Il giorno dei falchi: firmate le dimissioni

I deputati di Forza Italia sottoscrivono le lettere di addio: consegnate a Brunetta. E anche al Senato verso l'unanimità degli azzurri: raccolte 87 missive su 91 eletti

«Con la presente intendo rassegnare le mie dimissioni da membro della Camera». Inizia così la lettera che Renato Brunetta, capogruppo Pdl a Montecitorio, indirizza al presidente Laura Boldrini. Una delle decine scritte nel corso di un giorno concitato e adrenalinico da deputati e senatori della rinascente Forza Italia. «Io mi sono già dimesso e a uno a uno lo faranno tutti», dice quasi sollevato l'(ex?) deputato Ignazio Abrignani, primo non solo in ordine alfabetico. E infatti i numeri crescono di ora in ora e alla Camera in serata si raggiunge il 100 per cento di dimissionari: 96 su 96, alcuni facilitati da una sorta di lettera-modello prestampata. Altri - e sono la maggioranza - scrivendola da sé. «Quando si tratta di Berlusconi siamo tutti falchi», sintetizza il deputato Luca D'Alessandro che fa la radiocronaca di quanto sta accadendo a Montecitorio. «La decisione già c'era, ma le parole di Napolitano hanno accelerato la raccolta. E che siamo tutti uniti lo dimostra il fatto che a raccogliere le dimissioni sia Renato Brunetta, non proprio un falco». Ma nemmeno una colomba, aggiungiamo noi.

Il quale Brunetta sventola la lettera appena uscita dalla stampante, per dimostrare che non sono solo chiacchiere. «Mi ha indotto a questa decisione - vi si legge - l'aver constatato che, prima la giunta per le elezioni e poi l'assemblea del Senato, pur in presenza di consistenti dubbi di legittimità costituzionale delle norme del testo unico Severino, e pur essendo nella sede giurisdizionale di verifica dei poteri, anziché riconoscere la rilevanza e la non manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale di tali norme abbiano votato per la decadenza del senatore Berlusconi, con disprezzo delle ragioni di diritto e delle più elementari garanzie costituzionali». Un «vulnus inaccettabile del diritto e della vita istituzionale che non mi consente di permanere nell'ufficio di parlamentare».

Daniela Santanchè ovviamente non ha aspettato l'attacco del Capo dello Stato. «Sto andando a consegnare le dimissioni nelle mani del mio capogruppo - annuncia di prima mattina a Radio Città Futura - poi il 4 ottobre vediamo cosa succede». E che potrebbe succedere? Magari la caduta del governo? «Dovete chiederlo a Jo Condor», scherza la «Pitonessa», con il tono di chi non metterà certo il lutto, nel caso. «Siamo tutti decaduti, come le foglie, che però poi rinascono più forti, più vigorose», dice poi, quasi poetica. Poi arrivano le parole di un Napolitano «inquietato» dalle dimissioni di massa e la Santanchè torna alla prosa: «Il presidente della Repubblica dovrebbe inquietarsi sì, ma per l'apertura da parte dell'Europa del procedimento di infrazione sull'irresponsabilità dei giudici italiani».

A Palazzo Madama in serata 87 dei 91 senatori del gruppo avevano scritto la loro lettera di dimissioni al presidente poi consegnata a Renato Schifani. E l'obiettivo è arrivare nei prossimi giorni al sold out con gli altri quattro, ieri fuori Roma per motivi vari. Tra i firmatari anche Domenico Scilipoti. Ognuno degli «aventiniani» ha scelto da sé le parole, senza alcun copia-e-incolla, a dare un maggiore significato simbolico al gesto. Inutile secondo quanti dal centrosinistra ricordano che in caso di dimissioni subentrerebbero i primi Pdl non eletti. Da tutta Italia però arrivano annunci preventivi di dimissioni anche dai possibili futuri subentranti. Sarà un bluff, ma è un bluff con il punto in mano.

Commenti

no beluscao

Ven, 27/09/2013 - 08:45

ma andate tutti a casa , farete del bene all'italia vergognatevi in un momento che si cerca di rilanciare l'immagine dell'italia dopo quasi 20 anni di disastri avete fatto una bella figura ....bravi bis

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Ven, 27/09/2013 - 08:52

secondo me non lo faranno, sono sempre stati degli sbruffoni e continueranno ad essere dei quaquaraqua ma nel caso lo facessero sara' bellissimo. dom perignon!

