Giustizia, giochetti Pd sulla condanna del Cav

Frenate sospette sulla riforma della giustizia: per non essere accusati di favorire il leader del Pdl, i democratici fanno retromarcia

Roma - Modificare la Costituzione anche nella parte sulla giustizia (il titolo IV)? «Non è un tabù» dice la senatrice Pd, e magistrato, Doris Lo Moro, membro della Commissione Affari Costituzionali dove si è consumato il cosiddetto «blitz» del Pdl per «riformare la magistratura» (Repubblica). Cos'è successo davvero in quell'aula di Palazzo Madama? Settimana scorsa (il 19 e il 20 giugno), quando i berlusconiani in Commissione hanno proposto di intervenire anche sulla parte della Costituzione che riguarda il Csm, dal Pd non è arrivato nessun allarme e nessuna denuncia di colpi di mano sulla giustizia. Tra la discussione generale e la presentazione degli emendamenti veri e propri, però, ci si è messa la sentenza Ruby, il clima è cambiato, la pressione psicologica sul Pd alleato del «Caimano sfruttatore di minorenni» è schizzata alle stelle e ogni accenno alla questione giustizia da parte del Pdl è diventato incandescente. Ecco spiegata la canea mediatica.
Eppure, ad aprire all'ipotesi di una riforma della Costituzione anche negli articoli che riguardano la Consulta e l'organo di autogoverno dei magistrati, non c'è solo l'emendamento incriminato, cioè quello del senatore Pdl Donato Bruno. Altri due emendamenti non escludono il medesimo scenario. E sono a firma Pd. Il primo, della Finocchiaro, prevede la possibilità di «modificazioni e integrazioni a disposizioni della Costituzione» anche diverse da quelle previste inizialmente, sulla forma di governo. Il secondo, della senatrice Pd Lo Moro, dice lo stesso, cioè che «qualora sia necessario ad assicurare la coerenza dei progetti approvati, si possono esaminare articoli contenuti in altri Titoli della Costituzione», come appunto il famoso Titolo IV (La magistratura). Il motivo è semplice, e lo spiega lo stesso senatore Pdl, Bruno: «Se si va verso una riforma presidenzialista, va rivista anche la guida del Csm che spetta al presidente della Repubblica e sulla Consulta, i cui membri, per un terzo, sono nominati dal Capo dello Stato. Che facciamo, non li tocchiamo?». La forma però non è indifferente. Il Pd, a differenza del Pdl nei suoi emendamenti specifica e sottolinea ripetutamente che le eventuali modifiche ad altri parti della Costituzione devono essere «strettamente connesse» alle modifiche sulla forma del governo. In altre parole: si toccano Csm e Consulta solo se passa il presidenzialismo, non si dà carta bianca alla politica per mettere mano alla giustizia. «La formulazione del Pdl, che apre a modifiche di tutta la seconda parte della Costituzione, è troppo ampia e suscettibile di blitz: inaccettabile» spiega la senatrice Lo Moro. Corradino Mineo, ala sinistra Pd, non chiude le porte: «Il presidenzialismo è ancora tutto da discutere, ma certo se si andasse in quella direzione bisognerebbe intervenire anche sugli articoli del Titolo IV, è evidente che il capo del governo non può essere anche capo del Csm o nominare i giudici della Consulta». La posizione del Pd è risultato di un calcolo politico-elettorale: sa che la riforma della giustizia è indispensabile, ma farla col Pdl del nemico Berlusconi avrebbe un prezzo politico troppo alto, con la base antiberlusconiana che accuserebbe i vertici di inciuciare col Caimano. Ergo: via la giustizia dalle riforme costituzionali. Un «errore da matita blu escluderla», secondo la Radicale Rita Bernardini: «I “riformatori de 'noantri” non pensano alle riforme che sono necessarie al Paese; tra un po' non sarà più possibile pensare alla riforma della Giustizia senza essere tacciati di filo-berlusconismo».

