Fini e Bertinotti lottano insieme ma solo per conservare gli uffici

Agli ex presidenti delle Camere erano riservate lussuose stanze. I grillini vorrebbero accelerare i tagli già decisi dal Pdl, ma Gianfranco e Fausto non vogliono mollare

«Resistere, resistere, resistere» è il motto di borrelliana memoria del compagno Fini. Resistenza che ha poco di politico e tanto di pratico: non vuole mollare l'ultimo scampolo di privilegio che gli resta. Spazzato via dagli italiani, rimane attaccato come una sanguisuga all'estremo cadreghino cui ha diritto. Ancora per poco. L'ex presidente della Camera, infatti, avrebbe detto di no alla richiesta di lasciare gli uffici della Camera. A fare particolari pressioni sul neo presidente Laura Boldrini è il pentastellato Luigi Di Maio, giovanissimo vicepresidente di Montecitorio. Il quale sta lavorando di buzzo buono a una particolare spending review, interna ed esterna. È noto che i grillini stanno cercando di capire come ridursi lo stipendio. Cosa più facile a dirsi che a farsi. Nell'ambito di questa operazione proprio Di Maio ha chiesto l'inventario di tutti i beni mobili e immobili in dotazione alla Camera per capire dove poter far scattare le forbici. E ovviamente s'è imbattuto nello spreco della fondazione della Camera dei deputati.
Costituita nel 2003 per volere dell'allora presidente Pier Ferdinando Casini per «realizzare una più ampia conoscenza e divulgazione dell'attività della Camera; promuoverne l'immagine; favorire e sviluppare il rapporto tra l'istituzione parlamentare ed i cittadini», il supremo ente inutile è stato una macchina mangiasoldi dei contribuenti. Due milioni di euro l'anno con tanto di funzionari (una mezza dozzina) e uffici tenuti a regola d'arte. A dire il vero il primo a scandalizzarsi dello spreco è stato l'ex deputato campano del Pdl, Amedeo Laboccetta che l'anno scorso ha detto: «Basta». Ed è riuscito a far approvare dall'ufficio di presidenza di Montecitorio, durante la discussione sul bilancio, un ordine del giorno nel quale si prevedeva la chiusura della fondazione. «Ho fatto risparmiare agli italiani ben 20 milioni di euro», gongola ancora Laboccetta.
Ma una cosa così non si chiude dall'oggi al domani. Così, nel prestigioso palazzo Theodoli, in piazza del Parlamento, continuano a essere a disposizione degli ex presidenti della Camera dei lussuosi uffici. Ne hanno diritto - ancora per poco grazie a Laboccetta - Violante, Casini, Bertinotti e Fini. Ma adesso s'è aggiunto il grillino a chiedere un colpo di spugna al vecchio privilegio. Quindi s'è rivolto agli ex presidenti sopracitati. Violante ha accettato; pure Casini, che in fondo una comoda poltrona al Senato ce l'ha ancora, ha acconsentito senza problemi. Bertinotti, invece, s'è trincerato dietro a un pilatesco «mi attengo alla legge»: troppo dolore a lasciare quelle sei stanze al terzo piano del palazzo in pieno centro. E pure Fini pare si sia messo in scia del rifondarolo negando la disponibilità a lasciare i «suoi» nobili uffici.
Attenzione, però. Non c'è solo la morente fondazione. In ogni caso gli ex presidenti della Camera hanno diritto all'uso gratuito di uffici, personale e auto blu. Un tempo, vita natural durante. Adesso «soltanto» (sic!) per dieci anni dopo la fine della scorsa legislatura.