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 27/09/2013 - 08:55

Falchi? Colombe? E' questo il momento di disquisire tra la linea morbida e la linea dura? Mentre frustano a sangue il tuo leader politico tu stai lì a pensare se è il caso di porgere l'altra guancia (del tuo capo, non la tua) oppure fare un'azione di forza e reagire con l'unica mossa che sono anni che l'elettorato di centrodesta sta aspettando. SVEGLIA!

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Ven, 27/09/2013 - 09:00

Purtroppo il PDL non puo' fare altrimenti: se avesse un'alternativa a Berlusconi il senso di responsabilita' avrebbe imposto altre soluzioni for the greater good come direbbero gli inglesi. Pazienza

xgerico

Ven, 27/09/2013 - 09:01

Hooooooo...........Senatori e Onorevoli, quando presentate le dimissioni, controllate che ci siano anche quelle di Silvio, Ce già pronto un mandato di arresto dal Tribunale di Napoli ed una da quello di Milano!

xgerico

Ven, 27/09/2013 - 09:05

«Io mi sono già dimesso e a uno a uno lo faranno tutti», dice quasi sollevato l'(ex?) deputato Ignazio Abrignani,................Non ti sei dimesso una beata cippa di Ka..o le dimissioni vanno presentate ai rispettivi presidenti di Camera e Senato!

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Ven, 27/09/2013 - 09:11

Regiorgio deve vivere gli ultimi mesi della sua lunga vita ben tormentato dal risultato delle sue stesse macchinazioni. Mi auguro che mentre, per ragioni ovviamente anagrafiche, vede scendere il coperchio della bara, pensi se ha mai fatto del bene. Queste sono persone troppo CATTIVE. Addosso allora, MURO CONTRO MURO!

procto

Ven, 27/09/2013 - 09:16

servi ubbidenti, senza uno straccio di personalità. Rispondono al padrone come docili cagnolini, invece che all'interesse dei cittadini che hanno votato, e che pagano loro stipendi da alti dirigenti.

Boxster65

Ven, 27/09/2013 - 09:25

Bene!! E ora dopo le dimissioni in massa fate come gli imprenditori dell'altro articolo, andatevene tutti in Svizzera e non tornate ma più! Grazie!!

watcheroftheskyes

Ven, 27/09/2013 - 09:31

Non ci credo. E' una panzana. Fino a che non li vedrò fuori da Montecitorio tornati ai lavori(?) che facevano prima non crederò ad una virgola di questa pagliacciata. PD e PDL (FI?) continuano a far finta di litigare ed intanto campano alle spalle nostre.

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 27/09/2013 - 09:31

Che PENA INFINITA questi Miracolati Buoni-a-Nulla, servi e schiavi della loro Nullita' Infinita. Sanno che una volta fuori saranno finiti, eppure devono abbassare la testa e far finta di essere solidali con il loro Benefattore.

@ollel63

Ven, 27/09/2013 - 09:41

Ora basta, niente più tentennamenti. E' giunto il tempo di agire. SUBITO. Sia cancellato e sepolto questo presidente della repubblica di sovietica appartenenza. Questo figuro inquietante e sinistro ha ammorbato e ridotto l'Italia in brandelli e frantumi. Un figuro non democraticamente eletto né degno di rappresentare l'intero POPOLO ITALIANO; posto lì dalle arroganti pattuglie delle botteghe oscure. Un losco figuro truffaldino: si ricordino le creste sui viaggi aerei, e chissà cos'altro nelle funzioni di parlamentare europeo. La naturale caratteristica della stirpe sinistra è questa. Sia rimandato in unione sovietica. Ma non c'è più! ... Appunto.

vince50_19

Ven, 27/09/2013 - 09:46

procto - Giusto: dall'altra parte, quale che essa sia, sono tutti cani sciolti, vero? .. Questo a prescindere da come andrà a finire questa faccenda.

