Firenze, scavano un tunnel per rubare 70.000 euro in posta

Due rapinatori hanno scavato una galleria sotto l'ufficio postale e sequestrato i dipendenti nel caveau della filiale: 70mila euro il bottino del colpo

Una rapina da film d'azione, con i ladri che scavano un tunnel sotto l'ufficio postale e sequestrano gli impiegati nel caveau sotto la minaccia di pistole giocattolo.

È successo a Firenze, dove l'ufficio postale di via Gemignani è stato assaltato da due rapinatori, che hanno portato via 70.000 euro attraverso una galleria scavata sotto l'edificio partendo da un locale adiacente.

Dopo aver realizzato il tunnel nel weekend, i malviventi si sono fatti trovare all'interno dell'ufficio postale il lunedì mattina, costringendo i dipendenti ad aprire il caveau, da cui hanno prelevato 50.000 euro in contanti e 20.000 in francobolli. Quindi, il volto coperto da un passamontagna, hanno rinchiuso il personale nel caveau sotto la minaccia di martelli e due pistole giocattolo, e si sono dati alla fuga attraverso un buco scavato nel pavimento.

Il cunicolo era lungo 12 metri e aveva un diametro di 60 centimetri. Uno dei dipendenti delle Poste ha poi chiamato il 113, che ha liberato gli uomini sequestrato - una decina di persone - e allertato i soccorsi per alcuni lavoratori colpiti da lieve malore. Sul caso indagano i carabinieri.