Formigoni passa al contrattacco: "Tentano il golpe ma non cedo"

Il governatore passa al contrattacco: "Non cedo". Bruti Liberati indaga i giornalisti ma non chi passa le notizie

"Si è usata nei miei confronti un’aggressione politico-mediatica, anche con l’intento di una sorta di golpe per costringermi alle dimissioni, ma non mi dimetto". Il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni non usa certo mezzi termini per smentire categoricamente le ultime indiscrezioni apparse questa mattina sul Fatto Quotidiano riguardo all’inchiesta sulla sanità lombarda. Secondo il quotidiano diretto da Antonio Padellaro, sarebbero circa 9 i milioni di euro spesi per Formigoni e il suo entourage da Pierangelo Daccò, ora in carcere per le inchieste sulla Fondazione Maugeri e il San Raffaele: il Fatto avrebbe citato una informativa segreta della polizia giudiziaria di 200 pagine inviata al procuratore aggiunto Francesco Greco e ai pm Luigi Orsi, Laura Pedio, Gaetano Ruta e Antonio Pastore. Adesso la procura di Milano sta procedendo nei confronti dei giornalisti del Fatto per il reato di pubblicazione arbitraria di atti di un procedimento penale. Tuttavia, la procura milanese si è dimenticata di indagare le toghe che hanno passato l'informativa ai cronisti del Fatto.

Per replicare all'ennesimo assalto mediatico-giudiziario, Formigoni ha convocato una conferenza stampa durante la quale ha duramente contestato quelle che a suo giudizio sono delle "falsificazioni" dei giornalisti a suo danno. Il governatore ha ricordato vari articoli di stampa che accostano la sua vita privata alle inchieste sulla sanità in Lombardia. "Si è usato nei miei confronti - ha spiegato il presidente della Regione Lombardia - un’aggressione politico-mediatica basandosi su falsità e spacciando per veri interrogatori di Daccò secretati o addirittura manipolati". Ciò è stato fatto, secondo Formigoni, "per cercare di screditare la storia e la figura del presidente Formigoni di fronte ai suoi elettori e ai cittadini, con l’intento di una sorta di golpe per costringere il presidente Formigoni alle dimissioni". Formigoni ha, tuttavia, aggiunto che intende dimettersi dinnanzi a queste falsità. Il presidente della Regione Lombardia ha detto che la sua reazione di fronte alle indiscrezioni è "una legittima difesa di fronte alle valanghe di menzogne e di diffamazione nei miei confronti e dell’istituzione, una legittima difesa contro dei gruppi di potere che hanno tentato di infangare il governo della Regione Lombardia legittimamente eletto e il suo presidente".

Dopo la pubblicazione di nuove indiscrezione su un presunto flusso di denaro da Daccò a Formigoni, il procuratore di Milano Edmondo Bruti Liberati ha fatto sapere che la procura meneghina si è mossa nei confronti degli autori degli articoli Gianni Barbacetto, Antonella Mascali e Davide Milosa e nei confronti del direttore Padellaro. "I cronisti rispondono - ha spiegato Bruti Liberati - di pubblicazione arbitraria di atti di un procedimento penale» per aver pubblicato il contenuto di una informativa dell’inchiesta sul caso Maugeri, non depositata, e quindi di cui è vietata la pubblicazione". Il direttore dovrà, invece, rispondere di "omesso controllo". Per il momento, però, nessun procedimento è stato aperto per rivelazione di segreto d’ufficio che punisce il pubblico ufficiale che rivela notizie coperte da segreto.

Commenti

Giovanmario

Gio, 19/07/2012 - 16:35

"Indagano i giornalisti ma non chi ha rivelato le notizie coperte da segreto": è ovvio.. è tutto concordato.. i giornalisti non hanno l'obbligo di rivelare i nomi dei loro informatori.. e i loro informatori.. ma chissà chi saranno.. la fanno franca.. alla faccia di tutti.. buffoni

roberto.morici

Gio, 19/07/2012 - 16:47

Sarebbe il caso che questi Bruti indagassero anche certe informative evase, nottetempo e senza autorizzazione, dai cassetti colabrodo della Procura. Ipotizzare l'eventuale "disattenzione" di un qualche "pubblico ufficiale"...manco parlarne: dovesse offendersi e mettere il brocio...

Ritratto di MARINA58

MARINA58

Gio, 19/07/2012 - 16:55

BRAVO!!! Signor roberto. morici...cordialità sentite, Marina

Wolf

Gio, 19/07/2012 - 17:08

Un'altra procura fatta di delinquenti...più o meno consapevoli.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 19/07/2012 - 17:17

...nessun procedimento è stato aperto per rivelazione di segreto d’ufficio che punisce il pubblico ufficiale che rivela notizie coperte da segreto.... Nessuno stupore! D'altra parte la saggezza popolare ha un detto : CANE NON MANGIA CANE.

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Gio, 19/07/2012 - 17:20

Io credo che oltre all'arresto occorrerebbe anche la radiazione sempre che, trattasi di notizie false!