Commenti

guidode.zolt

Sab, 29/06/2013 - 08:53

Il pd non ha alcun interesse a metter mano ad una giustizia che difende i suoi seguaci menando fendenti a destra e poi a destra, ne parlano perchè si sono dati il nomignolo di democratici, tutto lì! è solo un atteggiamento di facciata, altrimenti si vanifica l'operazione, di marca russa, pianificata negli anni '70, per conquistare il potere mediante la magistratura!

cgf

Sab, 29/06/2013 - 09:14

Gl'investitori stranieri [ed italiani] scappano dal Bel Paese perché non c'è certezza di giudizio e questi preferiscono la poltrona....

cicero08

Sab, 29/06/2013 - 09:46

L unica riforma immediata e possibile è stata la possibilità di introdurre il principio della responsabilità personale dei giudici. Principio di civiltà giuridica che Berlusconi ha omesso di far passare quando in Parlamento aveva a disposizione maggioranze bulgare. E' una cosa che dovrebbe far riflettere tutti coloro che hanno portato il cervello all'ammasso.

paci.augusto

Sab, 29/06/2013 - 09:57

Ci sarebbe da meravigliarsi del contrario! Infatti, questi cialtroni di togati politicizzati sono fiancheggiatori dei compagni e sono stati infiltrati in magistratura proprio per colpire gli avversari del loro partito! Vero compagni??!!

sax_

Sab, 29/06/2013 - 09:59

Per la sinistra in italia non funziona niente...solo la magistratura è rimasta a tenere alto l'onore dell'Italia!! Però va detto che Berlusconi è privilegiato i suoi processi durano 1 anno,il mio per una questione di confine 8 anni!! E' proprio vero non siamo tutti uguali davanti alla legge...

Totonno58

Sab, 29/06/2013 - 10:09

La riforma della giustizia rimane al palo....PER FORTUNA!

cicero08

Sab, 29/06/2013 - 10:14

Gma come si fa a parlare così di una giustizia che rischia di far saltare addirittura lo IOR?

cicero08

Sab, 29/06/2013 - 10:40

I soliti, zelanti, servfi sciocchi cercano di tener adeguatamente nascosta una verità incontestabile che dovrebbe far riflettere chi si danna l'anima in tentativi, a volte grotteschi, a difesa del proprio leader pluricondannato. L'unica riforma possibile ed immediata era ed è l'introduzione del principio della responsabilità personale dei magistrati. Eppure non è mai stata varata anche quando chi oggi si lamenta disponeva in Parlamento di maggioranze bulgare...

Ritratto di enzo33

enzo33

Sab, 29/06/2013 - 10:48

"GIUSTIZIA" Prerogativa, accordata da Dio agli uomini. Gli animali che non hanno avuto iN sorte questo dono, si divorano tra loro. Ecco allora che quando gli uomini si fanno torto tra di loro, dovrebbero scontare la pena, ma tutto questo in Italia non avviene quasi mai, arrivando così al paradosso che per rispettare la giustizia bisogna infrangerla, e se non fosse una negazione l'idea della solidarietà della colpa, bisognerebbe proprio citarli in giudizio tanti magistrati con l'accusa di istigazione a delinquere. (RIFORMA DELLA GIUSTIZIA, ADESSO, SUBITO, SENZA PORRE ALTRO TEMPO IN MEZZO)

cast49

Sab, 29/06/2013 - 11:00

non so se il pd ha più paura che Berlusconi se la cavi o ha il timore di essere sotto le forche caudine della magistratura.

Ritratto di drazen

drazen

Sab, 29/06/2013 - 11:00

La riforma della Costituzione deve essere completa e, soprattutto, ben coordinata in tutte le sue parti (compreso il Titolo IV), in modo da evitare i pasticci combinati in passato, sia con la riforma del Titolo V - dalla sinistra, a maggioranza di 4 voti!) - sia eliminando l'immunità (per paura di Tangentopoli!). I pesi e contrappesi devono esserci e ben ponderati: se si passa al semipresidenzialismo alla francese deve esserci anche, come in Francia, il vincolo politico della magistratura, che lì dipende (in tutti i sensi) dal Ministro della Giustizia. In un Paese serio questa è la via: senza una organizzazione gerarchica si va al caos e all'anarchia, dove tutti fanno quello che vogliono, come la magistratura italiana, col risultato di avere milioni di processi, civili e penali, pendenti. E bisogna poi ricorrere ai volontari, ai Carabinieri o ai freschi di laurea per smaltire il lavoro che i signori magistrati non fanno, in quanto occupati in politica, in processi politici, in processi tra loro, nella presenza a congressi, a presentazione di libri e chi ne ha più ne metta, pur di non lavorare, senza paura nè di essere censurati nè di dover pagare per i loro errori. Quindi: separazione delle carriere, ordinamento gerachico stretto, ridando potere disciplinare di prima battuta ai gradi maggiori, togliere al CSM quella di seconda battuta affinchè i magistrati non si giudichino tra loro e, infine, riduzione per legge delle attribuziooni delle associazioni di magistrati, che devono essere, come sono, solo organismi sindacali.