Ritratto di Chichi

Chichi

Ven, 27/09/2013 - 09:50

Finalmente un segno, speriamo non passeggero, che anche i moderati non sono tali per impotenza. Mostreranno davvero che, quando cercano il dialogo e l'accordo è questine di nervi saldi, ma che quando alla ragionevolezza si risponde con calci in bocca, gli attributi ci sono e funzionano? Se non sarà così li dimissioneremo noi elettori. Invece di rappresentarci in parlamento, si uniscano al branco che vuole boicottare Barilla.

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Ven, 27/09/2013 - 09:56

vince50_19, a prescindere, in nessuna altra parte del mondo civile, nessun altro gruppo politico si comporterebbe in questo modo. capiscila (se puoi e se vuoi), quelli del pdl sono degli schiavi o peggio, dei venduti.

Ritratto di salvato502000

salvato502000

Ven, 27/09/2013 - 09:57

io non capisco niente di regole politiche.. ma se si dimettono tutti.. non subentrano quelli che non sono stati eletti? e poi.. a tutti quelli che scrvono, pensate veramente che queste indegne persone, sia di destra che di sinistra, rinunzino al loro bel stipendio+ potere che hanno per ora... ma faccino il piacere ...... troveranno all'ulti il modo di restare dove sono ....

esulenellamiaPatria

Ven, 27/09/2013 - 10:08

Finalmente ! Saluti.

lazzaro perciballi

Ven, 27/09/2013 - 10:10

Vai cosi mi piacete dimissioni di massa,e non retrocedete di un millimetro. Davanti a questi strafottenti inconpetenti e inconcludenti compagni,serve un gesto forte e fargli capire che noi a differenza di l'oro,noi il nostro leader lo amiamo e rispettiamo perche consapevoli della sua innocenza.

semperidem

Ven, 27/09/2013 - 10:15

FINALMENTE. I sinistri personaggi sono nanetti isterici. Per la prima volta in vita mia voterò Berlusconi.

rokko

Ven, 27/09/2013 - 10:21

salvato502000, funziona così: innanzitutto, l'accettazione delle dimissioni da parte della camera di appartenenza non è automatica, a meno che non siano dovute alla scelta di altra carica incompatibile con il ruolo di parlamentare. In caso contrario, le dimissioni (necessariamente individuali, in quanto l'art.67 della Costituzione vieta vincoli di mandato e di conseguenza anche le dimissioni in blocco dei parlamentari sulla base dell'indicazione del partito, cosa di cui tra l'altro i parlamentari PdL se ne stanno fregando e quindi stanno violando la Costituzione) vanno accettate con voto a scrutinio segreto (perché riguarda un atto individuale) dalla camera di appartenenza e possono anche essere respinte. Mettiamo pure, per ipotesi, che i parlamentari PdL vadano avanti, saranno necessarie circa 100 votazioni in ogni camera, ovvero una per ogni parlamentare e sempre nell'ipotesi che vengano accettate alla prima votazione, per rendere effettive le dimissioni. Dopo di che, possono subentrare ai 200 i primi non eletti nelle file del rispettivo partito, in base alla legge elettorale; infatti, non necessariamente il presidente della repubblica deve sciogliere le camere, in quanto il parlamento può continuare a funzionare. Se i primi eletti rifiutassero, si può passare ai secondi eletti e così via, se anche così non se ne viene a capo, i "seggi" vuoti possono essere divisi tra i gruppi parlamentari già presenti in parlamento, in proporzione alla numerosità. In pratica, se i parlamentari PdL si dimettessero davvero (ma io ne dubito), non sortirebbero nessun effetto se non quello di far parlare di sè per uno-due mesi e rallentare un poco l'attività del parlamento, per il resto il gesto sarebbe equivalente a tagliarsi gli attributi con una cesoia per siepi.

roberto78

Ven, 27/09/2013 - 10:24

veramente una presa in giro ... hanno firmato ma subito le hanno congelate ... li stimerò solo quando le presenteranno veramente

Ritratto di ciaomamma

ciaomamma

Ven, 27/09/2013 - 10:36

Vi piace vincere facile? Facile: firmate le dimissioni (però non le presentate, eh!), ricattate il Governo con la minaccia di farlo cadere se non salvano in qualche modo il loro leader... e chi sopravviverà (di certo non il popolo italiano) vedrà..

evidio

Ven, 27/09/2013 - 10:45

Lettera prestampata, delega a Brunetta per la consegna... Nemmeno capaci di dare le dimissioni da soli!

dukestir

Ven, 27/09/2013 - 10:49

Falchi? Polli...

