Il «Fatto» prende quota

Il Fatto Quotidiano in borsa? Secondo Milano Finanza pare che Travaglio e soci stiano studiando la propria quotazione. L'approdo in borsa era tra i pilastri del progetto che ha portato alla nascita del Fatto. E se il mercato azionario italiano da qualche anno non è così incoraggiante, non è da escludere che non lo sia nell'immediato futuro. Così l'ipotesi della quotazione della casa editrice torna al centro dell'attenzione dei soci-giornalisti e dei manager. Il processo è avviato, come riporta anche Dagospia, che annuncia la costituzione di un comitato tecnico di gestione. Ne faranno parte l'ad della editoriale Il Fatto Cinzia Monteverdi, Marco Tarò, dg del gruppo editoriale Mauri Spagnol, azionista attraverso Chiare Lettere, il socio Luca D'Aprile e gli esponenti del collegio sindacale Claudio Menna e Raffaele Fantasia. Ignota la posizione dei soci-giornalisti e fondatori, dal direttore Antonio Padellaro, al vicedirettore Marco Travaglio, da Peter Gomez (direttore del sito web) a Marco Lillo. Tutti insieme appassionatamente a Piazza Affari.