Ritratto di mina2612

mina2612

Sab, 29/06/2013 - 11:02

..e che cosa importa al PD della riforma della giustizia dal momento che la gran parte della giustizia è dalla loro parte? Dovrebbero essere quei magistrati non appartenenti alla magistratura democratica a pretenderla, sta benedetta riforma, dal momento che ne va anche del loro buon nome!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 29/06/2013 - 11:02

Che scoperta,la magistratura e' il nuovo braccio armato del pd.

cast49

Sab, 29/06/2013 - 11:05

se il pd è onesto come dice di essere, non deve preoccuparsi se si riforma la giustizia, la riforma la vogliono in tantissimi, segno evidente che qualcosa non funziona, ma siccome è coccolato dai magistrati tenta di mandare tutto a puttane

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 29/06/2013 - 11:09

i soliti metodi mafiosi dei comunisti: giustizia ad personam, attacchi ad personam, insulti ad personam, odio ad personam! comunisti con vergogna e con disonore!

bastardo

Sab, 29/06/2013 - 11:15

CIALTRONE I TOGATI HANNO DECISO,COLPEVOLE!!!!!IN GALERA E SUBITO!!!!! porco!!!!!

Ritratto di pipporm

pipporm

Sab, 29/06/2013 - 11:22

Gli investitori stranieri non verranno in Italia finchè Berlusconi non andrà in gattabuia!! Solo così avranno certezza che i reati vengono condannati

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Sab, 29/06/2013 - 11:28

Nessuna riforma della giustizia. I capisaldi della Costituzione, che è il gradino più alto di ogni giustizia, si riformano con i referendum o nulla.

rino biricchino

Sab, 29/06/2013 - 11:40

L' ho gia detto parecchie volte: Purtroppo Berlusconi ha vizato il pensiero italiano. Torneremo ad una sana, 'normale' dialettica politica solo quando egli uscira definitivamente dalla scena.

ferry1

Sab, 29/06/2013 - 11:44

cicero08 questa giustizia farà anche saltare lo IOR ma copre molto bene il MPS.Nessuna indiscrezione e nessuna fuga di notizie contrariamente ad altri processi(vedi Ruby ed altro)

ferry1

Sab, 29/06/2013 - 11:53

parole sante quelle della radicale Rita Bernardini infatti fra un po non si potra più parlare di riforma della giustizia senza passare per berlusconiani dimenticando che tutti si devono preoccupare per questa magistratura Onnipotente; e come cittadini esigere : legge uguale per tutti anche per i magistrati ;chi sbaglia paghi- indipendenza della magistratura ma non autoreferenzialità della stessa- accusa e difesa sullo stesso piano- obbligo della accusa a PROVARE le accuse,vorrei sentire prove nei dibattimenti non teoremi - nessuno deve essere obbligato a provare la propria innocenza – le intercettazioni ambientali devono essere segregate e non valere come prova ma ausilio alla ricerca delle prove. Molti di questi principi sono codificati da leggi esistenti che mi pare ultimamente siano disattese.Le leggi si applicano non si interpretano.

unosolo

Sab, 29/06/2013 - 11:57

nessuna novità sappiamo quanti anni hanno impiegato per impadronirsi dei vertici ed ora certamente non vogliono perdere quella conquista dei sessantottini , peccato che non abbiamo chi controlla il controllore , insabbiature create ad arte ed altri processi solo perche doveva sapere , rimborsi forzati tanto per intaccare patrimoni , insomma il potere è potere , ma fino a quando .Non ci sarà mai una seria maggioranza che vorrà togliere quel potere .Le tasse salgono più dei stipendi che si sono creati , noi paghiamo per non avere i servizi che meritiamo.

beep

Sab, 29/06/2013 - 12:18

foto di magistrato duro e puro !!!!!!!!!!!!

apostata

Sab, 29/06/2013 - 12:32

occorre ristabilire il primato della politica

cicero08

Sab, 29/06/2013 - 12:51

ferry1: ma a parte la Bernardini de Pace qui trova ben due miei post che addirittura puntano l dito contro che, pur avendo dalla sua la forza dei numeri, si è rifiutato di introdurre il principio della responsabilità diettamente in capo ai giudici che dovessero sbagliare. E poi, invece di questo, lei mi parla del Monte Paschi la cui vicenda giudiziaria ha già prodotto parecchi danni a carico di Mussari e soci. A meno che non volesse riferirsi al MPS come la banca cui il leader del PDL deve tutta la sua fortuna...

