Fiorito? Non è una novità: con Marrazzo governatore 200mila euro a consigliere

Nel Lazio in mano al centrosinistra 14 milioni a disposizione dell'aula. L'ex assessore Michelangeli: "Sistema accettato, hanno mangiato tutti"

Roma«Allora il presidente Marrazzo mi chiamò nel suo ufficio e mi disse: se non ritiri quella interrogazione sei fuori. E me lo ribadì in pieno consiglio quando la mia capogruppo prese la parola». Fuori, cioè, dalla giunta Marrazzo, dove Mario Michelangeli faceva l'assessore in quota Comunisti italiani. L'interrogazione, che poi sarebbe costata il posto a Michelangeli, denunciava un «sistema Fiorito» ante Fiorito. Nel Lazio governato dal centrosinistra, dal 2005 al 2010, non c'era il sistema dei fondi senza controllo ai gruppi introdotto poi sotto la presidenza Polverini, ma la cosiddetta «manovra d'aula», cioè più di 14 milioni di euro (nel 2006) presi dal bilancio regionale, da distribuire ai consiglieri, che a loro volta li usavano per finanziare associazioni sul territorio (elettorale, ovviamente). Un meccanismo molto simile nella sostanza a quello dei Fiorito's, e incredibilmente anche nelle cifre: 200mila euro a consigliere. «Adesso è esploso il marcio, ma il sistema era stato accettato anche dal centrosinistra, che ha partecipato al banchetto. Un sistema clientelare in piena regola, con l'attribuzione di milioni di euro ad associazioni amiche, senza un bando, senza alcun controllo» racconta Michelangeli. Non stupisce che dietro molti dei soggetti beneficiari dei soldi, ci fossero spesso gli stessi consiglieri che li assegnavano. «Noi denunciammo il milione di euro dato ad una associazione Italia Amazzonia, dietro cui si sapeva che c'erano un consigliere del Pd e uno dei Verdi». Poi un'altra associazione culturale, guidata da un consigliere del Lazio, destinataria di fondi grazie alla manovra d'aula. «Nelle tabelle e nelle pieghe di bilancio abbiamo trovato che ogni consigliere aveva la sua associazione a cui dava dei soldi». Nella tabella con le mance elettorali allegata alla finanziaria laziale del 2007, si contano la bellezza di 679 finanziamenti, piccoli (5.000 euro) al grandi (130mila euro), tutti ad associazioni culturali locali, spesso con giustificativi molto vaghi («iniziative culturali», «finalità sportive») o di puro e semplice «sostegno all'attività dell'associazione». Dentro c'è veramente di tutto: dai 40mila euro per la manifestazione «Cicoria bella e buona», ai 150mila euro all'associazione romana «Arte in soffitta» per un «villaggio artistico itinerante», dai 15mila per «i pongisti del tennistavolo Arpino» ai 10mila per il progetto «Benefici e potenzialità del Tae kwon do», o 10mila per le partite di «Lazio scacchi». Ci sono 65mila euro in favore di un cooperativa romana per la promozione del giardinaggio, 5mila euro per studiare «l'araldica nell'Agropontino», decine e decine di fondi per sagre varie, estati musicali di paesi, associazioni sportive, soldi al Football Club Borgo Carso o allo spettacolo di danza «Mai e poi mai», 8mila euro ad una associazione di Palestrina per «Iniziative di conoscenza e solidarietà con l'Africa». Un bancomat coi soldi regionali, costato alla fine di quell'anno 14.200.000 euro. «A seguito di quella battaglia e dell'intervento dei magistrati, l'anno dopo si fecero dei bandi per l'assegnazione dei fondi. Ma il meccanismo clientelare è subito tornato con i soldi ai gruppi consiliari». Nel frattempo, a Michelangeli quella mossa era costata il posto. Non nel 2007, perché il governo Prodi aveva numeri traballanti in Senato e uno scontro, in Regione Lazio, con il Pdci (alleato di governo) avrebbe creato problemi. Ma Marrazzo se l'era probabilmente legata al dito. Bastò aspettare il 2008, con la vittoria del centrodestra, per far fuori Michelangeli. «Mi venne proposto di diventare presidente di una società partecipata dalla Regione, per far spazio ad un altro del Pdci. Non accettati, uscimmo dalla giunta». Subito rimpiazzati dall'Idv.