Commenti

carlo5

Gio, 11/04/2013 - 08:39

Se questa appendice di legge che vuole cancellare i privilegi a ex presidenti la promuove Grillo come si fa a dargli torto? Queste cose sono la dimostrazione che ancora si razzola male. Si riempiono la bocca di crisi e di difficolta' economiche nazionali e poi non fanno uno straccio di governo che ci porti a nuove elezioni con le riforme minime ed indispensabili per essere governati. Ed i privilegi da scandalo li grida Grillo. Ma la Boldrini dov'e'? Povera Italia e poveracci noi.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 11/04/2013 - 09:00

A che titolo?? fuoiri dalle palle tutti e due. Sono privilegi pagati dagli italiani totalmente ingiustificati e in tempi di spending revew dovrebbero essere loro due a chiedere di rinunciarci. Ma tant'é, a chiacchiere tutti e due hanno sempre fatto "solo" gli interessi del "popolo" mentre sono due parassiti di lungo corso che hanno sempre e solo fatto gli interessi loro, come da codice della CASTA!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 11/04/2013 - 09:02

ma questi due trombati che pensano? che noi siamo deficienti? ma non hanno ancora capito che NON li vogliamo più! anzi, vadano all'estero! oppure che si mettano a zappare la terra! ma guarda, che pretese avanzano questi qui....

simonetta50

Gio, 11/04/2013 - 09:08

non sono una grillina, ma se aiutano a ridimensionare la casta, W i Grillini

gigi0000

Gio, 11/04/2013 - 09:19

Mandiamoli a lavorare, che hanno già mangiato troppo tempo sulle spalle degli italiani. Il privilegio non ha alcun senso, quindi andrebbe immediatamente eliminato.

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Gio, 11/04/2013 - 09:32

Ma che c'entrano ancora questi due. Fuori dalle palle, perchè questo spreco di soldi??? A cosa servono gli uffici?

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Gio, 11/04/2013 - 09:33

LA LEGISLAZIONE E' TUTTA DA CAMBIARE. E' ROBE VECCHIA AGGIORNIAMOCI!!!!!

Ritratto di Senior

Senior

Gio, 11/04/2013 - 09:47

Di tanto in tanto si legge di sfratti portati a termine, con le forze dell'ordine, ai danni di povere famiglie con figli e padre anche disoccupato. Possibile che di fronte a prepotenze da parte di trombati dal popolo votante, ci si passi sopra senza reagire. A mio parere sarebbe cosa giusta togliere a questi figuri il "passi" e non farli rientrare più nel parlamento se non rieletti. senior

terzino

Gio, 11/04/2013 - 09:49

Vergogna. Si cambi immediatamente la legge.

FRAGO

Gio, 11/04/2013 - 10:01

Vedrete che alcuni di loro dichiareranno che sono diritti acquisiti, nooo!!! Sono privilegi e in quanto tali si possono togliere da subito. Poi si dovrà passare a togliere sin da subito tutti quei privilegi non solo di casta ma anche dei boiardi di stato che sono il prezzo della corruzione politica. Tu mi appoggi qui io ti do il posto li, posto pieno di privilegi, se si tolgono questi privilegi, la corruzione politica perde una moneta di scambio difficilmente individuabile. Tutti questi privilegi si possono togliere da subito, non sono diritti acquisiti, mi ripeto, sono privilegi.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 11/04/2013 - 10:33

La P/te Boldrini dovrebbe fare un conticino per vedere quanto costano allo stato gli uffici (con personale addetto, auto blu ecc.) riservati a Montecitorio agli ex p/ti e dovrebbe parlarne con il p/te Grasso, dato che analogo privilegio è previsto per palazzo Madama. Osservo, per altro, che non è solo il costo a far gridare allo scandalo, quanto l'inaudito privilegio che viene riservato solo in Italia nel mondo a politici in pensione, ricca pensione per altro. Uno dei tanti "scandaletti" che sommati tra loro hanno distrutto non solo le finanze dello Stato ma la credibilità della famelica classe politica italiana.

maubol@libero.it

Gio, 11/04/2013 - 10:34

Dacci dentro Grillo, mandali a casa! che si paghino di tasca loro gli ufficio se vogliono!

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Gio, 11/04/2013 - 10:35

E' mai possibile che per toglierci definitivamente questi soggetti dalle scatole dobbiamo pregare che muoiono presto?

GUGLIELMO.DONATONE

Gio, 11/04/2013 - 10:37

Ma non potete proprio fare a meno di pubblicare le foto di un personaggio che gli italiani hanno ormai scaricato nel dimenticatoio? Tenete presente che non tutti siamo forti di stomaco!

