La Finanza ci spia anche all'estero

Incursione delle Fiamme Gialle con una motovedetta in acque greche: annotati nomi, targhe e dimensioni degli yacht italiani

Pedinati e spiati. Spiati e pedinati. Si potrà dire pedinati quando si segue, miglio dopo miglio, la scia che lasciano gli yacht italiani, si entra in acque non proprio italiane, si guarda, si fotografa e si prende buona nota di tutto? Comunque lo si dica, è un fatto un po' antipatico. Anzi è un fatto accaduto ad Antipaxos, perlina fra le isole greche, circondata da acque cristalline, a un miglio di navigazione dalla più nota Paxos. Ma, soprattutto, frequentata da italiani, e da imbarcazioni italiane. Quindi? Quindi, devono essersi detti gli uomini della Guardia di finanza (italiana), perché non andare a farsi un giro da quelle parti e segnarci sul taccuino dei «buoni e dei cattivi» chi c'è e chi non c'è? In ogni caso c'è sempre una prima volta e così, levata l'ancora e tirati su i parabordi, ecco che ieri cinque militari cinque delle Fiamme gialle, sono partiti con una motovedetta, per l'insolita gita, ben poco turistica, e sono arrivati, poco prima di mezzogiorno, nelle acque antistanti la bellissima spiaggia di Vutumi. Per la verità, un po' troppo vicini alla spiaggia, tanto che un gruppo di turisti italiani, quattro donne e il loro accompagnatore, su un'imbarcazione di circa otto metri, si sono talmente allarmati che hanno chiamato la Capitaneria di Corfù per segnalare il fatto e capire che cosa stesse succedendo. Nulla. Nel senso che alla Capitaneria di Corfù, competente su tutto il piccolo arcipelago, nulla sapevano dell'incursione dei nostri militari.
Che, per la verità, con molta discrezione, ma anche con molta precisione, si sono avvicinati a tutti gli yacht italiani ormeggiati, oltre una trentina, e si sono segnati nomi, targhe, caratteristiche e dimensioni. E, non contenti, stando ai testimoni che ci hanno inviato anche le foto che vedete qui riportate, avrebbero effettuato riprese con una piccola telecamera. Insomma una piccola impresa di voyeurismo vacanziero, fuori dalle acque territoriali, che non manca di suscitare più di una perplessità, visto che, a memoria d'uomo, e sono almeno un centinaio gli italiani che, nella vicina e più attrezzata Paxos, hanno una casa di vacanza, nessuno ricorda che sia mai successo.
Antipaxos, cinque chilometri quadrati in tutto, a sud della più grande e importante Paxos, a sua volta a sud della più nota Corfù, è una perlina d'isola dicevamo. Dove d'inverno nessuno risiede, anche se all'anagrafe sono iscritti ufficialmente ben 24 abitanti. Ad Antipaxos esiste una sola taverna che pare non faccia grandi affari e, probabilmente, d'ora in poi ne farà ancora meno se gli italiani decideranno di disertare in massa, a scanso di equivoci, anche questi lidi per sfuggire a una caccia che ormai parte da lontano e che nessuno si immaginava arrivasse fin qui per colpire ricchi, ricconi o presunti evasori che, magari, invece evasori non sono ma soltanto ricchi o discretamente ricchi, che vorrebbero solo godersi le vacanze in pace. In pace perché sono già stati messi in fuga dall'Italia, due anni fa, dalla famigerata e sbandierata tassa sul lusso di montiana memoria, e per la quale un imprenditore «navigato» come Paolo Vitelli storico presidente dell'Ucina, la confindustria della nautica, patron di Azimut Benetti la più bella firma delle più belle barche italiane vendute nel mondo preconizzava: «Gli effetti della tassa sul lusso e sugli yacht? Devastanti. Semplicemente devastanti. Gli italiani porteranno le loro barche nei porti maltesi, croati, greci e gli stranieri se ne guarderanno bene anche dallo sfiorare le nostre acque territoriali. Sarà una catastrofe per il nostro turismo, per l'indotto che ruota attorno alla nautica e molti nostri cantieri rischieranno il tracollo». Mancava solo un tassello alla profezia azzeccata. Che le Fiamme gialle non avrebbero perso le tracce anche delle barche in fuga. Antipaxos, no?

