IL GIALLOTrovata una microspia vicino al presidio: «Vogliono controllarci»

Anche un giallo ha animato la manifestazione dei Forconi. Come ha spiegato Enrico Leoni, portavoce dei Cittadini italiani del Movimento 9 dicembre, «una ragazza del presidio di piazzale dei Partigiani ha trovato per terra un braccialetto in velcro, in similpelle, l'ha strappato e ci ha trovato una cimice». Una scoperta che è stata subito riferita ai cronisti e ai fotografi. «La cimice - hanno spiegato i manifestanti - era perfettamente funzionante ma noi abbiamo staccato i fili e l'abbiamo schiacciata». Qualcuno ha anche azzardato un'ipotesi: «Fanno di tutto per controllarci, probabilmente è stata sistemata lì sotto richiesta del governo». Mentre Leoni ha gettato acqua sul fuoco: «Noi non abbiamo nulla da nascondere, la cimice non serve».

Commenti

marco46

Gio, 19/12/2013 - 13:50

Di che ti meravigli, siamo in Italia sotto regime giudiziariamente soft, le microspie sono state posizionate pure nelle mutande di qualcuno e non solo nei luoghi pubblici, perciò ocio a come ti muovi, perché più ti muovi o ti agiti e più fai il loro gioco, capisci a me.