Giovanna, la professoressa pronta ad aiutare tutti La vittima

Piangono e non riescono a darsi pace le amiche di Giovanna Nobile, la docente di religione uccisa da un bidello, mentre presidiano la camera mortuaria dell'ospedale «Guzzardi» di Vittoria. «Non è possibile che Gianna non ci sia più - dice Nicoletta Messina - perchè con lei abbiamo vissuto le gioie più belle della vita. Era una donna e una dcente inmpeccabile, sempre pronta ad aiutare tutti. Dai banchi di scuola sino al giorno del matrimonio e alla nascita dei figli. Proprio due giorni fa aveva celebrato il suo trentaduesimo anniversario di matrimonio. Una famiglia affiatata che aveva un grande amore per i due figli Chiara e Andrea. Proprio un mese fa era diventata nonna di un bel nipote ed era felice di questa nascita». L'amica dice di non averla vista preoccupata negli ultimi giorni: «Era solare e dal suo atteggiamento non traspariva alcuna preoccupazione per presunti cattivi rapporti col bidello». Patrizia Nifosì, altra amica della vittima, è addolorata: «È tutto assurdo».