segue a pagina 9

di Gabriele Villa

Commenti

franco@Trier -DE

Mer, 07/08/2013 - 09:07

ma come si fa a spiare se questi yacht sono intestati a persone straniere e a società straniere off-shore?

teoalfieri

Mer, 07/08/2013 - 16:42

che articolo delirante! Io non avrei nulla da temere...che spiino se è utile a stanare qualche italiano infedele!

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 07/08/2013 - 16:45

Già che c'erano potevano allungare un po il tragitto e passare vicino a Tripoli a CARICARE qualche CLANDESTINO HAHAHA BUFFONI!!! Saludos

Ilgenerale

Mer, 07/08/2013 - 16:50

HAHAHAHA, ho fatto bene ad andarmene tanti anni fa! La mia residenza e' all'estero, le mie propieta' all'estero ,il mio lavoro all'estero e sopratutto i miei soldi sono all'estero! bye bye Italia! PS: cmq per chi ha lo Yacht gli basta intestarlo ad una societa estera e il gioco e' fatto. Se i finanzieri volevano farsi una gita i Grecia avrebbero potuto dirlo!

GilbertoVR

Mer, 07/08/2013 - 16:56

Finalemente, fanno il loro dovere.

Ritratto di CiccioCha

CiccioCha

Mer, 07/08/2013 - 16:57

Sembra la bufala del giorno; Le navi militari (i finanzieri lo sono ), possono entrare in acque straniere, anche se di alleati, così senza preavviso e senza pericolo immediato ( dico un inseguimento )?

cgf

Mer, 07/08/2013 - 16:58

Una motovedetta in acque territoriali di altri? Senza avvisare! Ma ....?...........?.conosco una persona che in licenza volle andare a trovare la fidanzata austriaca indossando la divisa per fare bella figura. Ha imparato come e' umida Peschiera!

Ritratto di Fritz49

Fritz49

Mer, 07/08/2013 - 17:08

Ci mancherebbe,paghiamo 70.000 guardie di finanza,almeno che facciano qualcosa.

epc

Mer, 07/08/2013 - 17:10

Beh, allora poi non lamentiamoci se la marina greca arresta i cinque finanzieri e li tiene in galera per mesi: andare a fare controlli di polizia in un altro Stato, senza preventivi accordi e senza la presenza anche delle forze di polizia locale e' una violazione enorme della sovranita' di quello Stato, e contraria ad ogni diritto internazionale. In altri tempi sarebbe stato ragione di guerra.

topogigio100

Mer, 07/08/2013 - 17:11

@ PER TEOALFIERI aneanche io ho nulla da temere perche sono povero e non ho barche , pero rispetto a te ho un po di intelligenza, cosa che purtroppo i comunisti faticano ad averla, l artocolo vuole dire che praticamente lo stato italiano non avra piu le tassse nei porto , le aziende di barche non venderanno piu barche il turismo gia se ne andata a far friggere e adesso ancora di piu , risultato? perdita di milioni di euro per le tasse, ricordati una cosa chi e evasore di professione non certo si mette paura di 2 controlli pazzi chi lo sa fare lo fa e lo fara sempre , ma purtroppo per vosi comunisti rossi e dura da capire lo so , spero in una scuola serale per tutti voi

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 07/08/2013 - 17:18

Giusto cosi.RIducessero anche le barche che vanno a raccogliere i profughi ele impiegassero per piu controlli sia finanziari che clandestini.

