravissimo.Ora mangiatevi ancora questo governo;poi farete i conti con Grillo,perchè il tempo per voi è finito.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Lun, 04/06/2012 - 23:55

Non nascondiamoci dietro un dito il 50% degli italiani vuole votare per non sentir più parlare di questi tecnici fasulli e l'altro 50% non vuole votare per paura di rirtovarsi i soliti politici fasulli...o viceversa?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 05/06/2012 - 01:54

Questi sinistri non li sentiamo parlare dei problemi del nostro paese e di come risolverli ma solo delle loro beghe interne. Ci hanno ridotto a subire questo pantano di tasse e di grillini raccattati per strada senza alcuna idea né alcun programma di governo. Ora questi trinariciuti incoscienti vogliono tornare al governo magari convincendo il signor tentenna Montezemolo a fare il loro leader. Ci aspetta un bel futuro di me..a.

voce.nel.deserto

Mar, 05/06/2012 - 05:49

Tranne Monti gli altri ministri amministrino e non osino,privi di legittimazione, tentare riforme non condivisibili. Ma come può il PDL che è ancoraformalmente il partito di maggioranza relativa tollerare che si tocchi la riforma Gelmini,cattiva per l'opposizione ma espressione della volontà popolare che ha legittimato a suo tempo ed ancora legittima il governodel dimissionario Berlusconi? Come può il PD che spera di poter vincere le elezioni,consentire che passino i pastrocchi di Profumo in materia di istruzione quando Fioroni ha già in mente il suo quadro riformatore? Monti pensi ad imbrigliatre l'antieuropeista Germania che sta trasformando il continente in un lager tedesco,a suo uso e consumo.E lasci la scuola ed il pubblico impiego a governi squisitamente politici .Che all'obbrobrio della corruzione generale non si aggiunga anche l'esercizio di poteri non legittimati dal popolo sovrano.

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Mar, 05/06/2012 - 07:15

Tanto per ribadire il concetto: Fassina è il responsabile economico del PD. Dopo i ridicoli tagli dei rimborsi elettorali ( inizialmente di era parlato di una rata di 100 milioni di euro, dopo la decisione di dimezzarla era diventata di 197 milioni di euro.) essendo, i soldi in arrivo, per loro stessa ammissione già spesi hanno l'urgente bisogno di nuove entrate. Cosa c'è di meglio di un congruo rimborso elettorale? Non credete a motivazioni politiche o ideologiche, loro pensano solo ai soldi.

eglanthyne

Mar, 05/06/2012 - 07:51

VAI VAI , compagnonzo segretario Gargamella che è il tuo momento alla GRANDE !

marcello marilli

Mar, 05/06/2012 - 09:01

come volevasi dimostrare il pd ha gettato la maschera . si andrà a votare in autunno con il certo risultato che vincerà le elezioni e così potranno fare tutto quello che vogliono compresa la famosa patrimoniale a cui tanto ambiscono e fanno niente per nasconderlo. ma loro sanno perfettamente che tassa tassa alla fine non rimane più niente da spremere e allora vorrei sapere dove prenderanno le risorse ? dalle mie parti si è soliti dire che si bruciano i tovaglioli per fare cenere. questa è l'Italia che vogliono propinarci i sinistrorsi ? . speriamo vadano ramengo

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 05/06/2012 - 09:11

Il PD è allo sbando, lo si sapeva, oggi è ufficiale. Senza un leader, senza un programma e senza alleati stabili. Il progetto del grande gruppo dei moderati voluto da Silvio oggi è l'unica proposta politica. Ma c'è un rischio : il grande consenso popolare - il partito dei moderati può tranquillamente superare il 50 % - DEVE tradursi in una vera politica liberale senza timidezze e senza concessioni al becerume di sinistra. Per l'ennesima volta gli italiani credono in Silvio in modo totale, lo abbiamo fatto con costanza nei passati vent'anni, lo faremo ancora, ma vogliamo in cambio UN VERO GOVERNO LIBERALE : Meno stato, meno welfare insostenibile, sindacati regolamentati per legge , nessuna invasione della privacy, massima libertà individuale e di impresa. O perderemo la fiducia anche in Silvio.

bolinatore

Mar, 05/06/2012 - 09:19

Perchè Bersani non risponde? Valgono solo le risposte date di persona? La segreteria, tramite il portavoce ha stoppato l'istanza di Fassina..... non basta?

Cinghiale

Mar, 05/06/2012 - 09:18

Se si va a votare ad ottobre, finiamo come la Grecia, ingovernabilità allo stato puro. Prima di andare a votare i professoroni devono portarci un pò più vicino alla riva, adesso siamo in mezzo ad un guado. Forse Bersani tentenna perchè sa che la vittoria non è così scontata ed i grillini non sono poi così "gestibili" come qualcuno pensa. Va be che Bersani si accontenta di non vincere, lui è sereno basta non perdere.

enrico10

Mar, 05/06/2012 - 10:48

fassina è uno dei tanti del pd che è rimasto comunista e che rimpiange l'urss ed i gulag, è ridicolo e patetico.

Giustotopik5

Mar, 05/06/2012 - 10:55

#10 voce nel deserto - Non condivido sempre le Sue opinioni, ma in questo caso sono d'accordo con Lei al 100%. Questo governo che io non ho votato (Monti sapevo a malapena chi fosse...) sta facendo da tempo poche o nessuna riforma tecnica e molte riforme politiche per fare le quali, come Lei giustamente stigmatizza, non è assolutamente legittimato. Personalmente, sono arcistufo della presunzione e della spocchia di questo valletto della Merkel e del suo gruppo di sedicenti tecnici...hanno ampiamente dimostrato al loro incapacità a 360° - a casa, e che finalmente si veda qualche volto nuovo, magari ! Saluti

Giulio42

Mar, 05/06/2012 - 11:00

Non rispondere e immobilismo sono le caratteristiche dei nostri Politici. Non fare niente è quello che meglio gli riesce e gli assicura un futuro d'oro. Il Paese è in crisi non i Politici, loro, continuano con le solite scaramucce e a sgodazzare.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 05/06/2012 - 11:14

Per ipotesi ammettiamo che per usucapione certi giudici hanno attribuito ai loro amici le proprietà demaniali. Questo è un motivo che spiegherebbe la riluttanza del Quirinale ad opporsi alle privatizzazioni, prima con l'ostilità contro il Governo Berlusconi e ultimamente con la collaborazionista Governo Monti. Ipotesi pazzesca, d'accordo. Ma comunque Bersani in ordine all'argomento privatizzazioni è a favore o contro? Io penso che Bersani non abbia alcuna voglia di Governare.

ntn59

Mar, 05/06/2012 - 11:56

Sono un ex berlusconiano e tifo per Fassina. Basta con i tecnici... incompetenti. Anch'io avrei saputo mettere le tasse. Anzi...le avrei messe anche alle banche e ai poteri forti, non solo ai poveri lavoratori.

bolinatore

Mar, 05/06/2012 - 18:45

#20 Gianfranco Robert Porelli avrebbe dovuto fare u altro esempio dato che i beni demaniali nin sono in nessun caso soggetti ad usucapione