Il governo dei mangiasoldi

Se le slot non ren­dessero, non sarebbero tanto dif­fuse. Il dramma è che rendono ai soliti ignoti e spennano i soliti fes­si

Abbiamo seguito appassionatamente la questione delle slot-machine, con le sue varie implicazioni perfino politiche, e ci siamo persuasi di essere di fronte a un dilemma: sono più stupidi coloro che giocano con i mostriciattoli meccanici o è più stupido lo Stato che premia gli enti locali sfruttatori di allocchi dediti all'azzardo?
Per capire, bisogna analizzare bene il problema. Si dà il caso che le macchinette di cui discettiamo, attive in parecchi locali pubblici, siano programmate per ingrassare chi le distribuisce e chi le gestisce. Ovvio. Altrimenti nessuno avrebbe interesse a costruirle né a piazzarle nel proprio esercizio (bar e roba simile) né a farle funzionare come diavolo comanda. In una parola, non esisterebbero.

Non lo diciamo perché siamo anticapitalisti, antiliberisti e contrari all'iniziativa privata. Figuriamoci. Siamo lontani mille miglia anche dai moralisti che considerano il gioco una maledizione. Ciascuno sia padrone della propria vita, della propria tasca e perfino della propria imbecillità.

Ma la verità non si può ignorare. Ripetiamo. Se le slot non rendessero, non sarebbero tanto diffuse. Il dramma è che rendono ai soliti ignoti e spennano i soliti fessi. I soliti noti guadagnano molto e hanno i mezzi per «comprarsi» politici, per cui campano alla grande e arricchiscono con ritmo ognor crescente; mentre i soliti fessi seguitano a foraggiare le dannate macchinette, non rendendosi conto che si fanno prendere in giro con un'ingenuità che rasenta l'idiozia.

La lotta fra un congegno tecnologico, costruito apposta per fottere chi lo sfida, e chi tale sfida accetta è impari. È predeterminato il fatto che il primo vinca sempre e che il secondo perda.

Il giocatore tuttavia non si arrende alla logica e neppure all'evidenza e continua imperterrito a gettare soldi nella pancia delle slot, sperando nel miracolo - che raramente si verifica - di guadagnare. L'azzardo è una malattia del cervello - non serve scomodare Dostoevskij - e pertanto difficile da curare, ma non impossibile. Qualche «iniezione» di razionalità aiuta non dico a guarire ma almeno a migliorare. Assai utile sarebbe anche un minimo di educazione impartita dallo Stato, il quale invece è impegnatissimo - tramite il governo in carica, tra i più stolti della storia repubblicana - a fare il contrario, ovvero a incentivare il gioco, da cui trae benefici sotto forma di (ridotti) introiti fiscali.

Tanto è vero che ha castigato le Regioni severe nel frenare la dipendenza dal gioco, mentre è di manica larga con quelle che lo incentivano, alle quali riserva agevolazioni finanziarie.

Di questo si tratta. Si fatica a crederlo, ma è la realtà. Dalla quale si evince che i responsabili della cosa pubblica o sono più cretini dei giocatori o sono dei criminali. Tertium non datur.

Commenti

Gianfranco Rebesani

Sab, 21/12/2013 - 09:33

Sono dei criminali che vedono coperte le loro, a volte losche, attività dal politico di turno.Il "RE" era e forse lo è ancora, un tizio che ospitava ai Caraibi Fini & aggregati. Lo Stato, non nel senso lato della parola, ma formato da ben individuabili politici,riduce un maxirisarcimento di circa 90 miliardi ( avete letto bene: novanta miliardi) in pochi spiccioli : seicento milioni che attualmente i lorsignri devono ancora pagare, fottendosene del provvedimento; con Equitalia che in questo caso è latitante da ogni iniziativa volta a recuperare almeno queste briciole. Mi rincresce per Capezzone che in un'intervista, forse ingenuamente (?) risponde a chi gli chiedeva conto di questa "riduzione" megagalattica con il vecchio detto che recita : Piuttosto di niente è meglio il piuttosto. Vero. Ma lo Stato ai comuni mortali non lo applica. Le "Slot" dovrebbero essere controllate dalla Guardia di Finanza per verificarne almeno la regolarità di funzionamento; ma questa, certamente per ordini supriori, tralascia di controllare una metastasi evidente per spulcia gli scontrini ,rovinando luoghi turistici,a quattro ricchi che, anche se possibili evasori,non rovinano famiglie; non certamente il piccolo commerciante che per sopravvivere cerca di evadere quei pochi spiccioli che non arriveranno mai ai 90 miliardi. E faccia di tolla, pardon, di Letta, ci viene a dire di non essere babbo Natale.Per noi poveri contribuenti.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 21/12/2013 - 10:14