Ritratto di Nopci

Nopci

Ven, 27/09/2013 - 10:58

In questo GIORNALE ci sono piu' COMUNISTI E PARACOMUNISTI che nell'Unità Repubblica Stampa e affini escluso i paraculT del fatto travagliato.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Ven, 27/09/2013 - 11:03

@rokko. Credo che il non vincolo di mandato riguardi i rapporti elettore-eletto, non quelli eletto-partito di appartenenza. Se fosse come dice Lei, i parlamentari violerebbero la costituzione ad ogni voto unanime su questo o quel provvedimento, dato secondo l'indicazione del partito. Mi piace di più pensare che anche le dimissioni siano un'azione presa in autonomia, tant'è vero che al senato non tutti le hanno presentate. Sekhmet.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 27/09/2013 - 11:17

"Firmate le dimissioni"? Io posso anche firmare un assegno da un milione di euro, ma finché non lo "emetto" il fatto è irrilevante sotto ogni profilo. Ciò che invece preoccupa è l'incoscienza con cui i "duri" del Pdl continuano a muoversi, incoscienza che si affianca ad una sempre più conclamata incapacità politica. Hanno fatto una mossa da cui non hanno uscita. Se “presenteranno” le loro dimissioni firmeranno la fine del Pdl, dato che silurare il governo Letta oggi, proprio mentre il premier di sta spendendo in giro per il mondo, non potrà non provocare a breve una sonora sconfitta elettorale: non solo non arriverà il mio voto, che vale nulla, 1 voto, ma perderanno quello di altri milioni di ex elettori, già scossi dalla vicenda dei giochetti fiscali di Mediaset. Se invece stracceranno le loro dimissioni avranno perso inutilmente la faccia: salveranno il governo, ma perderanno credibilità. La soluzione? Tanto per cominciare: silenziare a tempo indeterminato almeno Santanché e Brunetta, nonché “oscurare” AlfaNO, sostituendolo finalmente con un personaggio più credibile e capace alla segreteria del partito.

bruno49

Ven, 27/09/2013 - 11:21

Premesso che non credo affatto alle dimissioni ventilate, ma nella denegata ipotesi che lo facciano (poi Berlusconi vi deve pagare le indennità che perdereste e la quota del vitalizio che non prenderete), vi rendete conto che sono stati al governo per più di dieci anni su dodici, da soli o in compagnia, e non hanno combinato niente di niente? E adesso che l'Italia ha qualche possibilità di riprendersi, la fanno crollare? E tutti i sacrifici degli Italiani andranno in fumo? Vergognatevi! Grillo FA il pagliaccio ma è molto più serio di loro che SONO pagliacci pericolosi. E ancora c'è chi li vota!

liberalone

Ven, 27/09/2013 - 11:22

Ma il Senatore Silvio Berlusconi le ha firmate le proprie dimissioni?

bruno49

Ven, 27/09/2013 - 11:22

Non si dimetteranno perché tutti i sondaggi dicono che la maggioranza gli elettori del PDL non vuole la crisi di Governo