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Mer, 07/08/2013 - 17:20

Se l'operazione portata avanti dalla GdF è illecita dovrà essere il governo greco ad effettuare le dovute rimostranze verso il nostro, altrimenti nulla da eccepire. Se non si hanno problemi con il fisco che controllino pure ma è certo che, evasori e frodatori non vanno in vacanza e non danno tregua, pertanto che controllino pure.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 07/08/2013 - 17:45

"La finanza CI spia..." AHAHAHAHAHAHAHAH... a chi vi riferite con quel CI??? Se state parlando di VOI vi rispondo che non me ne può fregar di meno. Se invece volete mettere dentro anche me... su uno yacht di lusso... al largo delle coste greche... AHAHAHAHAHAHAH... no no, avete sbagliato persona.

paolo b

Mer, 07/08/2013 - 17:49

Se le barche sono italiane che senso ha annotarsi targa o n. di identificazione lunghezza ecc....non basta aprire il computer dove sono registrate le barche ( il PRA delle barche ) e con un click hai tutte le informazioni che vuoi. queste sono buffonate per dare fumo negli occhi agli imbecilli invidiosi. comunque con le motovedette non vanno in croazia o in acque francesi perche li farebbero una brutta fine i finanzieri

Ritratto di filippo agostani

filippo agostani

Mer, 07/08/2013 - 17:50

E' vero è antipatico questo stato di polizia. Sarebbe più simpatico evadere essere condannati per evasione e dare la colpa ai giudici. Che risate, non vi pare.

Giorgio1952

Mer, 07/08/2013 - 17:52

Teoalfieri sono d'accordo chi non ha nulla da temere, come il sottoscritto che paga fino all'ultimo centesimo le tasse, perché deve preoccuparsi se vengono effettuati controlli per stanare gli evasori, se uno tiene la barca all'estero e non la dichiara al fisco italiano è uno di quelli che concorre a penalizzare il paese e gli altri contribuenti. Adesso capisco anche la posizione de ilgenerale, grande sostenitore di Berlusconi perché è uno di quelli : "HAHAHAHA, ho fatto bene ad andarmene tanti anni fa! La mia residenza e' all'estero, le mie propietà all'estero ,il mio lavoro all'estero e sopratutto i miei soldi sono all'estero!"

Ritratto di depil

depil

Mer, 07/08/2013 - 17:55

eravate in tanti perchè non avete buttato in mare gli abusivi che rompevano le scatole?

Ritratto di depil

depil

Mer, 07/08/2013 - 17:58

qualcuno avvisi lo Stato Maggiore della Guardia di Finanza che alla fine della seconda guerra mondiale Corfù e le isolette vicine furono assegnate alla Grecia!!!! Ignoranti!!!!!

paolinobg

Mer, 07/08/2013 - 17:59

finalmente!!!! Anche se basterebbe ed avanzerebbe andare a prendere negozianti ed imprenditori che denunciano di guadagnare meno di un loro operaio... poi girano con macchinone (targato in germania) e barca intestata a societa' di comodo..

giovannibid

Mer, 07/08/2013 - 17:59

da quando i confini nazionali si sono spostati dalle 6 miglia marine? Devo rileggere il codice della navigazione sono rimasto indietro

teoalfieri

Mer, 07/08/2013 - 18:00

topogigio100 mi sembri un folle con la fobia dei comunisti come il tuo ex Cavaliere..... non sono comunista....forse più stupido di te... ma su questo ho enormi dubbi!

giovannibid

Mer, 07/08/2013 - 18:02

perché poi andare così lontano? Bastava attraversare l'Adriatico e approdare in Croazia gli italiani sono tutti li anche un certo "baffino"

teoalfieri

Mer, 07/08/2013 - 18:02

ilgenerale...un poveretto indegno di essere italiano... va e restaci all'estero e non ti curar di noi...

teoalfieri

Mer, 07/08/2013 - 18:03

depil...non ti rimane che depil-arti il cervello i tuoi commenti sono deliranti! Come probabilmente il voto che dai...