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Gio, 19/07/2012 - 17:20

Io credo che oltre all'arresto occorrerebbe anche la radiazione sempre che, trattasi di notizie false!

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Gio, 19/07/2012 - 17:21

Io credo che oltre all'arresto occorrerebbe anche la radiazione sempre che, trattasi di notizie false!

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 19/07/2012 - 17:31

Quando si pubblicano notizie come queste l'immagine che sempre mi viene in mente è quella dell'uomo a cui indicano la Luna e lui guarda il dito.......

chiara63

Gio, 19/07/2012 - 17:34

Da cattolico e credente vedere l'atteggiamento e il vittimismo di Formigoni mi indigna. E' mai possibile che in questo paese sia sempre, per qualcuno, colpa dei magistrati? Mi pare che i magistrati che hanno pagato con la vita in Italia siano un discreto numero, i politici a parte qualcuno si salvano sempre.

cast49

Gio, 19/07/2012 - 18:01

è la solita solfa...

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Gio, 19/07/2012 - 18:10

Potrebbe essere anche questa una spartizione dei soldi sporchi della mafia?

gian paolo ledda

Gio, 19/07/2012 - 18:27

Senza entrare nel merito della intricata matassa costruita dalla sempre attenta magistratura sulle vicende di Formigoni,resta una domanda a cui puntualmente non è data mai risposta.E riguarda quella sulla cosidetta fuga di notizie.Se certe carte "proibite" sono capitate nelle mani (o zampe) delle solite volpi giornalistiche,ci sarà pure qualcuno che si è reso responsabile del passaggio di carte.Perchè,in casi sono due.O i giornalisti le hanno "trafugate",e quindi dovrebbero essere responsabili anche di altro reato.Oppure,la solita talpa facilmente individuabile tra i discreti custodi delle pratiche giudiziarie,dovrebbe rispondere di correità.Invece,e quì sta il paradosso,gli indagati risultano solo i giornalisti.Una strana ed inusitata prtocedura sulla qualche qualche accorto e valente magistrato dovrebbe dare esauriente chiarimento.In ogni caso,uno dei tanti misteri italici!

erasmodarotterdam

Gio, 19/07/2012 - 19:01

Povero cocco dalla cravattina blu, ti vogliono tutti male tranne gli amici del Giornale che si metterebbero a più di trecentosessanta gradi se fosse possibile.

vince50_19

Gio, 19/07/2012 - 19:12

erasmodarotterdam - La sua finesse è pari alla sua intelligenza: complimenti! Ripassi intanto l'art. 27 della costituzione: ne ha facoltà, ovviamente..

Ritratto di DONCAMILLO7

DONCAMILLO7

Gio, 19/07/2012 - 19:19

Patetico formigoni....

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 19/07/2012 - 19:29

Ormai hanno veramente rotto i cogl.ni. E' chiaro che stanno lessando tutto il centrodestra, prima il berlusca, poi la lega, poi Formigoni poi ne seguiranno altri. E il tangentaro Penati? Bo? Tutto indabbiato in attesa della prescrizione. La procura di Milano e' una vera cloaca. Comunque il cdx se lo merita. Sono stati al governo e non hanno mosso un dito contro questa marmaglia. E hanno votato pure la norma salvapenati.

giovannibid

Gio, 19/07/2012 - 21:16

ma come non si sa chi passa le veline? ma chi le scrive; altrimenti come farebbero ad uscire dai nostri "blindatissimi" uffici giudiziari? forse fra 1000 anni qualcuno scriverà la verità sui nostri tempi; a noi non resta che rassegnarci a vivere in una repubblica di quaquaraquà

Ritratto di nestore55

nestore55

Gio, 19/07/2012 - 22:07

erasmodarotterdam...Perchè non è rimasto a scuola dai Fratelli della vita comune?? A Gouda è scampato alla peste e guardi le conseguenze...E.A.

riderepernonpiangere

Ven, 20/07/2012 - 07:50

Bravo Rame indignati dei tuoi colleghi giornaliste de Il Fatto che hano trafugato carte alla pocura, infatti le notizie vanno inventate (ricordiamo Boffo ...)! A me sinceramente interessa sapere se veramente Formigoni si è intascato i 9 milioni di euro, di come sia uscita la notizia mi importa ben poco. Comunque ormai Formigoni mi sembra troppo compromesso, sarebbe meglio per tutti e anche per il PdL che lui e la sua giunta si dimetessero.

Wolf

Ven, 20/07/2012 - 10:22

@erasmodarotterdam: a te bastano i soliti 90 gradi...tranquillo, procedi pure.

Ritratto di ettore muti

ettore muti

Ven, 20/07/2012 - 11:18

notizie false? bah non stiamo mica parlando del vostro farina detto betulla ........bananas

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Ven, 20/07/2012 - 12:39

Uso e abuso di intercettazioni e di notizie che di straforo escono dai palazzi di giustizia. Tema senz'altro interessante e che merita attenzione, ma ragionando col portafoglio sento molto più pressante la necessità di capire perché un tizio ha dato 9 milioni di euro al Governatore della Lombardia senza apparente motivo .....