Grandi navi ancora a Venezia. I giudici bocciano il governo

Accolti i ricorsi contro il blocco del Terminal e delle imprese portuali. "Prima dei limiti ci vuole la via alternativa". La prossima udienza a giugno 

Al Tar di Venezia fanno il tifo per Renzi. Sì, perché la decisione di ieri di accogliere la richiesta di sospensiva all'ordinanza che limitava il passaggio delle navi da crociera davanti a San Marco regala due grandi soddisfazioni al rottamatore da poco insediatosi a palazzo Chigi: da un lato gli consente di dimostrare ancora una volta che l'odiato predecessore, Enrico Letta, aveva partorito una soluzione indigeribile e inapplicabile («non appare sostenuta da una adeguata attività istruttoria preliminare»), e dall'altro stoppa un provvedimento che avrebbe causato la perdita di migliaia di posti di lavoro garantiti dalle compagnie di navigazione proprietarie dei «mostri» sguinzagliati in laguna.

Uno a uno e palla al centro. Il gol del pareggio, in realtà, l'hanno segnato Venezia Terminal Passeggeri («Questa decisione conferma la validità delle tesi da sempre sostenute dall'azienda, circa l'inesistenza di pericolosità o di danni dovuti alla circolazione della navi in laguna»), le imprese portuali e il Comitato Cruise Venice che avevano presentato ricorso contro la decisione del governo Letta di stoppare, in maniera graduale, il passaggio dei traghetti. Tecnicamente il pronunciamento del Tar sospende le disposizioni lettiane fino all'udienza di merito fissata per il 12 giugno. Vale la pena ricordare che le limitazioni previste dall'ordinanza prevedevano 708 passaggi nel 2014 nel canale di San Marco per le navi passeggeri di stazza superiore a 40mila tonnellate e il divieto di passaggio nel 2015 per quelle di stazza superiore a 96mila tonnellate. Il Tar del Veneto ha sancito che questi limiti devono essere subordinati «alla disponibilità di praticabili vie di navigazione alternative a quelle vietate, come individuate dall'autorità marittima con proprio provvedimento».

E qui si fa riferimento al nuovo canale Contorta Sant'Angelo, di cui si prevede la realizzazione ma, secondo il timing tipico delle infrastrutture italiche, potrebbe vedere la luce alle calende greche. E secondo il Tar, la graduale interdizione del passaggio delle navi «può essere consentita solo a partire dal momento dell'effettiva disponibilità di una via alternativa». Mica fessi quelli del Tar: un conto è scrivere che il canale si farà, un altro paio di maniche è farlo davvero. Fino ad allora le grandi navi potranno fare il solito, contestatissimo, percorso. E ai comitati che si oppongono a questo «sfregio», sindaco Giorgio Orsoni compreso, non resta che evocare lo spettro dello Schettino di turno, con tragedia veneziana fotocopia di quella del Giglio.

«Siamo fiduciosi che la volontà del governo sarà rispettata commenta Orsoni - e con questa il suo impegno affinché le navi non compatibili siano allontanate dal Bacino di San Marco. Auspico che questo impegno e questa volontà, che sono anche quelle della città e del mondo intero che ci guarda, siano ribaditi ponendo rimedio, ove necessario, ai vizi rilevati dal giudice amministrativo, al fine di raggiungere l'obiettivo ampiamente condiviso anche a livello internazionale».
«La decisione del Tar non può assolutamente distrarci dal voler trovare e realizzare entro il 2016 la via d'acqua alternativa per raggiungere la Marittima - precisa una nota dell'autorità portuale - e ovviare al passaggio davanti San Marco. Il governo, anche su suggerimento del Senato, si è dato 120 giorni di tempo per valutare il Contorta Sant'Angelo o la sua alternativa».

