La ghigliottina di Francesco decapita lo Ior

Che l'aria fosse grama per chiunque fosse intenzionato a perpetrare loschi traffici all'ombra del Cupolone, era chiaro fin dal primo giorno del pontificato di Papa Francesco. La conferma è giunta ieri, quando i vertici dello Ior - la banca vaticana - si sono dimessi. Il direttore generale Paolo Cipriani e il suo vice Massimo Tulli hanno lasciato: sono i primi frutti della commissione di controllo voluta da Bergoglio.

Fabio Marchese Ragona

Commenti

sale.nero

Mar, 02/07/2013 - 20:09

Bravo Papa Francesco! Riscatta Papa Luciani.