Commenti

gicchio38

Dom, 30/09/2012 - 08:40

E' ANCORA IN CIRCOLAZIONE QUELL'ELEMENTO??? ERO CONVINTO CHE STESSE IN GALERA. MA POI MI SONO RICORDATO CHE LA GALERA E' FREQUENTA SOLO DAI PERSEGUITATI DAI "GIUDICHICCHI DA TRE SOLDI".

baldo1

Dom, 30/09/2012 - 08:47

Basta dire che sono tutti uguali! LA vergonga dell'Italia è il pdl. Punto. Hanno rovinato l'Italia!

gibuizza

Dom, 30/09/2012 - 09:16

Ma allora perché c'è chi sostiene che con la Polverini si è passati da 1 milione di euro di rimborso a 14 milioni? Mentono sapendo di mentire o sono numeri buttati a caso per mero calcolo politico?

ENRICO1956

Dom, 30/09/2012 - 09:23

Ma che strano.....gli unici inquisiti sono i consiglieri di centro destra di una giunta di centro destra. Quando regnava marrazzo i magistrati dormivano sonni beati...... e ovviamente non facevano nulla......Questo paese mi fa sempre più schifo!!!

lomi

Dom, 30/09/2012 - 09:29

Penosi, invece che incalzare questo sistema non sapete far altro che attaccare chi non può difendersi, che sicuramente ha le sue belle colpe, ma ormai è il passato. Capisco che è brutto vedere solo dopo tre anni cadere una giunta vicina al vostro editore, ma cercate di fare i giornalisti e riportare i fatti attuali....ormai quello lì fa parte del passato....I volti nuovi sono quelli di Fiorito, Polverini....etc..etc...che mi par si siano integrati bene nel sistema anzichè combatterlo...

Gioortu

Dom, 30/09/2012 - 09:44

Insomma,tanti Fiorito in salsa Comunista.

claudio faleri

Dom, 30/09/2012 - 09:50

Michelangeli, perzona sincera: sistema acettato da tutti, anche dalla sinistra immacolata, tutti mangiavano ed erano contenti, nelle province è uguale, sperpero di soldi e poi mancano i servizzi

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 30/09/2012 - 09:56

Da rabbrividire !!!!!!!

Willy Mz

Dom, 30/09/2012 - 10:06

mi sembra proprio in linea con tutta la politica italiana. a loro però non succederà nulla.

paci.augusto

Dom, 30/09/2012 - 10:14

Ed ora sentiamo cosa hanno da osservare i vari compagni ipocriti e falsi, tra cui il commissario politico Bersani, che si erano scandalizzati per le regioni amministrate dal PDL. I ladri politici sono trasversali e senza distinzione di partito! Era meglio il Lazio di Marrazzo che pagava travestiti e cocaiana con i soldi della regione o il ladro Lusito o le ruberie pugliesi? Se si gratta appena, appena, tutte le istituzioni politiche hanno problemi di ruberie! Beato il frescone Napolitano che, come per gl'immigrati, definiti ' la nostra ricchezza ' ( sic??!!!), vede il lato positivo anche nelle regioni! Tanto per farsi coraggio!

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 30/09/2012 - 10:26

Mai pensato che lo schifo possa essere nato con Polverini, Fiorito e la banda del Pdl. Sappiamo che tutti i consiglieri, di tutti i partiti, godevano del medesimo intrallazzo, che era stato inventato ben prima che arrivassero loro, però tutti pronti a mettersi a tavola.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 30/09/2012 - 10:30

Ho letto su il Messaggero che dopo la furbata di Polverini, che all’ultimo minuto ha “destituito” 5 assessori di marca Pdl, vi è maretta e si minacciano le dimissioni anche degli altri. A mio avviso l’intero consiglio dovrebbe essere “dimesso” e la Regione commissariata. Se tutto il gruppo consigliare si dimettesse farebbe migliore figura, anche se mi rendo conto che io parlo avendo come parametro l’etica, mentre i politici hanno come riferimento solo i loro interessi personali.

vacabundo

Dom, 30/09/2012 - 10:36

Ed adesso perchè non recuperiamo questo denaro?Perchè ancora sono liberi i ladri?Dove è la giustizia?

