Giggino cerca asilo in Palestina dopo i guai combinati a Napoli

Cittadinanza onoraria a De Magistris

Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris

Hai capito Luigi de Magistris? Il sindaco di Napoli (nella foto assieme al presidente dell'Anp Abu Mazen) ha deciso di passare il Natale a Betlemme, forse alla ricerca di un miracolo per salvare la sua città dal degrado. Già che c'era Giggino ha incassato la cittadinanza onoraria. Uno scambio di favori, visto che lo scorso aprile l'ex pm aveva fatto la stessa cosa con il capo dell'autorità palestinese. Ma sul web è subito scattata la parodia del Lungomare Libberato (rigorosamente con due b). Appena appresa la notizia del viaggio del sindaco in Palestina, i detrattori di Giggino si sono scatenati. «È andato a Gerusalemme (Libberata) perché si sente Dio. Li nessuno lo conosce e può dire quello che vuole», ha scritto su Facebook un napoletano pentito che ormai non ama più l'arancione. Alla fine però non è arrivato il miracolo: Giggino è andato a Natale a Betlemme ma Napoli non ha ancora risolto i suoi guai, tra traffico, monnezza, strade non asfaltate e migliaia di disoccupati.

Commenti

angelomaria

Ven, 27/12/2013 - 08:50

sente il bruciore al sedere quello DIO no lo conosce se lo conoscesse?????pag ladro

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 27/12/2013 - 09:38

Si stabilisca definitivamente in Palestina. Per il bene comune.

Ritratto di mina2612

mina2612

Ven, 27/12/2013 - 11:10

...e già che c'è si porti anche Henry John Woodcock, quel tal procuratore dei miei stivali che ci fa fatto sborsare un sacco di milioni per risarcire le vittime del suo maloperato.

roberto.morici

Ven, 27/12/2013 - 11:13

Per i partenopei è andata peggio: Mr the Flopo è tornato a Napoli. San Gennaro non ha fatto la grazia.

VermeSantoro

Ven, 27/12/2013 - 13:25

Magari si togliesse dalle palle questo incompetente, per una città gia parzialmente distrutta da quella cretina che aveva la presunzione di poter governare una citta difficile si è aggiunto questo incapace, dalla padella alla brace .....

coccolino

Ven, 27/12/2013 - 14:42

E' IL SUO POSTO, IN MEZZO AI TERRORISTI...

Ritratto di nestore55

nestore55

Ven, 27/12/2013 - 14:53

Non essendo certo che giggino 'o miracolo conosca l'italiano (vedi il conterraneo esposito)..glielo dico in vernacolo "'E mmalatìe veneno a cavallo e se ne vanno 'a ppère"....giggino 'oflop...'E ll' evera moscia ognuno s' annetta 'o culo...E.A.

mezzalunapiena

Ven, 27/12/2013 - 18:46

mi dispiace per i napoletani ma dopo quello che aveva combinato in magistratura come potevano pensare che fosse all'altezza di fare il sindaco.

giuliana

Ven, 27/12/2013 - 19:12

L'usanza della Kyenge di distribuire cittadinanze farlocche ha fatto scuola. Non è neppure necessario che esista uno Stato (infatti lo Stato palestinese è stato inventato solo per legittimare i miliardi di euro -spacciati per aiuti umanitari- che ogni anno i finti profughi (di professione profughi) incamerano.

forbot

Ven, 27/12/2013 - 19:15

Quello che mi viene da dire è semplicemente questo: Napoli, di sicuro, non merita di conoscere un degrado di tale portata. Di chi sia la colpa, ormai conta poco, sarebbe meglio chi, in quella città, è in grado di raddrizzarne la triste sorte, si facesse avanti e si canditi per rimettere la città al giusto posto, fra le città e il golfo più bello del mondo. Ai napoletani doc,( Nicola Amore, Achille Lauro,) memori della Napoli anteguerra, l'incitazione a collaborare per riportare l'attuale città al vecchio splendore. Chissà che anche il Vesuvio non riprenda con il suo pennacchio di fuoco ad illuminare, speriamo senza danni, tutto il golfo, come ben ricordo. Auguri Napoli!