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Sab, 29/06/2013 - 12:55

'sta Finocchiaro è brutta fuori e ancor più brutta dentro.

@ollel63

Sab, 29/06/2013 - 12:57

questo si chiama "concorso esterno... in associazione con la magistratura"

squalotigre

Sab, 29/06/2013 - 13:05

bastardo- LEI è UN PERFETTO IDIOTA. In galera e subito dovrebbero spedire i deficienti come lei. Ha mai sentito parlare di presunzione di innocenza fino all'ultimo grado di giudizio? Eppure la Costituzione lo dice espressamente. Ma lei non capisce nemmeno i fumetti, cosa blatera di galera. A quegli altri idioti che farneticano di onore dell'Italia salvata dalla magistratura perché non guardano le classifiche mondiali che classificano la giustizia italiana negli ultimi posti mondiali dopo Congo e Burundi. Le imprese straniere se ne guardano bene dall'investire in Italia perché le cause civili durano 20 anni; per i processi penali la Corte dei diritti dell'uomo non so quanti procedimenti ha intentato all'Italia per denegata giustizia. Naturalmente la colpa è di Silvio e non di una casta di fancazzisti che non pagano mai per i loro errori perché unici al mondo sono Irresponsabili per definizione. Di che cavolo parlate? Ma quali sostanze assumete? Fate orrore, ribrezzo e per leggervi c'è bisogno di avere a portata di mano un potente antiemetico.

Sylvie forever

Sab, 29/06/2013 - 13:07

Io credevo di essere il piu' grande anticomunista... Invece devo ammettere che mortimerhouse mi batte :-) :-)

swiller

Sab, 29/06/2013 - 13:25

Ma come potete sperare nella riforma della giustizia da parte del PD è lui che pilota la magistratura.

benny.manocchia

Sab, 29/06/2013 - 13:40

Bisogna insistere con forza sul MPS. Come mai i giornali di sinistra non ne parlano? Che cosa e' successo? Davvero i komunisti credono di poterla fare franca e mettere nel cestino del dimenticatoio il caso MPS? E inoltre:davvero i komunisti pensano che milioni di italiani lasceranno che un paio di racchie con toghe rosse,manderanno Berlusconi in galera? Da qui si capisce la piccolezza delle menti bolsceviche.Chi viva' vedra' e...bella ciao. Un italiano in USA

Ritratto di Chichi

Chichi

Sab, 29/06/2013 - 13:58

Che notizia! Ma piantatela una buona volta. Berlusconi fa bene a mantenere la calma, cercando di portare a casa per gli italiani qualcosa di buono economicamente, anche se poco. E ha quasi completato un suo capolavoro: ha fatto venire allo scoperto i magistrati; solo chi ha interesse a far finta di non vedere, continua a mostrare stima per una casta senza dignità e senza onore. Sta mettendo a nudo le vere intenzioni del PD. Anche il nostro Re lo spogliarello lo sta facendo in fretta. E' ormai quasi nudo. E allora, ecco la vera notizia, ma la sapiamo quasi tutti da molto tempo: In PD non si priverà della sua manovalanza per il lavoro sporco, finché con essa potrà continuare a vincere qualche battaglia. La guerra l'hanno già persa da molto. Grazie al Cavaliere, è pronta anche la pietra con scritto "suicidi", che li seppellirà nell'oblio.

Lino1234

Sab, 29/06/2013 - 16:36

Cosa ne facciamo, virtualmente, dei seguenti veterocomunisti trinariciuti che altro non sanno fare che abbaiare contro il nostro Presidente Berlusconi : #bastardi, pipporm, luigipiso e rino biricchino ? Io propongo di "cessarli", virtualmente, s'intende, nel senso di gettarli nel nel cesso dei ricordi osceni. Saluti. Lino - W Silvio.