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Mer, 07/08/2013 - 18:04

...topogigio100 inutile ostinarsi a far capire qualcosa ai sinistrati...i comandanti rossi impartiscono loro gli ordini...sono stati programmati x inneggiare contro berlusconi contro l'evasione ecc. ecc....sono delle macchine addomesticate senza cervello

fedele50

Mer, 07/08/2013 - 18:06

in ITALIA RIMARRANNO SOLO I CLANDESTINI DA MANTENERE E I DIPENDENTI PUBBLICI, avanti cosi , tutto quello che sta facendo in materia fiscale questo governicchio dimmm, affosserà definitivamente il ricettacolo italia.

millo

Mer, 07/08/2013 - 18:09

LA notizia è palesemente falsa, poichè entrare con mezzi militari in territorio straniero viene considerato atto o stile o di guerra. Ma, provando per un attimo a pensare che fosse vero, che male c'è? L'italia ha bisogno di soldi, e individui come il generale( che incitano all'evasione suggerendo di intestare la barca a società estere) sono dei delinquenti che andrebbero puniti come gli evasori. Per troppo tempo in Italia abbiamo toillerato lo scontrino non emesso, il dentista senza ricevuta, l'idraulico in nero ecc. Cominciamo dal basso, il resto poi verrà. Se un italiano apre una società estera per intestargli la barca, a meno che non faccia charter, l'italiano deve pagare le tasse sulla barca in italia. Punto e finito li.

campofreddo

Mer, 07/08/2013 - 18:15

Voi di destra avete il pallino delle LIBERTA'... e allora, se l'Italia vi sta stretta (non è forse il TANTO decantato PAESE CHE AMO?)... ANDATE A QUEL PAESE.

GilbertoVR

Mer, 07/08/2013 - 18:20

dalla lettura del testo si evince che il massimo problema degli italiani è quello ridurre le tasse sul lusso. Terribile, e pensare che che c'è ancora chi pensa che i problemi degli italiani siano la disoccupazione, le pensioni basse, la eccessiva tassazione sui redditi da lavoro dipendente, la crisi economica, ecc. Bisogna dirlo agli italiani quali sono i veri problemi: la libertà del delinquente Berlusconi, la probabile crisi di Mediaset se non riesce più imporre le pubblicità, il figlio della Bellen, ed il futuro della Signora Santanchè, e dove parcheggiare i milioni di panfili dei pensionati al minimo e degli esodati italiani.

Ritratto di mark 61

mark 61

Mer, 07/08/2013 - 18:32

avete qualche problema ???? NON dormite sonni tranquilli ??? 46 miliardi di evasione fiscale ogni anno ma per il PDL bisogna salvare i parassiti ???? giornale VERGOGNATI !!!!!!

Ritratto di mark 61

mark 61

Mer, 07/08/2013 - 18:33

Comunque lo si dica, è un fatto un po' antipatico. certo la vostra difese dei furbetti - parassiti - evasori è VERAMENTE antipatico

polonio210

Mer, 07/08/2013 - 18:40

Non ci sono solo gli yacht italiani all'estero;ci sono anche le automobili con targa italiana che girano per mezzo mondo,perciò manderanno migliaia di finanzieri in giro a prendere nota delle targhe?Complimenti,ma perché fermarsi solo ai beni mobili:perchè non mettere un finanziere accanto ad ogni cittadino italiano che si reca all'estero o,magari,anche a quello che esce di casa?Non si sa mai che il sig.Rossi mentre va a comperare il latte non possa essere scoperto ad evadere.Ma andando oltre,perchè non fermano ogni cittadino italiano e lo sottopongono ad una perquisizione,magari gli trovano in tasca qualche euro non dichiarato o del contante superiore al folle limite imposto?Naturalmente anche gli abiti e le scarpe,che il sig.Rossi indossa,dovranno essere passati al setaccio,può darsi che non se li possa permettere o che li abbia acquistati in nero ed allora tutti in giro con il cartellino del prezzo attaccato ai vestiti ed anche alle mutande,non si sa mai.......