Ritratto di cesare.quattrini

cesare.quattrini

Ven, 27/09/2013 - 11:23

Si stà giocando una partita decisiva piena di interrogativi, soprattutto con le dimissioni annunciate, e ,a questo punto forse, per forza presentate.in questo momento una crisi di governo è un salto nel buio.Se Napolitano trova un'altra maggioranza , cosa possibile aritmeticamente, imbarcando un pò di senatori 5 stelle, il centro dx si fa un autogol. Si rivota? con questa legge elettorale?Forse alla sinistra conviene perchè se elimina Berlusconi dalla prima linea di combattimento ( non so che effetto potranno avere i suoi video-messaggi, altro il cdx non ha,e lui non è un uomo-web)) avrà la maggioranza anche al senato, dove ha già il vantaggio dei senatori a vita. Quindi?il CDX+ Lega devono riuscire a far passare al paese il messaggio che veramente la legge Severino potrebbe non essere retroattiva e che si deve,che ne vale la pena, aspettare il giudizio della Corte Europea e che si sta perpetrando una INGIUSTIZIA SOMMARIA. Deve risvegliare l'opinione pubblica non di sinistra . Obiettivamente, se vince la sinistra,credo che avremo al governo un pollaio con tanti galli, e un fosco avvenire.Che sarà se si sommano le divisioni attuali del PD( che senza l'antiberlusconismo che fa loro da collante probabilmente si spaccherà) + Vendola+Grillo+ No Tav+ No Tutto della CGIL? Casini, Monti ( e anche i Fratellini D'italia) se ci siete battete un colpo.Non fate i Pilato della partita. Altrimenti potreste finire nel dimenticatoio dell'inutilità.

boffodocet

Ven, 27/09/2013 - 11:32

Esistono volatili che possiedono uno splendido piumaggio e volano alto nel cielo e altri, che pur essendo uccelli, non appartengono al mondo dei pennuti; ecco i firmatari del PDL si inquadrano in questa seconda categoria.

bruno49

Ven, 27/09/2013 - 11:34

Lazzaro Perciballi: Lei ha scritto "Vai cosi mi piacete dimissioni di massa,e non retrocedete di un millimetro. Davanti a questi strafottenti inconpetenti e inconcludenti compagni,serve un gesto forte e fargli capire che noi a differenza di l'oro,noi il nostro leader lo amiamo e rispettiamo perche consapevoli della sua innocenza. Ma impari a scrivere! 1) "così" e "perché" si scrivono con l'accento 2)"incompetenti" si scrive con la "m" 3)"loro" si scrive senza apostrofo altrimenti significa il metallo prezioso 4) non si dice "fargli capire" ma "far capire loro" 5) dopo "vai così" ci vuole almeno una virgola o due punti 6) "Noi" ripetuto due volte nella stessa frase, è sbagliato. Torni in seconda elementare!

boffodocet

Ven, 27/09/2013 - 11:36

Ma la Pitonessa è quella della barzelletta? Ah, ecco si spiegano molte cose.

rokko

Ven, 27/09/2013 - 11:40

sekhmet, mi scusi quello che scrive lei e quello che ho scritto io sono due facce della stessa medaglia. La Costituzione, come giustamente dice lei, nell'articolo 67 sancisce che non esiste vincolo di mandato, nel senso che l'eletto non ha alcun vincolo giuridico nei confronti dei suoi elettori, che potranno "controllare" l'eletto solo nella forma principe prevista dalla Costituziione, ovvero votandolo di nuovo o non votandolo più alle successive elezioni. Tuttavia, questo significa automaticamente che l'eletto non deve avere "vincolo di mandato" nemmeno verso il suo gruppo politico o partito, altrimenti sarebbe di fatto un "mandato" vero e proprio anche verso i suoi elettori. Ciò si traduce appunto nei regolamenti delle due camere, che di fatto vietano dimissioni in blocco su indicazione del partito. Intendiamoci però: i parlamentari del PdL non violano la costituzione se si dimettono in blocco, la violano nel momento in cui consegnano le dimissioni in bianco al capogruppo della camera di appartenenza, in quanto di fatto danno facoltà a quest'ultimo di esercitare il vincolo di mandato. Non so se mi sono spiegato; in questo senso, quando i parlamentari votano in modo unanime un provvedimento non violano alcun non-vincolo di mandato, semplicemente sono tutti d'accordo, in autonomia. Lo violerebbero se dessero al capogruppo una sorta di "delega in bianco" a votare come dice il partito.

Pinozzo

Ven, 27/09/2013 - 11:46

Buffoni! Non si dimetteranno mai.