Amelia Tersigni

Dom, 30/09/2012 - 10:38

Come volevasi dimostrare: chi è senza peccato scagli la prima pietra. Brutta razza di sepolcri imbiancati !!!

disalvod

Dom, 30/09/2012 - 11:20

A QUESTO PUNTO MI CHIEDO:CON QUALE CORAGGIO I RAPPRESENTANTI POLITICI ED ISTITUZIONALI ANCORA SI FANNO VEDERE IN TELEVISIONE? COME POSSONO ANCORA PARLARE AD UN POPOLO TRADITO NELLA SUA DIGNITA' E CONTINUARE COME SE NULLA FOSSE ACCADUTO?I LAVORATORI DEVONO DIFENDERE IL LORO LAVORO E QUESTI INVECE MANGIANO A SBAFO SENZA NESSUNA COSCIENA O RIMORSO.A CHE SERVONO I POLITICI SE SONO LA CAUSA DELLA ROVINA DI UN POPOLO?

disalvod

Dom, 30/09/2012 - 11:20

A QUESTO PUNTO MI CHIEDO:CON QUALE CORAGGIO I RAPPRESENTANTI POLITICI ED ISTITUZIONALI ANCORA SI FANNO VEDERE IN TELEVISIONE? COME POSSONO ANCORA PARLARE AD UN POPOLO TRADITO NELLA SUA DIGNITA' E CONTINUARE COME SE NULLA FOSSE ACCADUTO?I LAVORATORI DEVONO DIFENDERE IL LORO LAVORO E QUESTI INVECE MANGIANO A SBAFO SENZA NESSUNA COSCIENA O RIMORSO.A CHE SERVONO I POLITICI SE SONO LA CAUSA DELLA ROVINA DI UN POPOLO?

doblone

Dom, 30/09/2012 - 11:28

Solo una domanda,non mi ricordo bene,ma chi era la Polverini?

vince50

Dom, 30/09/2012 - 11:33

In questo sistema dittatoriale(il precedente è stato rose e fiori),ci si può lamentare,però questo diritto che ci viene gentilmente concesso non è "a gratis",dobbiamo ricambiare con una overdos di tasse e soprusi che ci garantiscono la libertà di lamentela e palate di soldi a chi fa politica.

Angelo48

Dom, 30/09/2012 - 12:07

doblone: solo una domanda anche a lei. Dopo che qualcuno le avrà ricordato chi era la Polverini, mi dice cortesemente come la pensa su questa intervista all'ex consigliere regionale del Pdci? Grazie!!

GianfrancoNapolitano

Dom, 30/09/2012 - 12:08

Spero che ora nessuno -compresi quelli che hanno ceduto il proprio cervello ad una parte politica- abbia più il coraggio di dare del ladro agli altri! Fanno schifo : tutti.Si dovrebbe andare a votare Grillo, ma é solo un comico e la situazione dell'Italia è tanto grave e lasciarla in mano a lui....

antiom

Dom, 30/09/2012 - 12:10

Alla sua stupida domanda, allora, dovrebbe aggiungere chi erano Marini, Bertinotti,,D'Antona, Del Turco,Benvenuto, Cofferati e via elencando della sequela di questa, ora, inutile categoria.

igiulp

Dom, 30/09/2012 - 12:24

Tutti uguali i politici ed i rossi sono ancora più uguali in quanto professano una presunta verginità che non hanno. Vergognosi.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 30/09/2012 - 14:05

Riprovo1. Mai pensato che lo schifo possa essere nato con Polverini, Fiorito e la banda del Pdl. Sappiamo che tutti i consiglieri, di tutti i partiti, godevano del medesimo intrallazzo, che era stato inventato ben prima che arrivassero loro, però tutti pronti a mettersi a tavola.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 30/09/2012 - 14:11

Certo, che il sistema Marrazzo funzionava molto bene, vero Bersani?, naturalmente lui non sapeva niente vero?; strano che il signor bersani si ricorda bene quello che fá il PDL, é su quello che fá il PDPCI fá lo smemorato, anche su Penati e Bassolino, il sior Bersani si é "dimenticato"; CHE COSA HANNO FATTO QUESTI GALANTUOMINI DEL PDPCI!É MA LORO SONO TUTTO UN;ALTRA COSA DISSE BERSANI; INFATTI LORO RUBANO MILIARDI É FIORITO HA DIVISO "SOLO" 800,000 EURO!.

Ritratto di marystip

marystip

Dom, 30/09/2012 - 18:59

Invece è vero; SONO TUTTI UGUALI perché provengono tutti dallo stesso ceto sociale ignorante, cafone, farabutto e ladruncolo che è il Popolo italiano. Comunque, tanto per la precisione, l'Italia l'ha rovinata la DC con il contributo defilato del PCI; altro che storie!