Pierofco

Mer, 07/08/2013 - 18:44

Aerticolo che sa molto di bufala....

m.m.f

Mer, 07/08/2013 - 18:48

Il mondo è pieno di opportunità,se un impresa,u imprenditore decide di delocalizzare all'estero perché ovviamente conveniente per questione di costi,non tutti sono neccessariamente evasori,vi è gente che lavora ,produce e paga le tasse ,è giusto che delocalizzi. Il problema,i dati Ocse lo testimoniano è,che in questo paese pochissime aziende dal estero vengono a investire per i soliti noti problemi a tutto il mondo e,molte aziende invece chiudono e riaprono da altre parti e,in genere sono proprio le aziende virtuose a delocalizzare ,il paese si sta svuotando questa è un amara triste realtà che piaccia o no è così.ù Stanno delocalizzando,neo laureati,imprenditori,aziende e proffessionisti. O l'italia si allinea almeno agli altri paesi della UE,impensabile agli stati uniti sarebbe chiedere troppo o,farà una brutta fine ,il paese con le sue imprese e con i suoi cittadini. Se piace così il traguardo è vicino.

m.m.f

Mer, 07/08/2013 - 18:48

Il mondo è pieno di opportunità,se un impresa,u imprenditore decide di delocalizzare all'estero perché ovviamente conveniente per questione di costi,non tutti sono neccessariamente evasori,vi è gente che lavora ,produce e paga le tasse ,è giusto che delocalizzi. Il problema,i dati Ocse lo testimoniano è,che in questo paese pochissime aziende dal estero vengono a investire per i soliti noti problemi a tutto il mondo e,molte aziende invece chiudono e riaprono da altre parti e,in genere sono proprio le aziende virtuose a delocalizzare ,il paese si sta svuotando questa è un amara triste realtà che piaccia o no è così.ù Stanno delocalizzando,neo laureati,imprenditori,aziende e proffessionisti. O l'italia si allinea almeno agli altri paesi della UE,impensabile agli stati uniti sarebbe chiedere troppo o,farà una brutta fine ,il paese con le sue imprese e con i suoi cittadini. Se piace così il traguardo è vicino.

m.m.f

Mer, 07/08/2013 - 18:54

L'Italia ,basta guardare le fotografie, E' L'UNICO PAESE AL MONDO DOTATO DI UNA PROPRIA INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA CHE SPENDE UN MILIARDO ALL'ANNO PER ACUISTARE VETTURE DI PROVENINEZA STRANIERA: LE AUTORITA' FRANCESI VANNO CON LE FRANCESI,I TEDESCHI CON QUELLE TEDESCHE,COSI GLI AMERICANI,I NORVEGESI,GLI INGLESI E I RUSSI!! UN PICCOLO DETTAGLIO CHE LA DICE LUNGA RELATIVAMENTE AL RISPETTO DELLE AUTORITA' POLITICHE NEI CONFRONTI DEL PAESE E,DEI CITTADINI CHE PAGANO QUESTE MACCHINE. TUTTE MODELLI TOP DI GAMMA MA TANTO LORO IL SUPER BOLLO NON LO PAGANO.

Ritratto di Ciccio Baciccio

Ciccio Baciccio

Mer, 07/08/2013 - 18:57

***Fanno bene! Chi ha tanti soldi è perché sfrutta il prossimo od è un ladro! Su questo non ci piove. Voi vi preoccupate soltanto di queste categorie di individui che non producono 'na mazza, ad esempio la mia che ho inviato dove "certificavo" il sequestro avvenuto stamattina presso la mia banca dei miseri 287 euro di pensione per invalidità non vi ha sfiorato minimamente, vi siete guardati bene dal pubblicarla. Tutti in galera compresi i lentikkiari barboni servi dei padroni.*