Volendo fare il bilancio tra vincitori e vinti, Orsoni e i comitati «No Grandi Navi» subiscono una brutta botta, mentre Paolo Costa, presidente dell'autorità portuale, vede ribadito il concetto del canale alternativo quale condizione necessaria per lo stop ai traghetti a San Marco. Le compagnie di navigazione mantengono il business e pure i posti di lavoro. Renzi pensa a Letta e, da Berlino, non può che ringraziare in silenzio il giudice del Tar del Veneto.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Mar, 18/03/2014 - 09:29

TAR : cancro dell'Italia.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 18/03/2014 - 09:44

eccone una delle più evidenti dimostrazioni di come i sinistronzi gestiscono i problemi del paese! se una cosa va proibita, loro la ribaltano! se invece una cosa è ammessa, loro la proibiscono! questa è la sinistra che fa rovinare l'italia!!

plaunad

Mar, 18/03/2014 - 09:50

La via alternativa? Semplice, sbattere fuori da Venezia quelle mostruose bagnarole piene di inutili idioti.

Ritratto di kinowa

kinowa

Mar, 18/03/2014 - 10:43

Ancora una volta il TAR và contro la logica e sentenzia "ad cazzum...". Perche una volta per tutte non lo chiudiamo e madiamo quei magistrati superpagati a lavorare veramente? Con la loro esperienza potrebbero trovare lavoro nel campo demolizioni.

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 18/03/2014 - 10:57

E se mai la prua di una nave dovesse incastrarsi dentro il Palazzo Ducale, faremo ricorso al TAR. Poveri idioti.

releone13

Mar, 18/03/2014 - 11:05

Molto bene........l'importante è che poi non vengano a rompere i coglioni quando si dovranno restaurare i palazzi a causa del moto ondoso, oppure pagare i danni se qualche traghetto più piccolo viene centrato da queste meganavi.......perché poi i danni se li pagano loro, no???????????????????????????

Rossana Rossi

Mar, 18/03/2014 - 11:11

concordo pienamente con Mortimermouse......l'ennesimo risultato vergognoso di come è amministrata la malagiustizia italiana......

giosafat

Mar, 18/03/2014 - 11:11

Ancora un pò e la città sarà interamente in mano ai cinesi che già la stanno saccheggiando...e allora altrochè grandi navi in Canal Grande! Tenete care le vecchie foto, e i ricordi, di Venezia...non la ritroveremo più. Non prendetevela col Tar, fa solo il suo sporco mestiere.

releone13

Mar, 18/03/2014 - 11:13

benissimo...basta che poi TUTTI gli eventuali danni li pagano loro, no.....chi ha fatto gol!!!!!!!!!!!Perché è ora di finirla con il fatto che tutti fanno il cazzo che gli pare e poi i danni li paghiamo noi..........Se qualche nave arriva direttamente in Piazza San Marco vorrà dire che avranno un arredo in più........

Beaufou

Mar, 18/03/2014 - 11:49

"la graduale interdizione del passaggio delle navi «può essere consentita solo a partire dal momento dell'effettiva disponibilità di una via alternativa»". Perché, non ci sono vie alternative alle rotte che sfiorano i moli del Canal Grande? C'è tutto l'Adriatico, bisogna proprio infilarsi nel canale? Ah, devono offrire lo spettacolo ai crocieristi? Bene, allora, a titolo cautelativo, ad ogni passaggio si chieda una cospicua cauzione, così almeno al primo incidente serio (che prima o poi si verificherà) si hanno i fondi per rimediare in fretta.

Hook61

Mar, 18/03/2014 - 12:32

Arrivera' anche a Venezia lo schettino di turno, qualcuno ha dei dubbi?

mbotawy'

Mar, 18/03/2014 - 16:42

Questa "distruzione di Venezia" e' dovuta alla maffia che non intende rinunciare ai suoi interessi al Tronchetto,punto di sbarco e di affari a Venezia. Esiste una entrata dal mare diariamente usata dalla grandi navi petrolifiche dirette alla vicina Marghera,10 minuti di bus o vaporetto a Venezia.Un tetto per ricevere i turisti a Marghera non sara' poi cosa impossibile,sia pure una scandagliata a questo Canale dei Petroli. Ovviamente altri interessi personali ostacolano questo impasse.L'attuale "Tronchetto" puo' essere ben usato per il tanto necessitato parcheggio macchine di Piazzale Roma.Quindi..gatta ci cova!

jakc67

Mer, 19/03/2014 - 05:41

beh? un ulteriore conferma che in italia l apparato giudiziario ha preso il comando, tra condanne basate su ipotetici indizi, arresti basati sul nulla e decisioni politiche confutate oggi non si fa nulla se giudice non vuole, amen...