Il governo Napolitano, il piccolo Letta e il precedente prof. Monti hanno la "credibilità" di parafulmini, il Lettino dicevo, da una parte vuole eliminare il contante, ma in pratica ne incoraggia l'uso e l'abuso. Diagnosi: Schizofrenia democratica evidenziata sul Lettino psichiatrico.

Ritratto di ersola

ersola

Sab, 21/12/2013 - 17:03

allora presumo che molti commentatori di questo blog giocano alle slot.

glendale

Sab, 21/12/2013 - 17:06

Questo goverono fa schifo in tutti I sensi!!! SPERIAMO CHE SI VADA SUBITO ALLE ELEZIONI E CHE VINCA IL PARTITO DEGLI ONESTI CIOE" QUELLO DI BERLUSCONI E SCOMPAIANO TUTTI I PARTITI TIPO QUELLO DI FINI ECC ECC

meverix

Sab, 21/12/2013 - 17:10

Se hanno punito gli enti che le contrastavano vuole dire che la lobby delle slot è molto forte e spostata verso sinistra, altrimenti l'attuale governo non avrebbe approvato una cosa del genere e Bella Napoli avrebbe fatto un intervento a reti unificate per demonizzare questi giochi.

linoalo1

Sab, 21/12/2013 - 17:16

Si,è vero che le slot spennano i soliti fessi!Ne più ne meno di un qualsiasi altro gioco!Se io voglio andare a puttane,pur sapendo irischi che corro!Perchè non posso andarci se ci sono?Cosa vuol dire?Che bisogna eliminare il Casinò di Venezia e tutti gli altri sparsi in Italia?Ma,fatemi il piacere!Se io,voglio gettare via i miei soldi,e dico i miei,sarò libero di farlo come più mi piace?O no?Anche qui,si devono mettere di mezzo isoliti moralisti?Che vadano a vivere in un convento,lontano dalle tentazioni e dai peccati!La Vita è bella solo se la rendi tale con qualche peccatuccio!Altrimenti,quando muori,ti ricorderai,purtroppo,solo di una vitta piatta!E,poichè,la vita è una sola,perchè sprecarla nella monotonia quotidiana?Quindi,lasciateci peccare in pace!Lino.

Cosean

Sab, 21/12/2013 - 17:34

Il Governo dei mangiasoldi... per riparare ai governi che sprecavano, senza mangiare soldi! (Ma mangiavano tanti voti)

Giorgio5819

Sab, 21/12/2013 - 17:55

Manovra di stabilita' del PD, degli accoliti del PD, delle mummie del PD, della tessera numero 1 del PD, ammesso che in Italia un giorno si torni a votare ricordatevelo.

cicero08

Sab, 21/12/2013 - 18:02

Questi tentano ddeplorevolmente di approfittarne. Va bene, ma chi ha fatto in modo di farle affermare e consolidare al punto che sembra che le finanze pubbliche non riescano a farne a meno? E ricordiamo i favori che i soliti ignoti hanno ricevuto in un periodo recente quando con un magheggio sono state annullate sanzioni per 100 miliardi (MILIARDI) c. Facendo soli gli ipocriti non si fa il bene di nessuno!!!!!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di ersola

ersola

Sab, 21/12/2013 - 19:18

linoano1 ma quando ci farai la sorpresa di scrivere un commento quasi intelligente?