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mer, 07/08/2013 - 19:00

A che pro, visto che se le barche battevano bandiera italiana, erano tutte ben conosciute e registrate? Per costruire dei dossier da tirare fuori in caso di contenzioso dei proprietari col fisco? "il giorno x dell'anno y ci risulta lei fosse in Grecia con il suo yacht..." Qualunque cosa, poteva essere fatta benissimo in borghese, evitando eventuali problemi con la sovranità greca...ma l'orgasmo di mettere in mostra pizzetto e distintivo, per impaurire il suddito colpevole fino a prova contraria ha prevalso...

polonio210

Mer, 07/08/2013 - 19:01

Mentre scrivevo il mio intervento precedente mi è venuto in mente che la Guardia di Finanza Befera e l'Agenzia delle Entrate hanno sempre tralasciato di effettuare controlli nel luogo in cui si nascondono i maggiori capitali "illeciti".LA CASA!Ogniuno di noi ha in casa beni e soldi di cui i solerti funzionari,di cui sopra,ignorano l'esistenza.Beni che sfuggono al controllo,beni che non sono stati dichiarati,beni che qualificano ogni italiano come evasore.Il quadro comperato al mercatino,la sedia della nonna,il materasso nel quale molti hanno nascosto dei soldi,il vecchio videoregistratore,il servizio di bicchieri di cristallo ereditato dalla zia,la gondola fatta con le cozze e le vongole e tutti quei beni che formano un valore enorme ma non sono mai stati dichiarati ne valutati al fine di determinare il reddito personale.Perciò consiglio l'istituzione di pattuglioni di finanzieri che,sfondando le porte a notte fonda,entrino nelle case a controllare cosa c'è e colpire,senza pietà,questi terribili evasori fiscali nemici del popolo italiano.

Marcello58

Mer, 07/08/2013 - 19:01

il parassitismo è un mestiere ben distribuito, tali sono coloro che evadono il fisco, ma sono parassiti anche coloro che impongono gabelle assurde e poi pretendono che esse vengano supinamente pagate. Perché solo in Italia avere una barca è sinonimo di benessere? Forse solo perché sulla nautica s'è accanita la pressione fiscale (il gasolio costa di più, così le assicurazioni, così le tasse portuali, così le dotazioni necessarie, e così via). Un'industria prospera è stata annichilita da una guerra fatta a colpi di leggi e provvedimenti di polizia fiscale. Se ora la finanza ha l'autorità di poter girare anche nei porti stranieri.... facciamo un sistema europeo di vigilanza, forse così riusciremo ad essere davvero equiparati alle nostre nazioni europee e finalmente ci libereremo di troppa repressione, godendo di un po' più di libertà e sviluppo..... economico e sociale !

franco@Trier -DE

Mer, 07/08/2013 - 19:03

il generale gli italiani sembrano dei pivellini ingenui dico sembrano..io più o meno come te sto bene all'estero sono rispettato e non vedo delinquenza qui ne extracomunitari in giro come ebeti per le strade italiane inoltre quando attraverso sulle striscie pedonali si fermano le auto a un metro prima di arrivare alle striscie.

carlo4

Mer, 07/08/2013 - 19:19

Era anche ora che la Finanza si desse da fare sul mare. E la stessa cosa sarebbe bene che la facesse sulle strade e autostrade italiane, dove non mancano i macchinoni

Walter68

Mer, 07/08/2013 - 19:28

Ben vengano, magari prendessero qualche "nullatenente" con yatch e auto di lusso. E' di oggi la notizia di ca. 50 miliardi di iva evasa nell'anno 2011, se non cambiamo le leggi e mandiamo finalmente in galera gli evasori, non finirà mai....