Pinozzo

Ven, 27/09/2013 - 11:47

Buffoni! Non si dimetteranno mai.

arnaldo40

Ven, 27/09/2013 - 11:52

Ma quanto odio scorre nelle vene senza sangue dei sinistri. Non si é mai visto fare una battaglia cosi acerrima contro un capo di un partito politico. Dire odio é poco. Questa gentucola perché non si interessa dei vari Penati, Lusi ed altri bei tomi della sinistra che hanno le mani intrise di truffe, di maleaffari. Perché non dicono niente nei confronti di De Benedetti? oltre 250 milioni di evasione. Centrale elettrica, sempre del De Benedetti, che ha prodotto eltre 1200 casi di cancro? Perché non vi fate sentire? Eh no!! lui é di sinistra. Sinistri, la resa dei conti si avvicina sempre di piú. Avete imbrattato l'Italia.

dukestir

Ven, 27/09/2013 - 11:53

Adesso le chiamate "lettere di addio" - mi fate scompisciare...

James Cook

Ven, 27/09/2013 - 12:04

Le dimissioni vanno firmate e indirizzate al presidente Grasso! dal film "il grande bluff" regia di silvio berlusconi, premiato come il più abberrante spettacolo italiano, Oscar della repubblica delle banane!

bruno49

Ven, 27/09/2013 - 12:15

arnaldo40: vede, fra Penati e Lusi che avrebbero commesso dei reati gravissimi, e Berlusconi che ha fatto lo stesso, c'è questa piccola differenza. I primi non si sono opposti al loro destino, Berlusconi invece sta trascinando l'Italia in una paralisi infinita, dannosissima per gli Italiani onesti che hanno fatto enormi sacrifici per salvarla, pur di opporsi al suo giusto destino.

Pinozzo

Ven, 27/09/2013 - 12:20

Neanche nel dare le dimissioni sanno agire con dignita'. Pagliacci!

roberto78

Ven, 27/09/2013 - 12:23

in confronto a questa iniziativa, l'idea di letta di richiedere la fiducia è assolutamente più trasparente e onesta. (e lì casca l'asino ... perchè il pdl è completamente spaccato)

Rossana Rossi

Ven, 27/09/2013 - 12:31

Forza Silvio, mandali tutti a casa..........

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 27/09/2013 - 13:03

A questa buffonata risponderei con la farsa. L'accettazione delle dimissioni, come già prospettato da qualcuno, secondo la legge del contrappasso. La Santanchè è pronta ad immolarsi in maniera convinta? Dimissioni respinte. Razzi ha firmato ma sta già piangendo perchè Berlusconi non gli ha ancora dato un euro e lui non può pagare il mutuo? Dimissioni accettate. Capezzone e Verdini? Respinte. Quagliariello (forse..non si sa) e Scilipoti? Accettate. Se farsa deve essere che sia almeno divertente.

bruno.amoroso

Ven, 27/09/2013 - 13:06

il pdl sta finalmente rivelando la sua natura di partito EVERSIVO nato per difendere gli interessi di una sola persona. Far cadere il Governo è un atto di puro terrorismo, serve stabilità in questo Paese. E a rimetterci siamo noi tutti, inclusi i bananas

giovanni951

Ven, 27/09/2013 - 13:10

avete firmato? ecco, adesso sparatevi in modo di fare una cosa buona e giuta. Il perché dico cosí dovreste riuscire a capirlo. Siete penosi ed ignoranti. PS: non sono certo di sx

moichiodi

Ven, 27/09/2013 - 14:17

il giorno dei falchi-tortora: perchè non dimissioni al presidente di senato e camera? perchè non dimissioni dal governo? perchè non ritiro fiducia? strani ghirigori che vanno avanti da due mesi.

Anna H.

Ven, 27/09/2013 - 14:43

Come se io mi dimettessi consegnando la mia lettera di dimissioni alla signora delle pulizie. Ignoranza delle regole istituzionali o paraculismo gianburraschesco?

bruna.amorosi

Ven, 27/09/2013 - 14:44

BRUNO AMOROSO e...chissenefrega non ce lo metti ? lo hanno fatto per 20 anni le sinistre adesso è doveroso che lo faccia la destra .tanto niente farebbe lo stesso .i soldi per fare qualcosa sono finiti .

moichiodi

Ven, 27/09/2013 - 14:51

I deputati di Forza Italia sottoscrivono le lettere di ADDIO. cuomo, se la sente brunetta cicchitto verdini e altri ferrivecchi!. quelli vogliono tornare ancora in parlamento!