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 11/04/2013 - 10:37

Forse sbaglio, ma l'inaudito privilegio è stato prorogato un paio di anni fa da un provvedimento di sua maestà Finavil, che benché cacciato dagli elettori con ricca pensione e abbondante liquidazione non si vuole staccare da Montecitorio. Gli consiglierei di andarsene in vacanza in giro per il mondo, magari a Montecarlo.

michetta

Gio, 11/04/2013 - 10:39

La mia provata disponibilita' nei con fro nti del Pdl, e' cosa vecchia, ma se il M5S riesce a sbattere fuori queste due sanguisughe di Bertinotti e Fini, li votero'. Poiche', seguendo l'articolo in argomento, se ne deduce che

moshe

Gio, 11/04/2013 - 10:44

Peggio delle piattole e delle sanguisughe!

Ritratto di IVO

IVO

Gio, 11/04/2013 - 10:59

Io penso che di disastri ne abbiano già fatti anche troppi . Andate a casa non ne possiamo più , siamo stanchi di personaggi capaci solamente di fare chiacchiere e mangiare a tradimento . Via da tutti gli uffici , vergognatevi pagatevi i vostri uffici . Siamop stanchi di pagare tasse per personaggi del vostro calibro . Fini vai a Montecarlo e ricordati che ancora staresti alle spalle degli italiani vero??. c. iv.

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Gio, 11/04/2013 - 11:06

Entrambi i soggetti rispecchiano fedelmente le priorità e la reale vocazione della maggioranza dei nostri politici, ossia i loro stipendi, i vitalizi d´oro, i privilegi a vita natural durante, le macchine scortate blu, uffici, segretarie eccetera. Si vadano a nascondere, fanno ribrezzo. VERGOGNA!

rancarani.giacinto

Gio, 11/04/2013 - 11:21

Sarà molto dura, perchè è una norma interna della camera e i due "trombati" si legheranno alle polotrone come hanno fatto fin'ora. Ci vuole la maggioranca ad una votazione. Ora speriamo con il cambiamento e l'aria che tira cambi tutto. Cordialità

enzo1944

Gio, 11/04/2013 - 11:29

Il Presidente degli USA,scaduto il suo mandato,non beneficia di nessun privilegio,se non di quello che percepiva,prima di diventarlo!.......e vive di mezzi propri,senza scorta e macchine blue!.....esattamente come i nostri ex-politici!!.......Via tutti i benefits,che,comunque,pagano gli Italiani!!....capito,ladrone fini e furbacchione bertinotti ????

cameo44

Gio, 11/04/2013 - 11:33

Non capisco ne si possono tollerare questi privilegi agli ex Presidenti delle Camere e non solo perchè non devono essere trattati come tutti i cittadini visto che qualunque funzionario dirigente o dipendente publi co una volta collocato a riposo non ha alcun diritto oltre che alla pen sione e quello di stare a casa propria per quale motivo questi ex devo no avere appartamenti a loro disposizione? torniamo a dire ma questa sporca politica quanto ci costa? vogliamo una volta per tutte rendere i politici tutti uguali a tutti i cittadini? altro che riforma della legge elettorale occorre riformare l'intero sistema e la costituzione basti vedere la situazine anomale di questi giorni pur in mancanza di una maggioranza il Capo dello Stato non può sciogliere le camere per chè nel semestre bianco e così si blocca un paese ormai vicino al col lasso qualunque legge elettorale se non si cambia il sistema non potrà mai garandire governabilità ricordiamoci i tempi della DC con altra legge elettorale e non il cosidetto porcellum i governi duravano poco più di un anno forse serve quella come la elezione dei sindaci ma non basta se non si rivede l'intero sistema

Lino.Lo.Giacco

Gio, 11/04/2013 - 11:35

Sapere che Bertinotti Fini e altri parassiti dello stato sfruttano in maniera indegna gli Italiani viene il vomito Cosa cazzo aspettiamo a metterli fuori a calci in culo e non solo metaforicamente Bastardi ladri e figli di troia

erminiamusolesi

Gio, 11/04/2013 - 11:47

X FRAGO,sono in sintonia con te,però pensi che questi mangiapane a tradimento,rinuncino con un'ultimo(ED UNICO) sprazzo di dignità?io non ci scommetterei....ho però un'idea ....e se facessimo noi un referendum?non sono diritti,sono privilegi.....e,soprattutto non sono stati approvati dal popolo sovrano che li ha mantenuti non bene,MEGLIO.....pertanto,io sono contraria alla violenza,ma se con la legge,quella vera,riusciamo a fare qualcosa PROVIAMOCI.......SIAMO STUFI!!!!!