Bartleby

Mer, 07/08/2013 - 19:28

Continuate a far apparire lo,stato come un persecutore. Se uno possiede uno yacht e non ha niente da nascondere che cosa dovrebbe temere dai controlli? È anche grazie a queste campagne mediatiche che gli italiani continuano ad avere lo scarso senso civico che hanno. La cosa paradossale è che tanti fra i vostri lettori e commentatori qui sotto sono magari dipendenti o pensionati che faticano a raggiungere la fine del mese

Ritratto di JOLLY ROGER

JOLLY ROGER

Mer, 07/08/2013 - 19:42

Siiii! Meno barche e più barconi! Forza Boldrini!

antonioamelio

Mer, 07/08/2013 - 20:05

questi persecutori del fisco sono una mandria di esauriti mentali....

franco@Trier -DE

Mer, 07/08/2013 - 20:13

m.m.f gli italiani se comprano le auto straniere significa che sono le migliori,c'è qualche marca italiana migliore che possa competere con una Mercedes,BMW,Ford o AUDI?

janry 45

Mer, 07/08/2013 - 20:17

Volete vedere che la Grecia ci citerà per danni?

xanthorion

Mer, 07/08/2013 - 20:25

se uno ha la coscienza a posto, non vedo dove sia il problema.

xanthorion

Mer, 07/08/2013 - 20:29

@ Dreamer_66: ah ah ah, forte!

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 07/08/2013 - 20:41

Sono d'accordo con hernando45 : "che passino dalla Libia a caricare qualche clandestino" e che sono dei buffoni. Non credo che si possa fare una cosa simile, se la Grecia ha fegato dovrebbe protestare per via diplomatica e avrebbe tutte le ragioni.

mariolino50

Mer, 07/08/2013 - 20:46

Se è vero è una cosa molto grave e anche rischiosa, una nave militare non invitata non può introdursi in acque straniere, da altre parti una smitragliata di avvertimento non gli mancava di certo, e forse peggio, immediato arresto dei soldati stranieri e crisi diplomatica. Dopo aver fatto scappare tutti i nautici dall'Italia vorrebbero rompere le scatole a paesi stranieri, vogliono davvero tutti morti di fame.

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 07/08/2013 - 20:47

giovannibid, non sono mica stupidi quelli della Finanza : andare in Croazia con un mezzo militare senza essere invitati ? Stiamo scherzando ? Gli sparerebbero in tre secondi affondandoli.

Roulette Russa

Mer, 07/08/2013 - 20:52

E comunque, se non sei un evasore, di cos' hai paura ? O lo sei ?

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 07/08/2013 - 20:53

carlo4, lei è rimasto ai macchinoni come segno di ricchezza. Vada su Internet a vedere quanto vengono i macchinoni usati paragonati a auto più modeste. La smetta di parlare come il trinariciuto di servizio.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 07/08/2013 - 21:37

XGILBERTOVR-No, il problema piu importante in Italia non e' la disoccupazione degli italiani, la giustizia , tasse giuste ed eque,ma bensi far venire clandestini e matrimoniare i cosidetti marziani homo.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 07/08/2013 - 21:39

xfrancotier.Come si vede che vivi in un buco di provincia.A Francoforte se passi anche sulle zebre devi muovere le chiappe, altrimenti saresti schiacciato come una zecca.

epc

Mer, 07/08/2013 - 21:44

Quindi mi sembra di capire che da oggi le forze dell'ordine italiane hanno potere di pubblici ufficiali anche in altre nazioni. Per la cronaca, quand'e' che vanno a prendere Cesare Battisti in Brasile?

Gioa

Mer, 07/08/2013 - 21:57

Queste yacht mica saranno intestati alla società straniera off-schore di Fini? Fini è in esilio?...Già ha la società off-shore insieme a d'alema?...Già!! d'alema non ha nulla dal MPS non ha preso nulla...LUI CADE SEMPRE IN PIEDI...pd sotto sotto pd..

Gioa

Mer, 07/08/2013 - 21:59

sinistra macchina senza cervello e anche di peggio....in che mai siamo!!! EVVIVA L'ITALIA GIUSTA E VERA.

tanax

Mer, 07/08/2013 - 22:09

Gli yacth sono per lo più intestati a società di comodo in Croazia, studi di avvocati e commercialisti...si fa in un attimo. Mi fa pena il mio paese(o patria x i nostalgici alla veneziani)che in occasione dell'ingresso nella UE della croazia, il governo italico non abbia sollevato il problema alla croazia pretendendo chiarezza e informazioni. Mi fa più pena vedere i lettori de il Giornale,fare il tifo per questi furbastri,senza alcun vantaggio, ....così nel nome di una non meglio precisata ideologia.