Antonio43

Ven, 27/09/2013 - 14:52

Berlusca può fare una cosa sola di buono in questo frangente. Invece di farsi dimettere perchè condannato, si dimetta lui volontariamente. Dica ai suoi guitti Santanchè, Alfano, Bondi, quello cretino, quello che è arrivato addirittura alla carica di presidente del senato, non ricordo il nome perchè ogni volta che appare in TV penso sempre, questo è cretino, deve dunque dire a questi cagnolini che devono tacere, che non ha bisogno di loro, che si trovino un altro leader, perchè il Berlusca è un leader solo che è un "pò" compromesso e adesso l'hanno incastrato. Con i guai che l'Italia deve affrontare il Berlusca si deve togliere di mezzo, lui è straricco, noi dobbiamo mettere insieme il pranzo con la cena se va bene. E' vecchio, ha fatto una gran vita, però con le amicizie che aveva, Lavitola, Tarantini, Mangano e chissà chi altri, lo doveva prevedere che l'avrebbero messo nei guai. La diciottenne napoletana, Ruby e tutte quelle bombardone che frequentavano la sua casa, Lele Mora, Fede. Ma dai Silvio come cacchio abbiamo fatto a votarti in così tanti! Sei stati sostenuto per tutto questo tempo, adesso fatti la condanna dei quattro anni, poi ti arriveranno le altre. Ti potrai togliere la soddisfazione del gesto dell'ombrello verso certa magistratura, perchè non riusciranno a fartele scontare tutte... sette anni Ruby, quattro anni per le tasse, un altra decina te le becchi tra Napoli, Bari, qualcosa ti arriverà ancora da Milano, sono più di venti anni, pensi davvero di poter superare i cento anni? E poi considera che se tu ti fossi dimesso volontariamente, tutti dovevano ammettere il bel gesto fatto in un momento in cui l'Italia non si può permettere di perdere tempo dietro alla tue beghe. Adesso Silvio vai, vai al diavolo!

Antonio43

Ven, 27/09/2013 - 14:57

Lenin ma dove l'hai vista mai una bottiglia di Barolo? Poi del '68, in mano ad uno come te, manco più aceto sarà!

salvatore randieri

Ven, 27/09/2013 - 15:05

BRAVI! LA DIGNITÀ' INNANZI TUTTO. FACCIAMO VEDERE A QUESTI FARABUTTI BOLSCEVICHI E STALINISTI CHE L' ITALIA E' E DEVE RIMANERE UN PAESE LIBERO E DEMOCRATICO. CHI NON CI VUOLE STARE ESPATRII IN COREA DEL NORD. LI SI TROVERÀ' BENISSIMO PERCHÉ' TRA SUOI SIMILI. EPIFANI L' INVITO E' RIVOLTO ANCHE A TE.

Joe

Ven, 27/09/2013 - 15:44

@bruno49: una persona non può esprimere il proprio parere anche se incorre in alcuni errori? Solo gli "intellettuali " di sinistra (quelli saputelli) non sbagliano mai! Peccato però che, questi ultimi, commettano un errore grosso come una casa e non se ne accorgono nemmeno: pretendono di essere superiori a tutti quelli che la pensano diversamente da loro e li mettono immediatamente alla gogna!!!!!

Joe

Ven, 27/09/2013 - 16:28

@bruno49: una persona non può esprimere il proprio parere anche se incorre in alcuni errori? Solo gli "intellettuali " di sinistra (quelli saputelli) non sbagliano mai! Peccato però che, questi ultimi, commettano un errore grosso come una casa e non se ne accorgano nemmeno: pretendono di essere superiori a tutti quelli che la pensano diversamente da loro e li mettono immediatamente alla gogna!!!!!

pinux3

Ven, 27/09/2013 - 19:21

Ma non lo sapete, cari berluscones, che le dimissioni presentate ai capigruppo dal punto di vista legale NON VALGONO NIENTE? Perchè non le presentate AI PRESIDENTI DELLE CAMERE, come previsto dalla legge, così vi ritroverete in Parlamento rappresentati da 200 "traditori" (che non rinunceranno certo a 20000 euro al mese di stipendio per la bella faccia di Silvio...). Voi sì che siete degli "sparvieri", come diceva quello là...Ahahahah...