Giggino manda in campo le vecchie glorie

La migliore battuta è quella di un vecchio arnese comunista che l'ha apostrofato «Giggino Adecco», come l'agenzia interinale. In un giorno solo, il primo cittadino di Napoli Luigi de Magistris ha firmato 25 decreti di nomina in commissioni e organi societari delle (disastrate) aziende partecipate. Un po' a sorpresa sono spuntate anche tre «vecchie glorie» del passato, che stanno creando qualche maldipancia nell'armata arancione in consiglio comunale: l'ex assessore comunale ai tempi di Bassolino sindaco, Eugenio Chiodo; l'ex consigliere comunale Pd-Sel Salvatore Galiero e l'ex revisore dei conti Gianluca Battaglia. Sette dei nuovi incarichi saranno a titolo gratuito, sulla falsariga di quello del fratello del sindaco, Claudio de Magistris, che lavora per l'Amministrazione comunale senza prendere un euro di stipendio; circostanza che ha suggerito un altro soprannome per Luigi de Magistris: chiamatelo Giggino Caritàs.