Ritratto di Vincenzo Morganti

Vincenzo Morganti

Gio, 11/04/2013 - 11:47

Visti i tempi che corrono qualsiasi persona dotata di dignità e senso dello Stato, inteso come bene comune, sarebbe favorevole all'abolizione di questo privilegio: evidentemente i due personaggi in questione sono privi di queste due qualità. Sono solo dei miserabili; vergogna !!!

michetta

Gio, 11/04/2013 - 13:28

Ci riprovo, visto che oggi il computer sta' facendo le bizze, ma credo per colpa del Browser del Giornale. Tornando all'argomento del contendere, speriamo proprio che venga suonata al piu' l'ultima ora per queste autentiche due sanguisughe, che ancora tentano di togliere il pane dalla bocca degli Italiani con le loro miserevoli questue.....

precisino54

Gio, 11/04/2013 - 19:20

Ecco cosa è la casta! Sentirsi sempre superiori e portatori di diritti ma non di doveri. Sono certo che di tutti i disoccupati italiani, quelli eventuali dovuti alla chiusura di questi enti rappresentativi, non ci faranno stracciare le vesti. Forse anche perché hanno fatto la vita comoda con privilegi assurdi che li rendono ai miei occhi meno italiani. Se mi è permesso, di tutti quelli che hanno perso il lavoro per colpa della crisi, penso solo a quei poveracci che nulla hanno e a quelli che pensano di mettere fine ai propri tormenti definitivamente, forse perché a me più vicini. All'onorevole Laboccetta il mio plauso se la vicenda andrà in porto rapidamente, ma anche una amara riflessione: non pensi di passare alla storia per quello che ha fatto di utile, si ricordi che fa parte del PdL quindi per lui come per gli altri solo l'ignominia!

precisino54

Gio, 11/04/2013 - 20:11

Ecco cosa è la casta! Sentirsi sempre superiori e portatori di diritti ma non di doveri. Sono certo che di tutti i disoccupati italiani, quelli eventuali dovuti alla chiusura di questi enti rappresentativi, non ci faranno stracciare le vesti. Forse anche perché hanno fatto la vita comoda con privilegi assurdi che li rendono ai miei occhi meno italiani. Se mi è permesso, di tutti quelli che hanno perso il lavoro per colpa della crisi, penso solo a quei poveracci che nulla hanno e a quelli che pensano di mettere fine ai propri tormenti definitivamente, forse perché a me più vicini. All'onorevole Laboccetta il mio plauso se la vicenda andrà in porto rapidamente, ma anche una amara riflessione: non pensi di passare alla storia per quello che ha fatto qualcosa di utile, si ricordi che fa parte del PdL quindi per lui come per gli altri solo l'ignominia!

precisino54

Ven, 12/04/2013 - 08:09

Ecco cosa è la casta! Sentirsi sempre superiori e portatori di diritti ma non di doveri. Sono certo che di tutti i disoccupati italiani, quelli eventuali dovuti alla chiusura di questi enti rappresentativi, non ci faranno stracciare le vesti. Forse anche perché hanno fatto la vita comoda con privilegi assurdi che li rendono ai miei occhi meno italiani. Se mi è permesso, di tutti quelli che hanno perso il lavoro per colpa della crisi, penso solo a quei poveracci che nulla hanno e a quelli che pensano di mettere fine ai propri tormenti definitivamente, forse perché a me più vicini. All'onorevole Laboccetta il mio plauso se la vicenda andrà in porto rapidamente, ma anche una amara riflessione: non pensi di passare alla storia per quello che ha fatto qualcosa di utile, si ricordi che fa parte del PdL quindi per lui come per gli altri solo l'ignominia!