GESTO DISPERATOPrecaria da 15 anni tenta di darsi fuoco a Montecitorio

Un gesto disperato ha sconvolto ieri il sit-in di protesta dei docenti «inidonei» e dei tecnici e amministrativi precari in Piazza Monte Citorio. Virginia Taranto, precaria proveniente dalla Campania, ha tentato di darsi fuoco con una bottiglietta di alcol dopo la notizia del rinvio delle decisioni sulle Pa al termine del Consiglio dei Ministri di ieri mattina.
La donna è stata fermata in tempo dai colleghi e, successivamente, in seguito a un malore, è stato necessario l'intervento di un'ambulanza. «Sono disperata, non è stato un gesto studiato. Sono la 29esima in graduatoria - ha spiegato con rabbia all'Adnkronos -. Dovevo essere di ruolo già da tre anni, invece rischio di perdere il lavoro». E racconta: «Lotto da anni, ho avuto due ictus, ma non chiedo l'invalidità, chiedo il lavoro che mi spetta. Ho una figlia universitaria a cui provvedere, sola, e una madre di 87 anni».