Ritratto di Marco Marconon

Marco Marconon

Mer, 07/08/2013 - 22:20

Beeeeene! Avanti tutta! Perché un articolo giornalistico così cretino? Paura di che cosa?

Cosi_la_penso

Mer, 07/08/2013 - 23:35

Mi sembra piu che giusto che il giornale di un condannato per frode fiscale difenda i proprietari di imbarcazioni di lusso probabilmente acquistate "rubando" sulle tasse dovute a dispetto di tante famiglie che tirano la cinghia . Bravi

Patrick

Gio, 08/08/2013 - 08:32

Fuori dalle loro acque territoriali, senza permesso, avvicinandosi alle spiagge sotto i 250metri, senza manco un mandato, combustibile a carico dei contribuenti e per fare cosa spiare, fotografare, praticamente calpestare la privacy della gente? Quest'arma e' impazzita! E la Grecia se fosse seria li avrebbe presi a calci.

umberto nordio

Gio, 08/08/2013 - 08:33

Se si tratta di evasori fiscali è giusto che vengano braccati ovunque. E se possibile ,ridotti in mutande.

Ritratto di thunder

thunder

Gio, 08/08/2013 - 08:34

Franco@trier,eccoti cadere sulle machine italiane brutte e malfunzionanti,ora hai dimostrato quanto sei limitato.ciao

m.m.f

Gio, 08/08/2013 - 08:42

franco@Trier -DE perché non le comprano allora nche gli americani,i francesi e gli inglesi,i giapponesi? è una questione di etica,di pubblicizzare il prodotto nazionale,per i kilometri che devono fare basterebbe un calese,penso che maserati,alfa romeo,fiat e lancia vadano più che bene,anche troppo..........

canaletto

Gio, 08/08/2013 - 08:51

Viviamo in uno stato di polizia tributaria, di agenzia entrate, di equitalia dove si pensa a tartassare i cittadini e basta e tutto?????? per mantenere la casta maledetta. tanti discorsi per tagliar questo e quell'altro e tutti i santi giorni pd ecc rincarano la dose di nuove tasse....

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 08/08/2013 - 09:05

Ogni tanto il Giornale dà anche delle belle notizie!

mariolino50

Gio, 08/08/2013 - 09:18

franco@Trier -DE Si che ci sarebbe, la Ferrari, ma non è certo popolare, Alfa e Lancia erano minimo al pari delle tedesche, ma sono distrutte dalla "cura" fiat. In quanto a delinquenza leggiti le statistiche internazionali e vedrai che non è vero, dalle tue parti non fanno per ogni cazzata titoloni sui giornali, ad esempio io sono stato derubato a Parigi e non a Roma dove sono stato un anno intero.

ECIFERO

Gio, 08/08/2013 - 09:21

Suggerisco di procedere con verifiche ex ante e questo, a valere anche per altri acquisti. P.A. ancora una volta dormiente........

gneo58

Gio, 08/08/2013 - 09:45

L'evasione, quella vera e' con cifre a 6 zeri o piu' ed e' tutta "legale" e alla luce del sole. Io sono lavoratore dipendente e mi viene trattenuto tutto e di piu' alla fonte ma di fronte ad uno stato di M...A come questo che non sa fare altro che tassare, tassare, tassare se potessi evaderei anche io se potessi anche perche' ricordatevelo, questo stato anche se incassasse il doppio, triplo o quadruplo di quello che incassa ora chiederebbe ancora soldi perche' e' un pozzo senza fondo. Sto aspettando che arrivi il momento che non ci sara' piu' niente da tassare perche' la gente non avra' piu' niente - voglio vedere cosa succedera'.