gamma

Sab, 21/12/2013 - 19:35

Caro Feltri sono d'accordo con lei fino ad un certo punto. Purtroppo i "soliti fessi" di cui lei parla non solo con il gioco d'azzardo rovinano se stessi ma trascinano nell'angoscia e nella disperazione le loro famiglie. Spesso la loro storia si conclude drammaticamente con atti estremi. Uno stato e relativo governo che si fa biscazziere o socio dei biscazzieri a mio avviso è uno stato criminale e non merita alcun rispetto ne ubbidienza da parte dei cittadini. Ma addirittura questo governo è andato oltre E' arrivato a minacciare i comuni che cercano di ostacolare il diffondersi di queste infernali (e uso il termine infernali in senso letterale) macchinette. Questo è un comportamento direttamente ed esplicitamente mafioso. Questo governo dovrebbe immediatamente dimettersi se avesse un minimo di senso etico e la magistratura dovrebbe indagare sugli intrecci che sottendono a tutto ciò

lento

Sab, 21/12/2013 - 20:01

Poi dicono che gli Italiani non pagano le tasse!E tutti i soldi che lasciano allo stato con i giochi di stato?

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 21/12/2013 - 20:04

Lo stato, che da anni spaccia alcool e nicotina, oggi asseconda il poveraccio che passa le giornate a gettare soldi nelle note macchinette. Incassa anche qui i proventi fiscali. Compie pure un'opera buona perché con quei soldi dice che farà dei servizi. Poi produce servizi di cui non è capace ed al doppio del loro valore. Ma siamo sicuri che sia davvero la mafia la più grande e pericolosa organizzazione criminale italiana?

slim313

Sab, 21/12/2013 - 20:26

non c'è una minima possibilità di vittoria i gestori possono aprire la macchinette e calcolare il momento esatto in cui la macchina paga

fiducioso

Sab, 21/12/2013 - 21:32

Da giovane facevo assistenza tecnica alle Slot Machine, quelle di una volta, non le attuali. Si poteva intervenire sulla percentuale di vincita (25-30% circa, modificabile) ma non si poteva assolutamente sapere quando la macchina avrebbe pagato. Però mai più della percentuale fissata. Penso che anche le attuali funzionino allo stesso modo.

mikimik

Sab, 21/12/2013 - 21:38

È se lo Stato in giorno decidesse di rientrare in possesso di tutti i beni immobili di proprietà dei partiti, che decidesse di far pagare l'IMU ai sindacati, che riuscisse ad imporre a spendere meglio i fondi europei, che imponesse agli EE.LL. una riduzione drastica delle spese per consulenze, che riorganizzasse sul serio la Pubblica Amministrazione (abolendo quella scellerata riforma dello Scienziato 'Bassanini' ) per modo da ridurre i tanti guai causati ?

Ritratto di Aurora Aronsson

Aurora Aronsson

Dom, 22/12/2013 - 03:51

I corruttori super leges che hanno oliato TUTTI i politici italiani, destra, centro e sinistra, in realtà hanno un DEBITO CON LO STATO di quasi 5 MILIARDI DI EURO... Oliano tutti i funzionari di ogni partito e uniforme, ma non pagano le tasse...

CARLOBERGAMO50

Dom, 22/12/2013 - 07:46

SONO SOLO CRIMINALI. ANDREBBERO PROCESSATI MA PRIMA DEVONO TIRAR FUORI I NOMI DEI PERSONAGGI POLIITICI E NON CHE SONO AI VERTICI DI QUESTA COSCA CRIMINALE CHE LUCRA E NON PAGA QUANTO IL GOVERNO AVEVA LEGIFERATO COME TASSE SUL GIOCO. CHE SCIFO. LETTA SEI UNO DI LORO. RITORNANO I TEMPI DELLA VECCHA D.C. CHE HA LOGORATO L'ITALIA PER DECENNI.